Keystone
Alain Berset e Daniel Koch, due dei protagonisti della pandemia nel nostro paese.
SVIZZERA
20.09.20 - 12:060
Aggiornamento : 14:51

Scuole chiuse: è Alain Berset che si è opposto a Daniel Koch

Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese

Koch ha sempre voluto mantenere una linea moderata, evitando misure estreme. Ma sulla chiusura delle scuole, è intervenuto Alain Berset.

Fonte Claudia Steiger / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - Durante le fasi più concitate della pandemia, sono stati visti lavorare fianco a fianco, fornendo informazioni sulle infezioni e sulle misure da intraprendere, come sulle conseguenze per la Svizzera durante il lockdown.

Si tratta di Daniel Koch, il noto "Mister Corona", ex capo dell'unità di Malattie trasmissibili dell'Ufficio Federale di Sanità Pubblica, e Alain Berset, il Ministro della Sanità.

Ma come svela un libro realizzato dal Recherchedesk di Tamedia sui retroscena del lockdown in Svizzera, ripreso dalla Sonntagszeitung, dietro le quinte delle conferenze stampa c'è stata una cronaca avvincente, che non sempre li ha visti d'accordo.

Nella pubblicazione si nota come Daniel Koch abbia inizialmente sottovalutato la pandemia: il giorno dopo il lockdown di Wuhan, "Mister Corona" ha detto in un'intervista che non c'era «nessun o pochissimo pericolo» per l'Europa. Inoltre, a fine gennaio considerava eccessivo applicare un obbligo della mascherina. 

Koch e gli epidemiologi - Il rapporto tra Koch e diversi epidemiologi come Marcel Salathé o Christian Althaus non è stato inoltre dei migliori. Mentre gli esperti hanno lanciato presto molti avvertimenti riguardo a una possibile diffusione incontrollata del coronavirus, offrendo le loro conoscenze e il loro aiuto all'UFSP, Daniel Koch ha sempre declinato l'offerta.

Tuttavia, anche con il senno di poi, Koch non ha mai visto questa decisione come un errore. Durante un'intervista successiva ha infatti spiegato che non ha mai trovato utili le critiche e i consigli degli scienziati.

Alla fine, è stato proprio il Consigliere federale Alain Berset a non sostenere più la strada "pacifica" sostenuta da Koch. In un meeting di crisi con i ministri della Sanità dei Paesi vicini, svoltosi a Roma a fine febbraio, Berset si è infatti reso conto «che la situazione in Italia è sfuggita al controllo». In Svizzera, nel frattempo, si tergiversava ancora, cercando di impedire l'implementazione di misure radicali.

Scuole chiuse in dieci minuti - A metà marzo, il Covid-19 è stato dichiarato ufficialmente una pandemia dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

In quel periodo, Daniel Koch si recò in Ticino, dove il Governo aveva già dichiarato lo stato di emergenza. «Nessuno vuole chiudere il Gottardo» disse. Il tema: la chiusura delle scuole dell'obbligo del cantone, una misura contro la quale Mister Corona ha combattuto con successo. «La Confederazione raccomanda di tenere aperte le scuole dell'obbligo», spiegò allora Koch a Bellinzona.

Giovedì 12 marzo è stato «il giorno in cui le cose sono davvero cambiate», ha rivelato Berset.

A tarda sera, infatti, un improvviso SMS di Christian Levrat, Presidente del PS, scuote il Ministro: Parigi aveva appena annunciato la chiusura di tutte le scuole. «Perché?!» si è chiesto Berset, che aveva parlato recentemente con i Ministri francesi, che non avevano intenzione di chiudere, e ha perciò subito chiamato la sua controparte francese, il Ministro Olivier Véran. Secondo una nuova valutazione, gli ha spiegato Verán, anche i bambini possono trasmettere il coronavirus, e più frequentemente di quanto non si pensasse.

Nel giro di dieci minuti, giovedì sera a Berna si è finalmente deciso di chiudere le scuole anche in Svizzera, ignorando il corso "moderato" di Koch. Berset ha poi spiegato che era convinto che la maggior parte dei paesi europei avrebbe seguito l'esempio francese. «A volte è inutile nuotare contro corrente», ha detto.

Da lì in poi, come quasi ovunque nel continente, le lezioni scolastiche in Svizzera si sono tenute online, direttamente da casa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 1 mese fa su tio
uno peggio dell'altro , in primis ol Berset
Loris Zanchetta 1 mese fa su fb
Io non so se solo lo sapevano o no ma Il Virus secondo alcune indiscrezioni era presente in svizzera gia a Gennaio portato da due turisti arrivati da Wuhan che hanno circolato su tutto il territorio nazionale Penso comunque che il Lockdown ( Che poi rispetto a quello che ce stato in Italia) non sia un vero e proprio Lockdown era inevitabile
MIM 1 mese fa su tio
Berset chi? Quello che col covid ha ingrassato le CM?
Dany Pellegrini 1 mese fa su fb
Grande koch ❤️ purtroppo ha lasciato
tip75 1 mese fa su tio
continuo solo a leggere cose poco rispettose . sono morte e stanno morendo moltissime persone, allora era una sorpresa si è reagito tardi ma come meglio si poteva. ora c’è ancora chi parla di scherzo...ditelo a qualcuno di nembro e alzano o bergamo...ci vuole rispetto e norme seplicissime distanza mascherina al chiuso e disinfettarsi e magari smetterla di dar fiato alle trombe solo perché non è successo a qualcuno vicino . l ignoranza e’ la nuova vera piaga , insieme alla mancanza di rispetto.
gigipippa 1 mese fa su tio
La realtà è che al momento del bisogno le scorte di mascherine e disinfettante erano terminate. Le autorità si sono dimostrate impreparate, impartendo raccomandazioni completamente controverse ed incoerenti.
Don Quijote 1 mese fa su tio
Altro che lavarsi le mani, qua stanno cercando di lavare il cervello a una parte della popolazione per sfruttare al massimo il vaccino prodotto dagli amici degli amici!
Mary Maria Baumgartner 1 mese fa su fb
Ma cosa vuoi chiudere ? Distanza, mascherina, lavarsi le mani. Non tutti genitori se lo possono permettere di stare a casa
Patrizio Beccarini 1 mese fa su fb
Mary Maria Baumgartner ma ha letto di cosa stanno parlando??? 🤔🤷🏻‍♂️
Garssia Mira 1 mese fa su fb
la situazione non è buona nelle scuole anche adesso, perché non chiudi?😁
Elisabetta Farolfi 1 mese fa su fb
Garssia Mira non ricoveriamo più nessuno, i decessi sono fermi da mesi. Dovremmo chiudere? Fino a quando? Fino a quando avremo 0 casi? Poi chiudiamo anche le attività e torniamo al lockdown devastando economia e occupazione? Sono anche queste esternazioni esagerate e totalmente ingiustificate a fare imbestialire gli attivisti contro le disposizioni delle autorità. A ogni azione, corrisponde una reazione. Se l’azione è estrema, lo sarà anche la reazione. Dovremmo tutti diventare saggi. Non panico, no isteria, no negazionismo, sì rispetto delle regole e buon senso. Senza demonizzare nessuno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
2 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
4 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
5 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
6 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
SVIZZERA
8 ore
Sunrise-UPC: «È (praticamente) fatta»
L'acquisizione si appresta ad andare in porto: ora l'ex Cablecom controlla il 96.48% delle azioni dell'operatore.
SVIZZERA
8 ore
«Finalmente», «Era ora»: i giornali punzecchiano il Governo
Stampa elvetica critica riguardo alle decisioni «tardive» prese dal Governo per combattere la diffusione del virus.
SVIZZERA
9 ore
«Meno peggio del previsto»
Nei primi nove mesi la performance di Swisscom è in leggero calo, ma migliore di quanto prevedevano gli analisti.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile