tipress (archivio)
BERNA
11.09.20 - 11:430

I vaccini non convincono gli svizzeri

Meno della metà della popolazione crede che siano realmente efficaci.

Stando a uno studio, lo scetticismo europeo sarebbe il più alto al mondo.

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - La fiducia nei vaccini in Svizzera è piuttosto bassa nel raffronto internazionale, tanto che meno della metà dei cittadini elvetici - più precisamente il 45% - crede nella loro efficacia. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista "The Lancet", in generale sul tema c'è più scetticismo in Europa che nel resto del mondo.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 149 Paesi nell'ambito del loro lavoro. L'inchiesta, durata oltre quattro anni (settembre 2015-dicembre 2019), si suddivide in 290 sondaggi che hanno coinvolto in totale oltre 284'000 persone. Le domande rivolte al campione di partecipanti riguardavano efficacia, sicurezza e importanza dei vaccini.

Una delle conclusioni a cui si arriva è che le vaccinazioni convincono meno in Europa che altrove. Vi è tuttavia da segnalare un aumento della fiducia in Stati quali l'Italia, la Francia e la Finlandia. Globalmente, fanno notare gli autori, più una nazione si trova confrontata con un'instabilità politica o con estremismi religiosi e più la diffidenza cresce. Stando agli esperti le campagne mirate di disinformazione rivestono un ruolo molto importante a tal proposito.

Scende anche importanza percepita - Sul piano internazionale la Svizzera occupa la parte bassa della classifica. Detto dell'opinione sull'efficacia dei vaccini - la quota di chi la sostiene è scesa tra il 2015 e il 2019 dal 50% al 45% - vi è anche da riportare la diminuzione della fetta di popolazione che li considera importanti (dal 65% al 53%). Perlomeno in controtendenza, pur se non in modo particolarmente rilevante, il tasso di chi li ritiene sicuri, salito dal 30% al 33%.

«Questi risultati vanno di pari passo con il declino del numero di persone che si vaccinano contro l'influenza», afferma a Keystone-ATS Sonja Merten, dell'Istituto tropicale e di salute pubblica svizzero (Swiss TPH). L'esperta conosce bene il tema, essendo parte di una squadra che si occupa di studiare i motivi all'origine della titubanza a farsi vaccinare.

Il numero di vaccinazioni fra i bambini non è calato, evidenzia la ricercatrice. Quelle combinate costituiscono però un problema: i genitori sono meno in grado di decidere contro quali malattie proteggere i loro figli e quando farlo.

Vittime del successo - Secondo Merten inoltre, paradossalmente i vaccini «sono vittime del proprio successo». Grazie al loro utilizzo infatti, molte malattie sono di fatto scomparse dalla Svizzera e, all'interno dell'opinione pubblica, ciò porta ad aver più paura dei possibili effetti collaterali di un vaccino che della patologia stessa.

Altro aspetto da non sottovalutare è quello legato al parere dei dottori. Un precedente studio realizzato da Merten e dai suoi colleghi ha messo in luce come i medici non si posizionino chiaramente sull'argomento vaccini. Un'attitudine che insinua il dubbio nei pazienti e mina le loro certezze.

Pochi contro, in molti esitano - Sono comunque pochi gli svizzeri che si oppongono fermamente ai vaccini. «Il gruppo dei più veementi è estremamente ridotto», assicura il sociologo Michael Deml, a sua volta di Swiss TPH. La maggior parte delle persone non sono contrarie, bensì semplicemente indecise o esitanti.

Infine, atri lavori recenti respingono lo stereotipo secondo il quale i fautori della medicina complementare o alternativa sconsigliano ai propri pazienti di farsi vaccinare. Vi è invece una discussione riguardo a rischi e conseguenze, puntualizza Deml. Ciò incute fiducia, un aspetto centrale in vista del futuro vaccino contro il Covid-19.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 10 mesi fa su tio
Non sono più vaccini, ma un insieme di sostanze chimiche fra le quali molte sono sconosciute. A me fanno paura questi cocktail! Da adolescente ho avuto una reazione al vaccino contro la tubercolosi: la zona della puntura ha spurgato per più di un mese.
pillola rossa 10 mesi fa su tio
Un sondaggio corretto avrebbe dovuto essere: sono favorevole, sono contrario, non so, altro. E invece per quelli favorevoli si inserisce la frase acchiappa click, mentre per quelli a sfavore la si rende grottesca. Complimenti!
sedelin 10 mesi fa su tio
@pillola rossa ho votato "altro" per questo motivo.
pillola rossa 10 mesi fa su tio
@sedelin Infatti anche io. Ovvio che a tutti sta a cuore la salute delle persone. Ma non tutti ritengono che l'approccio vaccinale sia la soluzione. E non tutti i contrari al vaccino si scagliano contro big pharma. Si tratta di un sondaggio tendenzioso. Il Giornalismo è tutt'altra cosa.
MIM 10 mesi fa su tio
Io faccio una netta distinzione tra un vaccino influenzale e un altro. Vedo criticamente i vaccini influenzali, e ritengo indispensabili gli altri.
interceptors 10 mesi fa su tio
@MIM Esatto! Polio, difterite, tetano, pertosse, morbillo, parotite e rosolia, necessari. Influenzali, portano solo ad un indebolimento del nostro sistema immunitario. Mia esperienza personale, ho lavorato per una ditta che mi obbligava vaccinarmi contro l'influenza, e l'ho sempre presa, cambiato datore di lavoro, niente più vaccinazione da 15anni, e non l'ho più presa.....
francox 10 mesi fa su tio
Un vaccino viene testato per anni, per poter escludere reazioni tardive (ma solo per un periodo lungo quanto la durata del test..). Ognuno poi faccia come crede.
sedelin 10 mesi fa su tio
dannosi
Tenero72 10 mesi fa su tio
“Determinati vaccini”, non convincono gli svizzeri in quanto sono/siamo persone che ragionano con la propria testa e non tutti gli svizzeri si lasciano plasmare o condizionare dalle promesse miracolose di determinati vaccini. Alcuni vaccini possono funzionare bene su determinate persone e avere effetti collaterali su altre. Altri vaccini, come quelli influenzali sono studiati sul virus influenzale degli anni precedenti e non sempre agiscono su un influenza o virus nuovo. Nessun ricercatore garantirà mai, che un vaccino non potrebbe avere conseguenze negative dopo qualche anno. L’essere umano, i ricercatori, gli scienziati, i medici, credono di sapere molto su come siamo fatti e infatti con il passare degli anni hanno appreso molto. Purtroppo però, la dimostrazione che l’essere umano non é in grado di sconfiggere virus e malattie é dimostrato dalle tante malattie presenti e mai sconfitte.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
«Gli chiedo di mettere la mascherina. E loro mi augurano la morte»
Con l’avanzare della campagna di vaccinazione, i toni dei clienti verso il personale di vendita si sono inaspriti.
SVIZZERA
10 ore
«Senza il vaccino avremmo presto avuto un migliaio di morti in più»
Nonostante la somministrazione di due dosi di vaccino, contagi e decessi non possono essere esclusi.
FOTO
ZURIGO
13 ore
«In 40 anni mai visto niente di simile»
Frutta avariata e verdura marcia: gli agricoltori di tutta la Svizzera stanno soffrendo le conseguenze del maltempo.
SVIZZERA
19 ore
Covid in Svizzera: 853 contagi, 14 ricoveri e due decessi
Nelle ultime ventiquattro ore il 4,4% dei test è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
21 ore
Fondi del Tesoro russo: abbandonato il procedimento per riciclaggio
Il Ministero pubblico della Confederazione ha però ordinato la confisca di quattro milioni di franchi
SVIZZERA
21 ore
Attenzione ai fuochi di artificio!
I consigli degli esperti in vista dei festeggiamenti del Primo Agosto
SAN GALLO
1 gior
Famiglia colpita da alcuni rami, morto un bimbo di sei mesi
Lui e la madre erano rimasti gravemente feriti ieri pomeriggio. Nella notte il piccolo è spirato.
BERNA
1 gior
Un matrimonio che disturba
Il 26 settembre la Svizzera si esprime sull'apertura alle coppie gay. Temi e tappe di un lungo percorso.
NIDVALDO
1 gior
In viaggio con un carico di 532 chili sul tetto
Il mezzo è stato fermato lungo l'autostrada A2, in territorio nidvaldese
LUCERNA
1 gior
L'Fc Lucerna denunciato per i festeggiamenti
La Coppa svizzera potrebbe costare cara ai vincitori, a causa degli assembramenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile