Deposit
SOLETTA
01.09.20 - 15:320

Giardini rocciosi messi al bando

Il Parlamento appoggia una proposta del PS: «In estate immagazzinano calore e riducono lo spazio per piante e animali».

SOLETTA - Il Gran Consiglio solettese ha trasmesso oggi al governo un incarico del PS in cui si chiede di limitare i cosiddetti giardini rocciosi.

Il Consiglio di Stato dovrà ora informare e sensibilizzare giardinieri e proprietari d'immobili di modo che vengano allestiti quanto meno giardini rocciosi possibile. Inoltre l'esecutivo deve adoperarsi perché quelli esistenti vengano rinaturati. Questi giardini, che presentano estese superfici coperte da ghiaia, pietrame e massi, sono infatti totalmente o in parte privi di vegetazione.

L'incarico - "Auftrag", atto parlamentare che nel Cantone ha sostituito la mozione e il postulato - è stato accolto con una chiara maggioranza. Durante il dibattito tutti i partiti eccetto l'UDC si sono dichiarati a favore.

Il portavoce del gruppo socialista ha spiegato che in estate i giardini rocciosi immagazzinano il calore, inoltre essi riducono lo spazio vitale per piante e animali. Il portavoce del gruppo democentrista ha per contro asserito che bisogna «onorare il rispetto alla proprietà privata».

Il governo sosteneva l'incarico, in quanto - a suo avviso - la richiesta di evitare accumuli di pietre nei giardini è giustificata. Esso si è dunque detto pronto ad appoggiare le campagne d'informazione delle organizzazioni ambientaliste e delle associazioni dei giardinieri.

I Comuni possono inserire nel regolamento edilizio disposizioni relative all'allestimento dei giardini privati; il Consiglio di Stato afferma di essere disposto ad aiutarli.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
non sarebbe meglio togliere l'asfalto sulle strade di accesso alle case dei PS? darebbero molto spazio vitale all'erba, ai fiori ed a tutta la natura. In quantità decisamente superiore a quella dei giardini rocciosi
Monello 1 anno fa su tio
...Tho almeno un grosso problema è stato risolto !! ma non è finita signori miei ora bisognera discutere e trovare una soluzione per la problematica riguradante gli acari che vivono nello zerbino...li lasciamo o li togliamo ???....affaire a suivre !!!
sedelin 1 anno fa su tio
bene, decisione sensata e intelligente!
RV50 1 anno fa su tio
Ora devono essere i partiti a decidere come voglio allestire il mio giardino ? A quando il controllo della carta igenica!!!!! A qualcuno la pandemia ha dato alla testa.
Equalizer 1 anno fa su tio
@RV50 Quando dicevo che sembriamo sempre più alla DDR....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
47 min
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
ZURIGO
1 ora
Va a fuoco un'azienda di rifiuti
Le fiamme sono divampate questa notte a Glattburg (ZH). I pompieri al lavoro fino all'alba
LUCERNA
2 ore
Ucciso a coltellate nella stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
14 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
16 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
16 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
20 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
22 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
22 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
1 gior
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile