Keystone (archivio)
ZURIGO
29.05.20 - 10:590

«Segnalare un problema non è tradimento»

Il Cda dell'ospedale universitario ha deciso di creare una struttura esterna per proteggere i dipendenti che denunciano.

Il presidente Martin Waser: «Va avviato un cambiamento di cultura aziendale».

ZURIGO - A seguito dei recenti contrasti che hanno coinvolto tre direttori di cliniche, il consiglio di amministrazione dell'Ospedale universitario di Zurigo ha deciso di creare una struttura esterna per proteggere i dipendenti che intendono comunicare l'esistenza di problemi.

L'Ospedale universitario di Zurigo deve avviare un cambiamento di cultura aziendale. La direzione deve comunicare chiaramente che non è un tradimento segnalare i problemi, dice il presidente del consiglio di amministrazione dell'ospedale Martin Waser in un'intervista pubblicata oggi dalla NZZ. In passato, le segnalazioni di "informatori" a volte non sono state trattate.

Il fatto che ora i problemi siano diventati noti al pubblico è dovuto anche a conflitti interni, osserva Waser. In un ambiente altamente competitivo gli intrighi non sono nulla di insolito. Per molti è fondamentale raggiungere una posizione di comando, ma al vertice ci sono poche posizioni, aggiunge.

La rivalità che a volte esistono tra alcune cliniche nasce anche dalla lotta per la ripartizione degli onorari. «E ciò è veleno per la collaborazione», dice Waser. Perciò egli è favorevole a stipendi fissi, al posto degli onorari che i primari possono attribuirsi.

Si tratta di un sacco di soldi: ogni anno ci sono a disposizione circa 60 milioni di franchi, che vanno distribuiti alle 44 cliniche, precisa Waser. E ci sono sempre complicate questioni di delimitazione. «Se volessimo fare tutto correttamente con il sistema attuale, avremmo bisogno di 100 persone per controllarlo», aggiunge.

Secondo il presidente del cda, anche la politica ha una responsabilità, perché la base giuridica per un tale cambiamento deve provenire dal Gran Consiglio. Purtroppo quest'ultimo ha mancato l'occasione di stabilire l'indirizzo opportuno in occasione della revisione della legge sugli onorari, si rammarica Waser. Il parlamento cantonale ha infatti bocciato una revisione nel 2017, ma ora le premesse sono diverse, conclude.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
48 min
Anziani: più problemi di salute mentale a causa del Covid
Il centro svizzero-tedesco per i reclami della terza età lo scorso anno è stato contattato 697.
SVIZZERA
3 ore
Pericolo listeriosi dall'insalata
I lotti interessati dovrebbero essere stati venduti alle Migros di Vaud, Vallese e Ginevra
SVIZZERA
4 ore
Anche i media online riceveranno dei contributi
Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo
ZURIGO
5 ore
Passaporto vaccinale? «Stiamo guardando all'Europa»
Alain Berset in visita nel Canton Zurigo fa il punto sulla pandemia
SVIZZERA
5 ore
Gli insegnamenti della pandemia: la salute passa dalla psiche
Secondo l'Accademia di medicina umana, troppo spesso ci si concentra solo sul fisico, dimenticando la mente
BERNA
6 ore
«Non abbiamo ancora abbastanza vaccini»
I negozi svizzeri sono aperti. In diretta da Berna gli esperti della Confederazione e dei Cantoni.
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus in Svizzera, 1'130 contagi e 16 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore l'ospedalizzazione si è resa necessaria per 57 persone col Covid
SVIZZERA
8 ore
Il Covid-19 affossa le auto... ma le elettriche sorridono
In un 2021 straziante per quanto riguarda la vendita dei veicoli, c'è chi ha sofferto meno
SVIZZERA
8 ore
Scatta l'inchiesta sull'aereo precipitato nel Lago di Costanza
L'indagine è stata ufficialmente avviata dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza
ZURIGO 
9 ore
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile