Archivio Keystone
SVIZZERA
08.05.20 - 10:310

Tutto quello che c'è da sapere sul ritorno alla normalità

Il prossimo lunedì 11 maggio scatta la fase 2 dell'uscita dal lockdown

BERNA - La seconda fase di deconfinamento decretata dalle autorità federali per uscire dalla crisi Covid-19 inizia lunedì con la riapertura delle scuole dell'obbligo e dei ristoranti. Le misure di distanziamento sociale e di igiene rimangono comunque in vigore.

Dopo che parrucchieri, fisioterapisti, centri di giardinaggio, asili nido e altre categorie, sono autorizzati a tornare al lavoro dal 27 aprile, riapriranno le porte anche la stragrande maggioranza delle scuole dell'obbligo svizzere, i ristoranti e altri commerci, comprese le agenzie di viaggio.

L'allentamento delle misure restrittive deve essere accompagnato da strategie di protezione del personale e della clientela, che possono variare a seconda del settore. Le misure di distanziamento e di igiene rimangono di importanza capitale e le persone vulnerabili devono continuare a rimanere a casa.

Gli alunni dovranno stare a due metri di distanza dal loro insegnante, ma non sono obbligati a rispettare questo distacco tra loro, una distinzione che crea polemica. In Svizzera romanda le lezioni verranno impartite ovunque a piccoli gruppi di ragazzi, mentre in alcuni cantoni germanofoni si è optato per un ritorno alla normalità. Le scuole secondarie superiori riapriranno solo l'8 giugno.

Dati personali al ristorante? - Da lunedì i ristoranti potranno nuovamente accogliere clienti a condizione che a ogni tavolo siano sedute al massimo quattro persone o i genitori con i loro figli. Tutti gli avventori dovranno essere seduti e i tavoli dovranno essere distanziati di due metri l'uno dall'altro o separati con un elemento divisorio. Per il personale che non può mantenere la distanza di due metri, è consigliata la mascherina o la visiera.

Sembra invece accantonata la misura secondo la quale sarà necessario fornire nome e numero di telefono, che il locale dovrà cancellare dopo quindici giorni. L'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza Adrian Lobsiger ha indicato oggi che non c'è una base legale per imporre agli esercenti controlli di identità sulla clientela. Il Consiglio federale potrebbe esprimersi di nuovo oggi in merito.

Sarà anche possibile comperarsi un nuovo paio di pantaloni o di scarpe. I vestiti generalmente non sono considerati portatori del virus e non saranno disinfettati. I negozi di calzature invece dovranno lavare le calze di prova dopo ogni cliente.

Attività fisica e cerebrale - Anche musei, biblioteche e archivi saranno riaperti lunedì. Le sale di lettura rimarranno però inaccessibili. Chi preferisce l'attività fisica potrà tornare a praticare sport, ma con un limite massimo di cinque persone in totale.

Gli allievi conducenti potranno rispolverare la "L". Le lezioni di guida potranno infatti riprendere, ha detto il direttore della "Fédération romandes des écoles de conduite" all'agenzia Keystone-ATS. Verranno distribuiti maschere e disinfettante per le mani e il veicolo. Potranno svolgersi anche i corsi teorici, ma con un numero di partecipanti limitato a quattro.

La frequenza oraria del trasporto pubblico sarà aumentata. Alla fine di aprile le FFS e AutoPostale hanno presentato le loro raccomandazioni per la protezione sui trasporti pubblici. Si concentrano sulla responsabilità individuale e sulla solidarietà. Il personale addetto al trasporto incoraggerà i passeggeri a rispettare le regole. Si consiglia inoltre di indossare una mascherina in determinate situazioni.

Zoo e teatri a giugno - In base alle previsioni del Consiglio federale la terza fase di deconfinamento inizierà l'8 giugno. Da quella data saranno consentiti raduni di più di cinque persone, sarà possibile tornare a teatro o al cinema, passeggiare nei giardini zoologici e botanici, andare in piscina, assistere a una funzione religiosa o usufruire delle funivie. I controlli alle frontiere saranno allentati il 1° giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
14 min
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
2 ore
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
2 ore
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
3 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
3 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
3 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
5 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
5 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
7 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
7 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile