Keystone (archivio)
ZURIGO
03.05.20 - 10:450

Le prostitute cedono il posto ai drogati

Il centro d'accoglienza per tossicomani ha dovuto chiudere a causa della pandemia.

Le autorità hanno trovato una soluzione provvisoria per mettere a disposizione delle zone dove iniettarsi la droga in modo sicuro

ZURIGO - L'emergenza coronavirus colpisce in modo particolare le persone vulnerabili, come i tossicodipendenti. A Zurigo, i vari centri di accoglienza hanno dovuto chiudere perché la sicurezza di clienti e dipendenti non poteva più essere garantita. 

Le autorità hanno quindi dovuto trovare un'alternativa. Da qualche settimana è stato aperto un centro di accoglienza temporaneo per tossicodipendenti nell'area solitamente dedicata alla prostituzione a ovest della città. Una soluzione pragmatica poiché i "sexbox" dovevano comunque chiudere a causa delle misure decise dal Consiglio federale per arginare la diffusione del coronavirus.
 
I "box" in cui le prostitute normalmente accolgono i loro clienti sono quindi stati trasformati in sale d'iniezione dove i tossicodipendenti possono consumare le loro droghe. Devono tuttavia rispettare alcune regole come mantenere una distanza sufficiente, lavare e disinfettare le mani. E tutti i tossicodipendenti devono misurare la loro temperatura per assicurarsi che non abbiano la febbre.

Florian Meyer, direttore dei centri di accoglienza per tossicodipendenti di Zurigo, afferma che i clienti sono contenti della soluzione. Brigitte, tossicodipendente da molti anni, conferma che questi luoghi ti consentono di socializzare e sentirti al sicuro.

Per Meyer l'area della prostituzione è una buona soluzione di ripiego, ma specifica tuttavia che non può esserlo sul lungo termine. Le persone che vi si recano infatti non sono protette dal freddo e dalla pioggia. Teme anche che la situazione possa dare vita a nuove scene aperte di droga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Tutto pronto per l'ultimo atto della Questione giurassiana
A Moutier si andrà al voto il prossimo 28 marzo. La consigliera federale Keller-Sutter ha verificato il dispositivo
SVIZZERA
2 ore
Un ristorante su cinque ha già dovuto gettare la spugna
È un quadro «drammatico» quello tracciato da Gastrosuisse per il settore della ristorazione
SVIZZERA
2 ore
«Domani valuteremo nuovamente la situazione»
Alain Berset ha incontrato oggi i rappresentanti cantonali della sanità per fare il punto sulla pandemia in Svizzera.
BASILEA CITTA'
5 ore
Novartis collabora alla produzione di un nuovo vaccino
Il gruppo farmaceutico renano prevede di avviare la produzione di principi attivi nei prossimi mesi.
BERNA
6 ore
Dibattito urgente sul coronavirus il 17 marzo
Lo terrà il Consiglio nazionale. Saranno cinque gli interventi parlamentari riguardanti la pandemia in corso.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera 1'223 contagi e 9 morti in 24 ore
Restano stabili i numeri della pandemia, che sinora ha registrato 561'068 casi accertati
SVIZZERA
8 ore
Antenne 5G nel mirino dei ricattatori
Ignoti hanno incendiato un impianto di Swisscom, chiedendo agli operatori di versare milioni a favore dei bambini
SVIZZERA
8 ore
Massacrarono una donna a martellate: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto i ricorsi inoltrati dagli autori del tentato assassinio avvenuto nel 2016 a Ginevra
SVIZZERA
9 ore
Che anno da record per le dogane
Boom di merci contraffatte e più sequestri di droga ai valichi. Chiusi valichi secondari e al via controlli sistematici
BERNA
9 ore
Brutto colpo per aeroporto di Berna, Flybair congela attività
Il primo esercizio dell'azienda si chiude con una perdita di 760'000 franchi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile