Keystone
SVIZZERA
03.07.20 - 13:430
Aggiornamento : 15:12

«Senza mascherina si scende dal treno»

A Berna sono state spiegate le modifiche che entreranno in vigore da lunedì.

L'obiettivo è arginare una nuova diffusione del virus e «tornare alla situazione di inizio giugno». I collaboratori delle FFS non potranno dare multe, ma potranno esortare i passeggeri a lasciare i treni.

BERNA - Patrick Mathys, capo sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP, Cornelia Lüthy, Vicedirettrice della Segreteria di Stato per la migrazione (SEM), Boris Zürcher, capo della divisione lavoro della SECO, Toni Häne, responsabile del trasporto passeggeri delle FFS, Christa Hostettler, membro del CdA di AutoPostale e Mike Schüpbach, vicedirettore della sezione Area legale dell'UFSP hanno preso la parola quest'oggi a Berna per una conferenza stampa sulle nuove misure che verranno introdotte a partire da lunedì.

Vogliamo tornare come a inizio giugno - Il primo a essere intervenuto è stato Patrick Mathys, che ha spiegato l'attuale contesto mondiale ed europeo: «Il numero di casi nei Paesi a noi vicini è in aumento». Poi si è focalizzato sulla situazione epidemiologica in Svizzera, anch'essa peggiorata rispetto a qualche giorno fa: «Non è prevedibile quanto rapidamente il numero di casi continuerà ad aumentare. L'obiettivo è tornare ai numeri di inizio giugno».

Due nuove misure - Proprio per questo motivo, il Consiglio federale ha deciso di introdurre due misure: le mascherine sui trasporti pubblici e la quarantena per i viaggiatori che tornano da una regione a rischio. Per questo motivo si sconsiglia di intraprendere un viaggio in questi Paesi. 

Quali sono i Paesi a rischio - I paesi vengono inseriti nell'elenco di quelli a rischio se si registra un elevato numero di casi. Tuttavia, i Paesi possono essere inclusi nell'elenco anche nel caso in cui i dati sulle infezioni sono insufficienti o la cui accuratezza è messa in dubbio.

Cantoni più responsabili - La Confederazione ha poi deciso di rendere i Cantoni maggiormente responsabili. «L'obiettivo non è introdurre ulteriori misure a livello nazionale», ha affermato Mathys. I Cantoni dovrebbero «lavorare con il bisturi e le pinzette dove è noto che ci siano problemi».

Proteggere se stessi e gli altri - Il settore dei trasporti pubblici sostiene il requisito della mascherina sui trasporti pubblici. «Chi la indossa protegge se stesso e gli altri. Viaggia in sicurezza», ha affermato Toni Häne, responsabile del trasporto passeggeri delle FFS. Le regole sono semplici, afferma Häne, e valgono a livello nazionale. «La mascherina deve essere indossata ogni volta che si viaggia con i mezzi pubblici».

Senza mascherina si scende dal treno - Häne aggiunge: «Il personale dei trasporti pubblici - treni, autobus, tram, battelli e funivie - non ha poteri di polizia. I dipendenti ammoniscono, ma non possono dare multe. A chi si rifiuta di indossarle però può essere chiesto di lasciare il treno, l'autobus ecc. alla fermata successiva». Se la situazione dovesse richiederlo, si ricorrerà alla Polizia dei trasporti o ai servizi di sicurezza competenti.

Si potrà mangiare e bere - Come in precedenza, si potrà mangiare e bere nei trasporti pubblici. In quei momenti la mascherina potrà essere tolta. Sono dispensati dall’obbligo della mascherina unicamente i bambini fino a 12 anni di età e le persone che per motivi medici non possono indossarla. Per motivi di sicurezza, il personale viaggiante nelle cabine di guida non indosserà la mascherina.

Chi controlla la quarantena? - Terminati gli interventi, è stato il momento delle domande dei giornalisti. A chi ha chiesto come si può controllare che la quarantena venga rispettata è stato risposto che questo non è possibile perché non ci sono informazioni puntuali su che entra nel nostro Paese (eccetto chi arriva in aereo). Si potranno però fare dei controlli a campione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
2 ore
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
9 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
10 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
13 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
17 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile