keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
SVIZZERA
22.07.20 - 08:470

Il nuovo capo della task force scientifica si esprime sull'applicazione SwissCovid

Martin Ackermann è convinto dell'utilità dell'app di tracciamento dei contagi

Il futuro responsabile della task force ha inoltre commentato la questione dei rimpatri dopo le vacanze

BERNA - Malgrado l'efficacia debba ancora essere testata, l'app SwissCovid ha grande potenziale. Ne è sicuro Martin Ackermann, che dal primo agosto prenderà le redini della task force scientifica creata dalla Confederazione per il coronavirus sostituendo Matthias Egger.

È importante disporre di buoni dati riguardo alla pandemia in Svizzera, ha affermato Ackermann in un'intervista apparsa sulle edizioni odierne dei giornali del gruppo CH Media. Per l'esperto in microbiologia al Politecnico di Zurigo e all'Istituto di ricerca sulle acque (Eawag) è «fondamentale sapere in quali situazioni si verificano i contagi».

In questo senso, l'app SwissCovid, che ieri era attivata sui cellulari di 945'700 persone, è un'ottima risorsa. Tuttavia al momento mancano una serie di informazioni per capire la sua reale utilità. Ad esempio non si sa quante delle persone che hanno ricevuto una notifica - in quanto entrate in contatto per un certo lasso di tempo con un individuo poi risultato positivo - siano state effettivamente infettate, dichiara lo scienziato.

Stando ad Ackermann l'app è uno degli strumenti più rilevanti tra tutti quelli impiegati nella lotta contro la pandemia. L'obiettivo è ora di ampliare il suo raggio d'influenza, convincendo un'altra fetta della popolazione a scaricarla e attivarla sul proprio smartphone.

Vacanze all'estero - Nell'intervista il futuro responsabile della task force ha inoltre commentato la questione dei rimpatri dopo le vacanze, particolarmente spinosa per chi rientra da un Paese considerato a rischio dal punto di vista epidemiologico. Come noto, un viaggio in uno di questi Stati comporta l'obbligo di quarantena una volta tornati in Svizzera.

Secondo Ackermann «non è realistico» intercettare e registrare tutti i viaggiatori negli aeroporti o alle frontiere. Spetta dunque a ogni singolo individuo annunciarsi alle autorità e mettersi in quarantena per dieci giorni scongiurando la possibilità di contagiare altre persone.

A tal proposito, Ackermann si dice convinto che la comunicazione debba migliorare. «La gente deve essere consapevole del fatto che si prende dei rischi» quando si reca in Paesi con una difficile o poco chiara situazione riguardo al coronavirus.

Ennesimo punto delicato sulla diffusione del virus è quello relativo al pericolo per i nonni che si prendono cura dei nipoti durante le vacanze. «È dimostrato che i bambini si infettano meno spesso e trasmettono la malattia meno facilmente», riconosce Ackermann, aggiungendo però che «può succedere».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
spank77 1 anno fa su tio
Dario Ravessoud No... No...no..Non e così. Per i locali con contact tracking hanno il tuo nome... Ma Swiss covid app no. Ti arriva un messaggio di avvertimento. Non sanno chi sei. sei solo un numero e basta. Sta alla persona sapere fare la scelta giusta in seguito.
sedelin 1 anno fa su tio
prima il tam tam dei numeri di contagi, adesso che non ce ne sono é iniziato il tam tam dell'app :-/
seo56 1 anno fa su tio
Baggianate
marco17 1 anno fa su tio
Non serve a niente e se ne stanno accorgendo in molti, Quindi continua l'informazione a senso unico in favore di questa fantozziana "cag* pazzesca".
spank77 1 anno fa su tio
@marco17 Basta dire che non la trovi utile. Il resto e per...
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
3 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
4 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
4 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
19 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
22 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
23 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
1 gior
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile