Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
17.09.20 - 12:230

Spazio Schengen: si va verso un "ESTA europeo"

Il progetto votato dal Consiglio nazionale mira a introdurre un'autorizzazione d'ingresso

BERNA - La Svizzera deve sviluppare l'acquis di Schengen in vista di un rafforzamento della sicurezza alle frontiere. È quanto pensa il Consiglio nazionale, entrato in materia oggi su due progetti del Consiglio federale per 154 voti a 33, nonostante l'opposizione dei Verdi. Il progetto mira a introdurre un'autorizzazione d'ingresso.

Un "ESTA europeo" - Il sistema europeo d'informazione e di autorizzazione concernente i viaggi (European Travel Information and Authorisation System, ETIAS), una specie di pendant europeo dell'ESTA americano, costituisce un beneficio in termini di sicurezza per la Svizzera, secondo la maggioranza. Con il nuovo sistema i cittadini degli Stati terzi esentati dall'obbligo del visto, che intendono recarsi nello spazio Schengen per un breve soggiorno, dovranno chiedere l'autorizzazione elettronica d'entrata. Verrà pure richiesta per i minorenni. Il richiedente dovrà indicare cognome e nome, nazionalità, indirizzo, coordinate di contatto, livello di formazione, professione e il primo Paese d'ingresso nello spazio Schengen.

Un modo in più per proteggersi - Nel corso del dibattito sull'entrata in materia è stata più volte sottolineata l'importanza di Schengen per la sicurezza del Paese e la necessità di estendere la cooperazione ad altri settori per contrastare il terrorismo, ma anche per proteggere i minori da rapimenti da parte di un genitore.

Divergenze politiche - I Verdi e l'UDC hanno espresso preoccupazione per i nuovi adeguamenti Schengen, ma per ragioni opposte. Per gli ecologisti, Schengen sta diventando un sistema sempre più tentacolare e repressivo volto a criminalizzare i migranti, per esempio procedendo alla schedatura di persone entrate illegalmente, infrangendo così le disposizioni internazionali che vietano la criminalizzazione di azioni simili. Insomma, il principio di proporzionalità non viene rispettato. Il PS, scontento per gli inasprimenti al diritto degli stranieri, ha dal canto suo sostenuto che senza miglioramenti su determinati aspetti si asterrà al voto finale. I democentristi, seppur d'accordo col progetto governativo, ne chiedevano il rinvio al Consiglio federale, temendo che le disposizioni europee avrebbero reso più difficile l'espulsione di stranieri indesiderabili. La ministra di giustizia e polizia, Karin Keller-Sutter, ha rassicurato che il progetto non avrà ripercussioni su questo aspetto. La proposta UDC di rinvio al governo è stata respinta per 140 voti a 51.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 mese fa su tio
Pare che verrà abolito l'accordo di Dublino ( quello di rispedire al mittente dove nella Nazione ha appoggiato il primo piede ). Chissà cosa inventeranno ??
Mag 1 mese fa su tio
Passo dopo passo verso ... il controllo globale elettronico.
roma 1 mese fa su tio
...al primo, o al massimo secondo, "conguaglio" delle spese di riscaldamento dei palazzi in Svizzera i verdi fanno la fine di alcuni ghiacciai...
grumpy 1 mese fa su tio
Se i Verdi si occupassero di ambiente invece di fare da spalla ai compagni rossi, mi sarebbero anche piu' simpatici. E in qualche caso avrebbero anche il mio voto. E sono certo che molti la pensano allo stesso modo.
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Molto bene... :-))))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
5 ore
«Una maratona in pieno Covid? Ma è uno scherzo?»
Mentre si prendono misure drastiche per frenare la diffusione del virus, la gara di Losanna non viene cancellata.
SVIZZERA
6 ore
"Coronavirus International" sopra i quattro milioni
Si è conclusa alle 23 la raccolta fondi della Giornata nazionale della solidarietà
BASILEA CITTÀ
7 ore
I numeri (rubati) di poliziotti e agenti di sicurezza su un sito di estrema sinistra
Nel mirino persone legate al centro di asilo federale Bässlergut
FRANCIA / SVIZZERA
7 ore
Ramadan indagato per stupro su una quinta donna
Già nel 2018 la procura di Parigi aveva chiesto la sua iscrizione nel registro degli indagati per questo caso
ZURIGO
9 ore
Swiss: il CEO non vede necessità di ulteriori crediti
Klühr ha dichiarato che entro fine anno avrà a disposizione ancora un miliardo di franchi.
SVIZZERA
10 ore
Gli esperti bocciano la distanza di 1,5 metri
Gli esperti chiedono all’UFSP d'inserire nella sua strategia di difesa anche le infezioni attraverso le goccioline
SVIZZERA
10 ore
Il 2020 di Valora dovrebbe essere positivo, nonostante tutto
C'è stata una ripresa dopo la perdita registrata - causa lockdown - nei primi sei mesi dell'anno
ZUGO
11 ore
Per una coccinella, scontro tra tre auto
Singolare la dinamica: lo scontro si è verificato per salvare la vita al piccolo insetto.
SVIZZERA
11 ore
«Un secondo lockdown va evitato a ogni costo»
È l'indicazione emersa dalla tavola rotonda promossa dal Dipartimento federale dell'economia
BERNA
11 ore
Svizzera arrestata in Bielorussia: sedici parlamentari ne chiedono il rilascio
La donna rischia fino a cinque anni di carcere per aver tolto il passamontagna a un poliziotto.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile