Keystone
SVIZZERA
19.08.20 - 12:570
Aggiornamento : 14:28

Approvate le dimissioni anticipate di Lauber

Cade dunque la procedura di destituzione del procuratore generale della Confederazione

BERNA - Con l'inoltro delle sue dimissioni per la fine di questo mese, la procedura di destituzione avviata dalla Commissione giudiziaria del parlamento nei confronti del procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber, non ha più ragion d'essere. È quanto indicato oggi dalla stessa istanza in una nota, in cui si precisa che il parlamento potrà decidere su un successore di Lauber in dicembre.

Oltre ad aver approvato le dimissioni anticipate - previste per il 31 dicembre 2021 con un termine di disdetta di sei mesi - la Commissione precisa che Lauber avrà diritto a un corrispettivo finanziario per i giorni di vacanza non goduti, secondo la prassi consueta prevista dal diritto in materia di personale.

La Commissione ha preso atto che il procuratore generale della Confederazione ha rassegnato le dimissioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e ha proposto di ridurre il termine di disdetta di cinque mesi. Poiché la Commissione ha approvato questa riduzione, Lauber potrà andarsene il 31 agosto.

La nota non dice nulla sull'ammontare della somma che spetta ancora a Lauber. Davanti ai media, il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR), ha mantenuto il riserbo.

Con le dimissioni, la procedura di destituzione avviata il 20 maggio scorso dalla Commissione giudiziaria «diviene priva di oggetto, motivo per cui oggi l'ha sospesa formalmente con effetto dal primo settembre», ha poi aggiunto Caroni.

Stando al comunicato, l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) provvederà a garantire che, come previsto dalle disposizioni legali, le funzioni di Lauber siano esercitate dall'inizio di settembre dai due sostituti procuratori generali.

La Commissione intende sottoporre all'Assemblea federale la sua proposta per l'elezione del nuovo procuratore generale per il resto del periodo amministrativo nel corso della sessione invernale. Stando agli osservatori, gli attuali sostituti procuratori Ruedi Montanari e Jacques Rayroud non dovrebbero figurare tra i candidati al posto di Lauber. L'entrata in funzione del nuovo procuratore generale dipenderà dalla disponibilità dell'eletto, ha sottolineato Caroni.

Lauber, i problemi non sono finiti - Con la decisione odierna della Commissione giudiziaria di accogliere le dimissioni del procuratore generale e d'interrompere la procedura di destituzione, i problemi per Lauber non sono finiti.

Lo scorso 11 agosto, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati (CAG-S) si è espressa infatti a favore della soppressione dell'immunità del procuratore generale, al centro di una vicenda giudiziaria a causa dei suoi incontri con il presidente della Federazione internazionale di calcio (FIFA) Gianni Infantino (vedi box). Il 24 agosto, toccherà alla Commissione specifica del Nazionale decidere se privare o meno Lauber dell'immunità.

Stefan Keller, il procuratore federale straordinario che si occupa del caso, vorrebbe perseguire Lauber per abuso di autorità, violazione del segreto d'ufficio, favoreggiamento e istigazione a tali atti. Keller ha inoltre avviato un procedimento penale contro Infantino e il primo procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold, poiché è incaricato di esaminare le denunce penali legate a questa vicenda.

Dall'esame di due incarti relativi agli incontri non protocollati fra il procuratore generale, il presidente della FIFA e il primo procuratore dell'Alto Vallese, sono emersi «segni di un atto di rilevanza penale», aveva indicato a fine luglio l'AV-MPC.

La vicenda - Lauber aveva incontrato il presidente della FIFA e il procuratore dell'Alto Vallese nel giugno 2017. Secondo quanto dichiarato alla stampa dallo stesso procuratore generale nel novembre 2018, Arnold aveva trasmesso al responsabile dell'informazione del Ministero pubblico della Confederazione il desiderio dell'italo-vallesano Infantino d'incontrare il procuratore generale. Al primo incontro tra Infantino e Lauber ha partecipato, secondo quest'ultimo, anche il magistrato vallesano. Il procuratore generale della Confederazione, travolto dal caso, ha presentato formalmente le sue dimissioni lo scorso 24 luglio per la fine di agosto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
49 min
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
1 ora
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
SVIZZERA
1 ora
La delusione dei vaccinati
Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini
SVIZZERA
1 ora
Omicron: anche i vaccinati devono fare la quarantena
Il motivo? «Una misura precauzionale finché non ne sappiamo di più», spiegano dall'Ufficio federale di Sanità Pubblica
SVIZZERA
2 ore
400 km in sella a favore dei malati di Parkinson
I responsabili del progetto "Temperature in sella" hanno donato 10'000 franchi all'Associazione Parkinson Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
17 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
19 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
20 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
21 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile