Immobili
Veicoli
Keystone/20Minuten
LIBANO / SVIZZERA
05.08.20 - 16:460

«Sembra che da qui sia passata la guerra»

La 26enne svizzera Souraya Khaled vive vicino al porto di Beirut. Ecco come ha vissuto l'esplosione.

«All'inizio pensavamo fosse un terremoto», racconta. Una tragedia che, tra incertezze e interrogativi, colpisce un Paese già in crisi.

BEIRUT - Il giorno dopo la gigantesca esplosione di Beirut, lo shock di Souraya Khaled è ancora profondo. La 26enne è cresciuta a Baden (AG) e vive nella capitale libanese da quasi dieci anni. «La situazione qui è tragica. Molte persone sono morte, e moltissime hanno perso la casa. Sembra che sia passata la guerra», racconta. Vedere la città distrutta così le ha spezzato il cuore.

Al momento dell'incidente, lei e suo marito si trovava a circa un chilometro dal porto. «Abbiamo sentito la prima esplosione. All'inizio abbiamo pensato che fosse un terremoto perché l'intero appartamento tremava. Così siamo corsi a cercare rifugio sotto una trave. Poi abbiamo sentito la seconda, più grande esplosione. Che è stata terribile, ma grazie a Dio solo le finestre si sono rotte».

Incertezza e interrogativi - «Non sono mai stata così spaventata. Non ho mai visto niente di così brutto, nemmeno nel 2006, quando ci fu una guerra tra Israele e Hezbollah», prosegue nel suo racconto. In poco tempo gli ospedali si sono trovati sovraffollati. «Un mio amico è ricoverato in condizioni critiche. Si trovava in centro, dove la forza dell'esplosione è stata maggiore», dice la giovane. Le persone si fanno domande sulla causa dell'incidente. «Nessuno sa esattamente cosa sia successo. Ci sono molte voci». E non si sa nemmeno con precisione se sono state rilasciate sostanze tossiche. «Abbiamo immediatamente chiuso le finestre. Quando usciamo, dobbiamo indossare due maschere».

Brutta crisi economica - Molti libanesi sono arrabbiati e chiedono un'indagine approfondita per capire come sia potuta avvenire l'esplosione. La tragedia ha colpito un Paese, il Libano, che è in una profonda recessione. «La vita qui è diventata sempre più difficile negli ultimi tre mesi. C'è stata una rapida inflazione, molte persone non possono più permettersi di mangiare». Per lungo tempo, un dollaro costava 1'500 sterline libanesi, ora ne servono 8'000 sul mercato nero. «Nonostante la difficile situazione, ho sempre sperato che le cose sarebbero andate presto meglio», dice Souraya Khaled. «Dopo ieri, è difficile mantenere la speranza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
5 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SVIZZERA
7 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
8 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
8 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
GRIGIONI
11 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
GINEVRA
14 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
15 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
16 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
18 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile