Archivio Keystone
URI
03.06.20 - 14:320

Undici pecore uccise dai lupi

Per il Canton Uri si tratta di un numero «insolitamente» alto in così pochi giorni

REALP - Ripetuti attacchi di lupi a due greggi di pecore a Realp hanno causato negli ultimi giorni la morte di almeno undici capi, quasi quanto in tutto l'anno passato. All'appello mancano ancora 22 animali. Le greggi colpite nella zona di Steinbergen non erano protette.

I tre presunti attacchi nell'Urserntal sono avvenuti tra mercoledì e domenica scorsa, ha spiegato il responsabile della caccia del Canton Uri Josef Walker, a conferma della notizia apparsa mercoledì sulla Urner Zeitung. Le due greggi di circa cento capi appartengono a due proprietari.

I custodi delle greggi avevano già comunicato al guardiano della selvaggina la presenza di lacerazioni sul corpo delle pecore. In base alle caratteristiche delle ferite si suppone che siano state causate da un lupo. «Per il Canton Uri si tratta di numero insolitamente alto di pecore uccise in breve tempo - osserva Walker - in quanto nel cantone l'anno scorso sono state dilaniate dal lupo dodici pecore».

Walker ha inoltre sottolineato che, considerata l'ottantina di lupi presenti in Svizzera, ci si debba aspettare attacchi quotidiani. Le greggi dell'Urserntal non erano protette né da una recinzione, né da un cane da guardia.

Risarcimento per i proprietari - L'eventuale abbattimento di un lupo è possibile soltanto dopo un attacco a greggi di pecore protette da recinzioni, oppure se pascolano laddove non è comprensibilmente possibile un'adeguata protezione per ragioni topografiche. Inoltre l'evento dovrebbe causare un certo numero di vittime in un breve lasso di tempo. Secondo Walker, nella zona sarebbero state uccise 15 pecore.

I proprietari vengono indennizzati malgrado la mancanza di una protezione del gregge. La situazione cambierebbe qualora venisse approvata la nuova legge sulla caccia sulla quale gli elettori svizzeri voteranno in autunno.

Anche sull'altro versante del passo dell'Oberalp, nella Surselva (GR), nelle ultime settimane alcune pecore sono state dilaniate dai lupi. «Pur considerando la presenza di un branco di grandi predatori nell'intera zona, greggi di pecore e di capre continuano a pascolare liberalmente e incustodite», scrive in un comunicato Gruppe Wolf Switzerland. «I lupi hanno ormai imparato a cacciare gli animali da allevamento in questo modo. E questo provoca un effetto negativo sull'allevamento di animali di piccola taglia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
52 min
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
1 ora
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
3 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
4 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
4 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
6 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
7 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
8 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
SVIZZERA
8 ore
Un occupato su quattro in Svizzera lavora per una multinazionale
Fra il 2014 e il 2019 il numero di posti di lavoro nelle imprese a controllo cinese è più che settuplicato
SVIZZERA
9 ore
L’esperto: «Feste a Capodanno per mantenere le persone felici»
C’è chi esorta a revocare il coprifuoco in occasione dell’ultimo dell’anno. «Le restrizioni sono un pericolo sociale»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile