Keystone
Turisti cinesi a Lucerna, in una foto d'archivio.
SVIZZERA
21.09.20 - 22:000
Aggiornamento : 22.09.20 - 09:57

Da Wuhan a Lucerna passando per il Ticino... in gennaio

Il gruppo di turisti cinesi ha attraversato la Svizzera, anche in treno. Al rientro, quattro erano positivi al tampone

Una donna di 53 anni ha contagiato il medico che l'ha visitata a Parigi, dove si sono recati dopo la visita nella Confederazione.

Fonte 20 Minuten / Sven Forster
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Non ci sono solo “i disaccordi” tra Daniel Koch e Alain Berset nel libro realizzato da 14 giornalisti investigativi di Tamedia sui retroscena del lockdown in Svizzera. “Lockdown” (versione in tedesco, mentre in francese esce oggi con il titolo "La première vague") svela pure che il coronavirus ha "toccato" la Svizzera già in gennaio.

Il primo paziente risultato positivo al virus risale al 25 febbraio 2020. Si trattava di un medico di 70 anni del Luganese, contagiato in occasione di un convegno scientifico a Segrate. Ma già a metà gennaio, più di un mese prima, un gruppo di turisti proveniente proprio da Wuhan ha attraversato la Svizzera e tra loro c'era almeno una persona con il virus da SARS-CoV-2.

L'inchiesta dei giornalisti del gruppo Tamedia ha ricostruito minuziosamente il viaggio del gruppetto di Wuhan. La comitiva ha raggiunto Roma dalla Cina il 16 gennaio 2020. Tra loro c'era una donna, 53 anni, con i sintomi tipici del Covid-19: tossiva e si sentiva molto debole. Un bus li ha portati in nord Italia, poi attraverso il Ticino fino a Lucerna. Nella notte tra il 19 e il 20 gennaio hanno soggiornato presso un hotel nel distretto di Sursee. Dopo aver raggiunto Interlaken in treno, il gruppo si è poi spostato in Francia.

È lì che la 53enne ha deciso di contattare l'ambasciata cinese, sentendosi sempre più male. Chiamato il numero d'emergenza, un medico ha raggiunto il suo hotel qualche ora più tardi, senza essere informato del pericolo di contagio. Proprio quel dottore che ha visitato la donna (e sua figlia) a Parigi è stato uno dei primi casi noti di Covid-19 in Europa. Una volta tornati a Wuhan, la 53enne e altri quattro componenti del gruppo di turisti sono risultati positivi al tampone.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata allertata da Taiwan e si è immediatamente messa in contatto con le autorità di Italia, Svizzera e Francia. L'UFSP ha a quel punto effettuato un lavoro di contact tracing, non trovando fortunatamente nessun malato tra i pochissimi che avevano avuto contatti con i cinesi.

«È stato solo un caso se Lucerna non è diventata una dei primi focolai europei», scrivono i giornalisti. Se la donna cinese avesse visto un medico a Lucerna o Interlaken, il virus avrebbe potuto diffondersi prima in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Mascherina al chiuso «anche con la distanza»
La raccomandazione arriva dalla task force della Confederazione
BERNA
5 ore
Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere
Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.
VAUD
8 ore
Prilly, spara alla moglie e poi si suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
SVIZZERA
11 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
12 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
14 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
15 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
16 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile