keystone (archivio)
BERNA
11.09.20 - 14:320

Sono 4 le priorità della Svizzera

Una di queste è la gestione su scala mondiale delle conseguenze della COVID-19.

Saranno presentate in occasione della 75a Assemblea generale dell’ONU.

BERNA - Nel mese di giugno 2020 il Consiglio federale ha stabilito le priorità per la 75a Assemblea generale dell'ONU, che avrà inizio a settembre. Sulla base della Strategia di politica estera 2020-2023 e delle sue quattro priorità tematiche (pace e sicurezza, sostenibilità, prosperità e digitalizzazione), e alla luce della propria candidatura per un seggio nel Consiglio di sicurezza per il periodo 2023-2024, la Svizzera si è data le quattro priorità elencate di seguito.

- Gestione delle conseguenze della COVID-19: la COVID-19 pone il mondo intero di fronte a grandi sfide. La Svizzera si batte affinché la risposta dell’ONU si basi su dati scientifici e vada soprattutto a vantaggio delle persone maggiormente colpite dalla pandemia e dalle sue conseguenze.

- Riforme dell’ONU: l’ONU può far fronte alle sfide attuali solo se riesce a essere efficiente ed efficace. Per questo la Svizzera continua a sostenere le riforme del segretario generale delle Nazioni Unite e la relativa attuazione, con particolare attenzione alle attività sul campo.

- Cybersicurezza e governance digitale: gli sviluppi in questo settore portano al contempo opportunità e rischi per le persone e la società. L’ONU è una piattaforma adeguata per i necessari dibattiti interstatali. Pertanto la Svizzera partecipa ai processi dell’ONU sulla sicurezza e la criminalità in ambito cyber come pure sulla governance digitale. A questo proposito si adopera per l’applicabilità del diritto internazionale nello spazio digitale.

- Ginevra internazionale: la Svizzera è lo Stato ospite di molte organizzazioni internazionali. Questo ruolo deve essere rafforzato, come indicato nel messaggio approvato nel 2019, al fine di posizionare la Ginevra internazionale quale centro di competenza della governance globale per i temi del futuro.

La Svizzera continua a operare nei suoi tradizionali ambiti di attività. Per esempio, è attiva nel settore della pace e della sicurezza per la prevenzione di conflitti e, in questo campo, prende parte a numerosi processi, tra i quali figura la sessione speciale dell’Assemblea generale dell’ONU sulla corruzione. Per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile, restano cruciali la lotta al cambiamento climatico e il sostegno all’Agenda 2030. In questo ambito è anche importante la rilevazione di dati affidabili per misurare i progressi compiuti nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Per questo motivo la Svizzera organizza a Berna il prossimo Forum mondiale delle Nazioni Unite sui dati, che a causa della pandemia di coronavirus è stato posticipato al 2021. Nel settore dei diritti umani, quest’anno l’attenzione si concentrerà sulla libertà di espressione, di riunione e di associazione, sulla lotta alla pena di morte e sui diritti delle donne.

Le Commissioni della politica estera del Parlamento sono state consultate riguardo alle priorità.

Condizioni particolari per la settimana di apertura

Solitamente in occasione dell’apertura ad alto livello dell’Assemblea generale dell’ONU si recano a New York numerosi capi di Stato e di Governo, che colgono l’occasione per partecipare a incontri bilaterali a margine degli eventi ufficiali. L’anno scorso erano presenti quasi 150 capi di Stato e di Governo. A causa del coronavirus, tuttavia, le grandi manifestazioni e i viaggi internazionali sono possibili solo in misura limitata. Per questo gli Stati membri dell’ONU hanno deciso che gran parte degli eventi della settimana di apertura avrà luogo online e che la durata del vertice non sarà di una sola settimana ma di due (dal 21 settembre al 2 ottobre 2020). La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e il consigliere federale Ignazio Cassis rappresenteranno virtualmente la Svizzera durante la settimana ad alto livello.

Il 21 settembre è in programma un evento in onore del 75° anniversario dell’ONU, a cui parteciperà il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis. Il 22 settembre si terrà il dibattito generale durante il quale la presidente della Confederazione terrà un discorso a nome della Svizzera. Nel corso delle due settimane Simonetta Sommaruga parteciperà inoltre a manifestazioni sulla biodiversità, sulla cooperazione digitale e sui diritti delle donne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
spank77 2 mesi fa su tio
Saresti molto gentile se mettessi anche le fonti statistiche che guardi, perché a me risulta che la povertà in diverse regioni del mondo sono riusciti a diminuirla, hanno creato scuole, ospedali,, e reso possibile l accesso a cure e vaccini a diverse persone, . Che e ancora molto lavoro da fare ma da li a dire che e peggiorato... E come sputare addosso all operato di organizzazioni come Unicef e molte altre.
Tenero72 2 mesi fa su tio
@spank77 Una goccia nel mare non é un obiettivo raggiunto, si sforzano é vero, ma é un correre dietro al vento.
spank77 2 mesi fa su tio
@Tenero72 Allora non facciamo niente.
Tenero72 2 mesi fa su tio
Tra i principali obiettivi dell’ONU vi sono il mantenimento della pace e della sicurezza mondiale e lo sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni. Dal 1945 ad oggi, l’ONU ha raggiunto i seguenti obiettivi: Mantenimento della pace a livello Mondiale: NON raggiunto (peggiorato) Mantenimento della sicurezza a livello Mondiale: NON raggiunto (peggiorato) Sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni: NON raggiunto, anzi sempre più nazioni cercano di calpestarsi l’una con l’altra. Gli uomini potenti delle varie nazioni che rappresentano l`ONU si troveranno e firmeranno nuovi trattati di pace, firmeranno riforme, faranno promesse del tipo: nel 2080 ridurremo i carburanti fossili, nel 2090 ridurremo gli aerei da guerra e nel 2100 ridurremo dello 0,001% la fame nel mondo.
Tato50 2 mesi fa su tio
@Tenero72 Poi le truppe che dovrebbero mantenere la pace violentano le donne e i militi olandesi si girano dall'altra parte mentre dietro di loro avviene una carneficina-;(
spank77 2 mesi fa su tio
@Tenero72 Comunque non è che confondi ka NATO (sicurezza) con l ONU (diritti fondamentali) ? La Svizzera non fa parte della NATO essendo neutrale, ma ha una funzione da intermediario "Pacifico".
Tenero72 2 mesi fa su tio
@spank77 Penso che non hai ben capito cosa sono ONU e NATO. La NATO non è altro che un'alleanza militare a favore dei paesi in situazioni di crisi e che mette in atto le risoluzioni del consiglio di sicurezza dell’ONU. L’ONU , invece, è un’organizzazione intergovernativa che si occupa di sviluppo economico, progresso socioculturale, diritti umani e sicurezza internazionale per i Paesi in difficoltà. Mentre la NATO si occupa solo di risoluzioni a livello militare, l’ONU ha un raggio di azione più ampio in termini di difesa dei diritti umani nel mondo. Pertanto é vero che la Svizzera in quanto neutrale non fa parte della NATO (non si sporca direttamente le mani di sangue), ma fa parte dell’ONU, ente da cui partono le risoluzioni riguardanti la sicurezza mondiale. Detta breve: La NATO va sul campo armata, L’ONU se ne sta in ufficio a decidere sulla carta come risolvere i problemi del mondo.
Tenero72 2 mesi fa su tio
@spank77 Penso che non hai ben capito cosa sono ONU e NATO. La NATO non è altro che un'alleanza militare a favore dei paesi in situazioni di crisi e che mette in atto le risoluzioni del consiglio di sicurezza dell’ONU. L’ONU , invece, è un’organizzazione intergovernativa che si occupa di sviluppo economico, progresso socioculturale, diritti umani e sicurezza internazionale per i Paesi in difficoltà. Mentre la NATO si occupa solo di risoluzioni a livello militare, l’ONU ha un raggio di azione più ampio in termini di difesa dei diritti umani nel mondo. Pertanto é vero che la Svizzera in quanto neutrale non fa parte della NATO (non si sporca direttamente le mani di sangue), ma fa parte dell’ONU, ente da cui partono le risoluzioni riguardanti la sicurezza mondiale.
spank77 2 mesi fa su tio
@Tenero72 Sono Due strutture diverse, due scopi diversi, due sedi diversi. L ONU non si occupa di sicurezza, ma di diritti. L ONU e legato alla fao, Unicef,... E altri con obiettivi simili. La NATO collabora con L ONU per esempio per aiutare i bambini nei paesi in guerra o per garantire LN operato di organizzazioni non governative, come per esempio proteggere ospedali ecc
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
48 min
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
1 ora
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
SVIZZERA
1 ora
Sunrise-UPC: svelati i nomi della nuova direzione
Sono figure di entrambe le aziende originarie: «Ora possiamo contare su una squadra eccezionale».
SVIZZERA
2 ore
Dieci persone, ma da due nuclei familiari al massimo
Sarebbe, secondo indiscrezioni, una delle misure che il Consiglio federale annuncerà oggi
ZURIGO
10 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
12 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
17 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
18 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
18 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
19 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile