Keystone/20Minuten
LIBANO / SVIZZERA
05.08.20 - 16:460

«Sembra che da qui sia passata la guerra»

La 26enne svizzera Souraya Khaled vive vicino al porto di Beirut. Ecco come ha vissuto l'esplosione.

«All'inizio pensavamo fosse un terremoto», racconta. Una tragedia che, tra incertezze e interrogativi, colpisce un Paese già in crisi.

BEIRUT - Il giorno dopo la gigantesca esplosione di Beirut, lo shock di Souraya Khaled è ancora profondo. La 26enne è cresciuta a Baden (AG) e vive nella capitale libanese da quasi dieci anni. «La situazione qui è tragica. Molte persone sono morte, e moltissime hanno perso la casa. Sembra che sia passata la guerra», racconta. Vedere la città distrutta così le ha spezzato il cuore.

Al momento dell'incidente, lei e suo marito si trovava a circa un chilometro dal porto. «Abbiamo sentito la prima esplosione. All'inizio abbiamo pensato che fosse un terremoto perché l'intero appartamento tremava. Così siamo corsi a cercare rifugio sotto una trave. Poi abbiamo sentito la seconda, più grande esplosione. Che è stata terribile, ma grazie a Dio solo le finestre si sono rotte».

Incertezza e interrogativi - «Non sono mai stata così spaventata. Non ho mai visto niente di così brutto, nemmeno nel 2006, quando ci fu una guerra tra Israele e Hezbollah», prosegue nel suo racconto. In poco tempo gli ospedali si sono trovati sovraffollati. «Un mio amico è ricoverato in condizioni critiche. Si trovava in centro, dove la forza dell'esplosione è stata maggiore», dice la giovane. Le persone si fanno domande sulla causa dell'incidente. «Nessuno sa esattamente cosa sia successo. Ci sono molte voci». E non si sa nemmeno con precisione se sono state rilasciate sostanze tossiche. «Abbiamo immediatamente chiuso le finestre. Quando usciamo, dobbiamo indossare due maschere».

Brutta crisi economica - Molti libanesi sono arrabbiati e chiedono un'indagine approfondita per capire come sia potuta avvenire l'esplosione. La tragedia ha colpito un Paese, il Libano, che è in una profonda recessione. «La vita qui è diventata sempre più difficile negli ultimi tre mesi. C'è stata una rapida inflazione, molte persone non possono più permettersi di mangiare». Per lungo tempo, un dollaro costava 1'500 sterline libanesi, ora ne servono 8'000 sul mercato nero. «Nonostante la difficile situazione, ho sempre sperato che le cose sarebbero andate presto meglio», dice Souraya Khaled. «Dopo ieri, è difficile mantenere la speranza».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Il nuovo Mister Corona si è già dimesso
Stefan Kuster, successore di Daniel Koch, aveva iniziato ad aprile e lascia per «motivi personali»
SCIAFFUSA
20 min
Alla guida del suo tir con un paio di birrette di troppo
Un conducente ceco è stato fermato a Sciaffusa con lo 0,7 permille e una montagna di vuoti nell'abitacolo
ARGOVIA
1 ora
Cade dalla sedia a rotelle e si ferisce
Il ferimento della figurante si è verificato durante un'esercitazione di salvataggio nel nuovo tunnel di Eppenberg.
SVIZZERA
2 ore
Sommaruga va da Conte e Mattarella
Martedì prossimo la presidente della Confederazione si recherà a Roma.
SVIZZERA
2 ore
UBS-Credit Suisse: «Le trattative sono state interrotte»
Ci sarebbero molte perplessità all'interno delle rispettive delegazioni sulla possibile fusione fra le due banche.
MONDO
2 ore
Il 2019 ha arricchito i già ricchi
Gli svizzeri primeggiano nella ricchezza lorda pro capite, ma sono anche i più indebitati al mondo
SVIZZERA
3 ore
Multa da 600mila dollari per Credit Suisse
Un portavoce ha spiegato che è stato lo stesso istituto ad accorgersi degli errori nella consegna dei dati
SVIZZERA
4 ore
La percentuale di tamponi positivi resta costante
Da qualche settimana il tasso di positività fluttua tra il 3.4% e il 4%: oggi si attesta al 3.4%.
SVIZZERA
5 ore
Le morti si spostano fuoripista
L'annuale statistica dell'UPI mostra come ci sia stata un'evoluzione nei decessi legati agli sport invernali.
SVIZZERA
6 ore
L'UDC boccia il "suo" giudice, gli altri partiti lo rieleggono
I giudici del Tribunale federale per i prossimi cinque anni sono stati nominati dall'Assemblea federale.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile