Panne sul treno, ma le mascherine per il bus sostitutivo non ci sono
Keystone
In treno, come in bus, se possibile è consigliabile evitare l'ora di punta.
SVIZZERA
13.05.20 - 08:320
Aggiornamento : 13:54

Panne sul treno, ma le mascherine per il bus sostitutivo non ci sono

Un guasto a un convoglio ha costretto i passeggeri a utilizzare un bus sostitutivo.

Sul mezzo pubblico però lo spazio era ridotto e le persone si sono trovate una accanto all'altra senza protezioni. Le FFS: «Non sta a noi fornirle».

Fonte 20 minutes / Francesco Brienza
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - Un treno carico di pendolari. Un guasto inaspettato. Un bus sostitutivo per continuare il viaggio. Tutto nella norma, o quasi. Si perché a bordo dell'autoveicolo mantenere la distanza sociale adeguata è impossibile. E ai passeggeri le FFS non hanno fornito alcuna mascherina. «È assurdo offrire migliaia di mascherine il lunedì nel primo giorno di ritorno alla normalità e non averle a disposizione in caso di bisogno quello successivo», si sfoga una viaggiatrice con 20 minutes.

L'inconveniente è avvenuto ieri mattina sul treno che da Estavayer-le-Lac porta a Friborgo. A bordo decine e decine di pendolari che si recavano al lavoro.  Le persone sono state fatte scendere dal convoglio guasto e fatte salire su un bus sostitutivo. Ma ovviamente lo spazio a disposizione non era lo stesso. «Il veicolo era strapieno - precisa la donna - eravamo a 20 centimetri uno dall'altro e le FFS non hanno fatto nulla».

«Distribuzione simbolica» - Le misure di protezione valide per il trasporto pubblico sono però chiare. Quando la distanza sociale di due metri non può essere rispettata, allora è «urgentemente raccomandato» indossare una mascherina. Mascherina che, però, deve essere portata dai viaggiatori stessi. E questo principio si applica anche in caso di contatti stretti "imprevisti". «La vicenda del bus sostitutivo non è determinante», precisa un portavoce delle FFS a 20 minutes. «Quello che conta è quando si viaggia. Se ci si sposta durante gli orari di punta, bisognerebbe aspettarsi che lo spazio manchi, sia sul treno che sull'autobus». Il portavoce ha poi ricordato che la distribuzione avvenuta lunedì «è stata innanzitutto un gesto simbolico per segnare la ripartenza».

Il consiglio rimane quindi quello di portare con sé sempre una mascherina per evitare questi inconvenienti. Da notare che, per un eventuale acquisto dell'ultimo minuto, le mascherine protettive possono venir acquistate nei negozi delle stazioni e pure nei distributori automatici Selecta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
7 min
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
1 ora
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
1 ora
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
2 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
5 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
6 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
7 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
7 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
22 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile