Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
24.07.20 - 15:310
Aggiornamento : 16:06

300 franchi di multa e 710 di spese: «Non c'è sproporzione»

Le spese procedurali comprendono gli onorari per il servizio dell'autorità e gli esborsi per coprire i costi sostenuti

Argovia ha un apposito decreto sulle spese di procedura, che consente di addebitare i costi di polizia come "esborsi"

LOSANNA - Spese di procedura di 710 franchi non sono troppe per una multa di 300 franchi. I due importi «non hanno una relazione diretta» e gli oneri devono servire solo a coprire i costi effettivi dell'autorità. Lo ha stabilito il Tribunale federale (TF) esaminando il caso di un'automobilista che ravvisava una violazione del principio di proporzionalità.

La presa in considerazione della sanzione per fissare le spese di procedura avrebbe come conseguenza di imporre una sanzione supplementare. Una pratica del genere sarebbe illegale e in contraddizione con lo scopo dell'emolumento, sottolinea nella sentenza pubblicata oggi la Corte suprema con sede a Losanna. Quest'ultima ha rilevato che in questo caso non c'è stata alcuna sproporzione tra i costi e l'infrazione dell'automobilista.

Il TF non ha esaminato se la multa dovesse comunque costituire il limite massimo per l'ammontare dei costi amministrativi delle autorità. 

In base al Codice di procedura penale (CPP), le spese procedurali comprendono gli onorari per il servizio dell'autorità e gli esborsi per coprire le spese effettivamente sostenute. E tali costi possono essere addebitati alle parti. Argovia ha un apposito decreto sulle spese di procedura, che consente di addebitare le spese di polizia come "esborsi" ai sensi del CPP. La corte federale ha quindi confermato il calcolo del tribunale argoviese. 

La donna dovrà ora pagare altri 3'000 franchi per la procedura davanti alla Corte suprema.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
1 ora
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
2 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
3 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
3 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
3 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
5 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
SVIZZERA
5 ore
La crisi del cioccolato svizzero
La produzione è in calo. E anche noi ne mangiamo meno: per la prima volta dal 1982 consumi sotto i 10 chili a testa
SVIZZERA
5 ore
Bene cibo e hi-tech, male il resto
Il commercio al dettaglio ha sofferto nel mese di gennaio, con alcune eccezioni. I dati dell'UST
SVIZZERA
6 ore
Anche i giocattoli colpiti dalla crisi del coronavirus
Nel 2020 Franz Carl Weber ha perso 2 milioni di franchi. È però stato registrato un aumento delle vendite online
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile