KEYSTONE
Un ginevrino con doppio passaporto elvetico ed egiziano è ufficialmente in corsa per diventare direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio.
SVIZZERA
10.06.20 - 08:420

Un ginevrino candidato alla direzione del WTO

Il nome di Hamid Mamdouh è stato proposto dal governo egiziano

GINEVRA - Un ginevrino con doppio passaporto elvetico ed egiziano è ufficialmente in corsa per diventare direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO/OMC). Si tratta di Hamid Mamdouh, specialista di trattative internazionali che sino al 2017 ha curato vari mandati per la WTO, anche come capodivisione.

Un portavoce del 67enne ha confermato che la candidatura è stata avanzata dal governo egiziano. Mamdouh, che parla arabo, inglese e francese e che è attualmente attivo in uno studio legale ginevrino, considera la sua figura come ponte fra i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo. Se fosse eletto si impegnerebbe per una maggiore cooperazione in seno all'organizzazione.

L'ambasciatore elvetico presso la WTO, Didier Chambovey, ha indicato a Keystone-ATS che la Confederazione prende atto della candidatura di Mamdouh e che la valuterà. L'attuale direttore Roberto Azevedo in maggio ha annunciato anticipatamente le dimissioni per il 31 agosto, un anno prima della scadenza del suo secondo mandato, adducendo motivi familiari.

Per succedergli ha espresso fra l'altro interesse il commissario Ue al commercio Phil Hogan. Candidati già in corsa sono il vicedirettore del WTO Jesus Seade Kuri, proposto dal Messico, e Ngozi Okonjo-Iweala, un'esperta di sviluppo e finanza che ha il sostegno della Nigeria. Gli interessati hanno tempo sino all'8 luglio per farsi avanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
3 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
6 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
9 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
9 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
9 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
10 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
12 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
SVIZZERA
13 ore
Vaccino dai cinque anni in su: «Siamo in ritardo»
In Svizzera, contrariamente all'UE, i bambini sotto i 12 anni non possono ancora vaccinarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile