Keystone (archivio)
ZURIGO
03.05.20 - 10:450

Le prostitute cedono il posto ai drogati

Il centro d'accoglienza per tossicomani ha dovuto chiudere a causa della pandemia.

Le autorità hanno trovato una soluzione provvisoria per mettere a disposizione delle zone dove iniettarsi la droga in modo sicuro

ZURIGO - L'emergenza coronavirus colpisce in modo particolare le persone vulnerabili, come i tossicodipendenti. A Zurigo, i vari centri di accoglienza hanno dovuto chiudere perché la sicurezza di clienti e dipendenti non poteva più essere garantita. 

Le autorità hanno quindi dovuto trovare un'alternativa. Da qualche settimana è stato aperto un centro di accoglienza temporaneo per tossicodipendenti nell'area solitamente dedicata alla prostituzione a ovest della città. Una soluzione pragmatica poiché i "sexbox" dovevano comunque chiudere a causa delle misure decise dal Consiglio federale per arginare la diffusione del coronavirus.
 
I "box" in cui le prostitute normalmente accolgono i loro clienti sono quindi stati trasformati in sale d'iniezione dove i tossicodipendenti possono consumare le loro droghe. Devono tuttavia rispettare alcune regole come mantenere una distanza sufficiente, lavare e disinfettare le mani. E tutti i tossicodipendenti devono misurare la loro temperatura per assicurarsi che non abbiano la febbre.

Florian Meyer, direttore dei centri di accoglienza per tossicodipendenti di Zurigo, afferma che i clienti sono contenti della soluzione. Brigitte, tossicodipendente da molti anni, conferma che questi luoghi ti consentono di socializzare e sentirti al sicuro.

Per Meyer l'area della prostituzione è una buona soluzione di ripiego, ma specifica tuttavia che non può esserlo sul lungo termine. Le persone che vi si recano infatti non sono protette dal freddo e dalla pioggia. Teme anche che la situazione possa dare vita a nuove scene aperte di droga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
4 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
4 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
5 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
7 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
7 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
8 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
10 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
11 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
11 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile