keystone-sda.ch (JEAN-CHRISTOPHE BOTT)
La puntualità deve ritornare la priorità numero uno delle FFS, spiega Vincent Ducrot.
SVIZZERA
03.07.20 - 14:320

La priorità numero uno per le FFS? «La puntualità»

Vincent Ducrot non ritiene che l'obbligo di mascherina dissuada le persone dal prendere i treni

YVERDON-LES-BAINS - «La puntualità deve ritornare la priorità numero uno», ha affermato il nuovo CEO delle FFS Vincent Ducrot, che oggi ha tenuto una conferenza stampa per fare il bilancio dei suoi primi 100 giorni a capo dell'ex regia federale.

«Bisogna fare di più per i clienti», ha detto oggi a Yverdon-les-Bains (VD) il manager friburghese. Per fare ciò, verranno introdotti nuovi metodi di analisi e ha spiegato che sarà necessario adottare «rapidamente misure di correzione», senza dover sistematicamente aspettare il cambio annuale di orario.

Situazione finanziaria «seria» - Quest'anno, tuttavia, il quadro si è complicato a causa del coronavirus. «Finora abbiamo superato bene la crisi, anche se è stato molto difficile», ha detto il nuovo numero uno delle Ferrovie federali svizzere, ringraziando il personale e aggiungendo che le perdite dell'esercizio corrente ammonteranno a diverse centinaia di milioni di franchi.

Ducrot non è tuttavia soddisfatto dello stato attuale delle FFS. La situazione finanziaria è «seria» a causa del coronavirus e anche molti passeggeri sono giustamente insoddisfatti, ha aggiunto.

Grazie al sostegno della Confederazione, al momento non ci saranno problemi di liquidità. Due giorni fa il Consiglio federale è corso in aiuto alle FFS, che potranno ricevere dalla Confederazione 550 milioni di franchi in più sotto forma di mutuo a breve termine. Per garantire la solvibilità sino a fine 2020 il limite è infatti stato alzato da 200 a 750 milioni di franchi. «Non sappiamo ancora se useremo questi soldi, ma prevenire è meglio che curare», ha detto Ducrot.

Il nuovo CEO ha spiegato che le FFS hanno ormai recuperato tra il 60 e il 70% della loro clientela, ma per tornare ai livelli precedenti a questa crisi ci vorranno almeno due anni. Sebbene la situazione appaia difficile, per Ducrot un aumento del prezzo dei biglietti e degli abbonamenti «non è all'ordine del giorno», ha assicurato.

L'ex regia federale, in collaborazione con la Confederazione, elaborerà una pianificazione a medio termine per stabilizzare il debito. «Le FFS dovranno tuttavia coprire da sole la perdita di entrate derivanti dal traffico a lunga distanza e dagli immobili», ha dichiarato oggi Ducrot.

Si teme per il meteo, non per la mascherina - Sul timore di un eventuale calo della clientela in seguito all'obbligo - in vigore dal prossimo lunedì - d'indossare la mascherina sui trasporti pubblici, il friburghese si è detto convinto che ciò non dissuaderà i passeggeri.

«Contiamo su un po' più di disciplina tra i clienti. Funziona in Francia o in Germania, non c'è motivo per cui non dovrebbe funzionare anche qui», ha detto Ducrot. Secondo il CEO, a giocare un ruolo «più determinante» saranno invece le condizioni atmosferiche. Una meteo favorevole potrebbe infatti invogliare gli svizzeri a salire sui treni quest'estate.

Il sistema ha raggiunto i suoi limiti - Secondo il manager friburghese, attualmente le prestazioni offerte dalle FFS non sono sufficientemente affidabili. «Questo è spesso insoddisfacente per i nostri clienti», ha ammesso.

In futuro, il successore di Andreas Meyer vorrebbe apportare dei miglioramenti sul piano operativo puntando sull'innovazione. «Il sistema ferroviario non è abbastanza robusto e ha raggiunto i suoi limiti», ha indicato il nuovo CEO, secondo cui le FFS dispongono di un numero insufficiente di treni di riserva. Ci sono inoltre lacune anche negli investimenti per la manutenzione della flotta, ha aggiunto.

Attualmente, le FFS investono un miliardo di franchi all'anno per la manutenzione e i nuovi acquisti di treni. Per migliorare e rafforzare questi ambiti, i fondi saranno aumentati a 1,3 miliardi, ha annunciato il 57enne friburghese.

Per ottenere una migliore puntualità, gli orari per i prossimi anni saranno sottoposti a un test da parte di esperti interni ed esterni. Inoltre, i cantieri saranno organizzati e pianificati in modo da consentire un'operatività ferroviaria più stabile, ha aggiunto Ducrot, precisando che i lavori sulla linea saranno ripartiti meglio sull'arco dell'anno. Per evitare troppe perturbazioni, essi verranno svolti maggiormente di notte, nei fine settimana e durante le vacanze.

Il nuovo CEO ha poi affermato che il personale di guida sarà rinforzato: in autunno saranno in formazione 340 macchinisti, ovvero il 10% del personale attuale in questo ramo. Tutte queste misure sono volte a migliorare l'offerta di servizi per i clienti, ha ribadito Ducrot.

Nuovo CEO dopo 13 anni - Ducrot ha preso le redini delle FFS lo scorso primo di aprile, nel bel mezzo della crisi del coronavirus. Il 57enne friburghese succede ad Andreas Meyer, che ha lasciato la carica dopo oltre tredici anni.

Il nuovo CEO è stato direttore generale dei Trasporti pubblici friburghesi (TPF) dal giugno 2011 fino allo scorso anno. Ha già lavorato per le FFS dal 1993 al 2011, prima come responsabile del dipartimento d'informatica, poi come responsabile ad interim del traffico passeggeri e dal 1999 come responsabile delle linee a lunga percorrenza. È anche vicepresidente dell'Unione dei trasporti pubblici (UTP).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Fran 1 mese fa su tio
Aumentando come "Buon inizio" gli abbonamenti GA x studenti da 2600 a 3800 (circa)....
tartux 1 mese fa su tio
Le ffs sono detenute al 100% dalla confederazione cosa gliene frega se per un anno a causa di una pandemia va a 0erdere soldi? Stiamo a vedere che taglieranno e aumenteranno i costi dei biglietti con la scusa che hanno ricevuto quei 550milioni (ma sono soldi che la confederazione alda a se stessa quindi...)
seo56 1 mese fa su tio
Ahahah
KilBill65 1 mese fa su tio
La priorità numero uno per le FFS? «La puntualità» Si....Una volta ne gli anni 80/90 da li in poi disastro…..E non poteva mancare gli aumenti dei costi dei biglietti/abbonamenti del treno!!…..Caro signor Vincent Ducrot ha molto da lavorare sulle problematiche…. Speriamo che ci riesca, Il personaggio di prima faceva orecchio da mercante!!!.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
1 ora
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
8 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
10 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
13 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
16 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile