Keystone
VALLESE
21.07.20 - 13:380

Sul Cervino a 11 anni, l'impresa divide le guide alpine

Alcune ritengono che non ci sia nulla di straordinario, altre parlano di esasperazione dei genitori.

ZERMATT - Non fa l'unanimità l'impresa di Jules Molyneaux, ragazzo scozzese di 11 anni, che ha scalato il Cervino, salendo dalla Svizzera. Le guide alpine italiane si dividono nel giudicare questa precoce scalata, che, comunque, non è un record: una quindicina di anni fa una bambina di otto anni raggiunse i 4.478 metri della Gran Becca salendo dal versante italiano.

«Sul piano mediatico magari può fare notizia, ma io so che ci sono guide che hanno portato precocemente i loro figli in montagna, su ascensioni di questo tipo, quindi non ci vedo nulla di straordinario. Per me dipende dall'allenamento, dalle abitudini, dallo stile di vita», commenta Pietro Giglio, presidente del Collegio nazionale delle guide alpine italiane e dell'Unione valdostana guide alta montagna.

«Non mi sento di condannare. Poi magari ci sarà il medico, il fisiologo, che dirà il contrario, che l'organismo del ragazzino a quell'età non è adatto», aggiunge Giglio. «Ce ne sono sicuramente altri - prosegue - che fanno queste performance ma che non le segnalano».

Di tutt'altro avviso la guida alpina Lucio Trucco, che sul Cervino lavora da sempre: «Non ha alcun senso portare un bambino di 11 anni, che è in pieno sviluppo, non ha ancora conoscenza del proprio corpo, su una montagna come il Cervino. Secondo me sono delle esasperazioni dei genitori, non del bambino che non sa neanche cos'è il Cervino. Lui viene esaltato dal genitore e quindi viene spinto a farlo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
sto dalla parte di lucio trucco
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
13 min
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
2 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
2 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
3 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
11 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
12 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
17 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
21 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
22 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
1 gior
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile