Keystone (immagine illustrativa)
ZURIGO
25.08.20 - 11:290
Aggiornamento : 16:29

«Il mio capo mi ha rinchiusa per due ore nella cella frigorifera»

Un'apprendista ha denunciato il suo ex datore di lavoro. La polizia sta indagando.

La giovane era stata costretta al silenzio pure dal padre. A tre anni di distanza, ha però deciso di rendere pubblica la sua terribile esperienza.

Fonte 20Minuten/Remo Schraner
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

ZURIGO - Erano le sei del mattino quando J.I. ha iniziato la sua giornata in una filiale zurighese della catena di negozi VOI Migros-Partner. All'epoca, la svizzero-tedesca aveva 16 anni e aveva appena iniziato il suo apprendistato nel negozio. Quel giorno lavorava con il vicedirettore di filiale. I due dovevano preparare il negozio prima che aprisse al pubblico. «Eravamo soli e mi ha detto di andare a prendere il pane nella cella frigorifera, per poi cuocerlo nel forno».

L'adolescente è quindi andata a indossare la giacca per proteggersi dal freddo. «Tutto era nuovo per me. Era il mio primo mese da apprendista. Gli ho chiesto diverse cose, comprese alcune spiegazioni sulle diverse mansioni lavorative». Ma secondo J.I., il suo capo era stressato. «Ero già nella cella frigorifera quando gli ho chiesto aiuto a più riprese. Le mie domande lo infastidivano. Allora ha deciso di rinchiudermi. Ho picchiato i pugni sulla porta e ho urlato. Invano. Nessuno è venuto. La porta era chiusa dall'esterno».

«Non volevo morire» - La giovane donna, che ora ha 19 anni, ricorda di aver fatto diverse flessioni sulle gambe per non congelarsi. La temperatura nella cella frigorifera era di -18 gradi. «Non volevo morire. Non sentivo più i piedi e le mani».

«Continua a lavorare» - Dopo due lunghe ore, il suo capo l'avrebbe finalmente liberata dicendo: «Allora, hai finito?». J.I. si ricorda una cosa in particolare: «Avevo un dolore tremendo alla testa. Sono corsa in bagno dove ho vomitato più volte». E aggiunge: «Quando è arrivato il direttore della filiale, gli ho raccontato tutto. Ma ha detto che dovevo continuare a lavorare».

Costretta al silenzio dal padre - La sera, quando è arrivata a casa, J.I. ha raccontato a sua madre la terribile esperienza. Durante un incontro organizzato tra i due superiori, J.I. e la madre, i due uomini avrebbero cercato di minimizzare i fatti: «Hanno detto che non ero rinchiusa nella cella frigorifera e che avrei potuto uscire in qualsiasi momento». La giovane, allora, si era rifiutata di sporgere denuncia: «Mio padre aveva un rapporto commerciale con il capo della filiale. Aveva paura di perdere soldi. Mi ha costretto a non dire a nessuno di questo incidente». Contattato da 20 Minuten, l'uomo non ha voluto parlare.

No comment - È quindi solo ora, tre anni dopo gli eventi, che J.I. ha trovato il coraggio di sporgere denuncia. «Ho aspettato fino alla fine del mio apprendistato per farlo». Il vicedirettore che l'avrebbe rinchiusa nella cella frigorifera, nel frattempo, lavora più nella filiale in questione. Contattato, si è rifiutato di commentare le accuse. Idem per il direttore della filiale.

La polizia cantonale di Zurigo si sta occupando del caso. L'indagine è in corso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SVIZZERA / UNIVERSO
5 ore
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
ZURIGO
7 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
8 ore
«Non vogliamo vaccinare i bambini per ora»
Il punto da Berna con la responsabile delle malattie infettive Virginie Masserey e il capo-farmacista dell'Esercito
GRIGIONI
9 ore
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
10 ore
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
10 ore
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
10 ore
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
SVIZZERA
11 ore
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile