Keystone
Mario Fehr
ZURIGO
05.08.20 - 16:410
Aggiornamento : 17:00

Paesi a rischio: Cantone e aeroporto tengono d'occhio i rimpatri

La collaborazione rappresenta una «vera svolta» secondo il Dipartimento della sicurezza zurighese.

Ogni giorno a Zurigo atterrano almeno 10 aerei provenienti da zone a rischio.

ZURIGO - Il cantone di Zurigo riceve dalle compagnie aeree, all'aeroporto di Zurigo, i dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio. Secondo il capo del Dipartimento della sicurezza Mario Fehr (PS) questa collaborazione con le compagnie aeree è una «vera svolta».

L'obiettivo del provvedimento è di far rispettare la quarantena prescritta per tutte le persone provenienti da Paesi con un maggiore rischio di infezione da coronavirus. La quarantena di dieci giorni ha lo scopo di evitare un aumento esponenziale delle nuove infezioni.

I dati vengono raccolti dalla polizia aeroportuale, che fa parte della cantonale, ha spiegato Fehr durante una conferenza stampa oggi pomeriggio all'aeroscalo zurighese.

Gli agenti ritirano presso la compagnia aerea i moduli di contatto che ogni passeggero interessato deve compilare. Chi risiede nel cantone di Zurigo viene poi registrato elettronicamente. Le informazioni vengono trasmesse al team di contact-tracing della direzione sanitaria.

«I dati non vengono mai inseriti nel sistema di polizia», ha sottolineato il comandante della cantonale, Bruno Keller. Misure di polizia vengono adottate solo nel caso in cui si riceva una segnalazione di sospetta scorrettezza, proveniente dalla direzione sanitaria o da vicini o da supervisori.

Grazie a questi dati, la direzione sanitaria può confrontare quanti viaggiatori provenienti da Paesi a rischio si sono registrati come prescritto e quanti sono effettivamente arrivati. Secondo il capo della polizia Keller, finora sono arrivate a Zurigo 8600 persone provenienti da Paesi a rischio, di cui circa il 15% vive nel cantone.

Secondo la direttiva chi entra in Svizzera proveniente da Paesi definiti dalla Confederazione a rischio o con elevato rischio di infezione da coronavirus deve mettersi immediatamente in quarantena, inoltre entro due giorni deve annunciarsi presso la direzione della sanità. Le infrazioni possono comportare una multa di 10'000 franchi.

Le autorità federali hanno conferito al cantone di Zurigo il compito di far rispettare la quarantena. «Ed è quello che stiamo facendo», ha detto Fehr. «Faremo tutto il possibile affinché le persone che tornano da Paesi a rischio si mettano in quarantena». A tale scopo il Cantone ha bisogno degli elenchi dei passeggeri: non si può contare unicamente sull'onestà dei viaggiatori che rientrano, ha aggiunto Fehr.

Il cantone di Zurigo è «forte nell'esecuzione» e vuole essere credibile, ha spiegato il direttore della sicurezza. «Le persone che si recano nei Paesi a rischio devono sapere che nel cantone di Zurigo devono stare in quarantena», ha detto. «Forse riconsidereranno il loro comportamento in materia di viaggio».

L'esperienza pratica del Cantone mostra che la maggiore minaccia per la popolazione per quanto riguarda il coronavirus sono le persone provenienti da Paesi a rischio.

Il cantone di Zurigo è pronto a farsi carico della registrazione dei passeggeri anche per gli altri Cantoni, ha sottolineato il direttore della sicurezza. Tuttavia, questi Cantoni devono rivolgersi alle compagnie aeree.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
1 min
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
1 ora
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
2 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
2 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
3 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
4 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
6 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
7 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
URI
8 ore
Di nuovo chiusa l'Axenstrasse
Alcuni massi sono precipitati sulla carreggiata tra Sisikon e Flüelen ieri sera.
ZURIGO
9 ore
Attivisti per il clima occupano le banche in Paradeplatz
Circa 200 persone si sono radunate all'entrata delle sedi di UBS e Credit Suisse questa mattina.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile