Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
15.04.20 - 13:020
Aggiornamento : 13:53

Gas serra: l'obiettivo 2020 sembra irraggiungibile

Il rapporto sul 2018 arriva con un anno di ritardo. Ma il -20% dal 1990 non è fattibile

Critico il WWWF: «La diminuzione delle emissioni avanza a ritmo di lumaca»

BERNA - Le emissioni di gas serra in Svizzera nel 2018 si sono attestate a 46,4 milioni di tonnellate di CO2, in lieve diminuzione di 1,5 milioni di tonnellate rispetto all'anno precedente. Lo indica l'Inventario dei gas serra elaborato annualmente dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), i cui dati sono però pubblicati con circa un anno di ritardo. 

Non abbastanza - Il calo registrato fra il 2017 e il 2018 (1,2 milioni di tonnellate su 1,5 milioni) è riconducibile soprattutto alla forte diminuzione nell'utilizzo di combustibili nel settore degli edifici in seguito all'inverno mite, indica in una nota odierna l'UFAM.

Sulla base dell'inventario del 2018, l'UFAM ritiene che la Confederazione - se le tendenze rimangono invariate - non coglierà l'obiettivo di riduzione delle emissioni secondo la legge sul CO2, pari a meno 20% entro il 2020 rispetto al 1990. Ieri le autorità elvetiche hanno inviato il rapporto al Segretario dell'ONU sui cambiamenti climatici. L'inventario presenta un quadro completo delle emissioni di gas serra della Svizzera regolamentate dal Protocollo di Kyoto.

Traffico - Le emissioni del settore del traffico sono state pari a 15 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti (CO2-eq) sia nel 2018, sia l'anno precedente e rappresentano l'1% in più rispetto al 1990. L'obiettivo di ridurre del 10% le emissioni entro il 2020 sembra irrealistico. «L'aggiunta di biocarburanti ha segnato un aumento marcato negli ultimi anni e nel 2018 ha superato nettamente la quota del 3% delle vendite di carburante», spiega l'UFAM, sottolineando che dal 2008 le emissioni sono in continuo calo soprattutto a causa della diminuzione dei «turisti del pieno» che varcano il confine per fare rifornimento. Inoltre, veicoli più efficienti consentono di ridurre le emissioni di CO2 al chilometro, ma tale tendenza positiva è annullata dall'aumento dei chilometri percorsi.

Industria: manca un punto percentuale - Nel 2018 le emissioni di gas serra del settore industriale sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2-eq, con una flessione del 14% rispetto al 1990. Manca dunque un solo punto percentuale per cogliere l'obiettivo di riduzione del 15% entro il 2020, ma negli ultimi anni le relative emissioni segnano una stagnazione, avverte l'UFAM. La diminuzione è stata corretta retroattivamente (aggiungendo un aumento di circa 0,5 milioni di tonnellate), poiché una fonte di protossido d'azoto sconosciuta è stata individuata - e poi inserita nell'inventario dell'UFAM - nella produzione dell'azienda chimico-farmaceutica Lonza.

Edifici -Nel 2018 le emissioni di gas serra del settore degli edifici sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2-eq, in diminuzione del 34% rispetto al 2020. L'obiettivo di riduzione è del 40% e probabilmente non verrà raggiunta, spiega l'UFAM. Nel 2018 si è registrato un calo importante (1,2 milioni di tonnellate) rispetto all'anno precedente, ma ciò è dovuto in gran parte all'inverno mite, il quale dimostra che gli edifici sono ancora in gran parte riscaldati con combustibili fossili. Una diminuzione si nota tuttavia grazie alla migliore efficienza energetica degli edifici e alla sostituzione di riscaldamenti a combustibili fossili e a gas con pompe di calore e impianti a energie rinnovabili. Il settore - se si esclude il calo dovuto all'inverno mite - presenta una riduzione delle emissioni di solo 0,3 milioni di tonnellate l'anno.

Agricoltura - Le emissioni del settore agricolo si attestano da quasi un ventennio a circa 6,7 milioni di tonnellate di CO2-eq. Rispetto al 1990 si nota una diminuzione di circa il 10% ma considerando questa decennale stagnazione «l'obiettivo di riduzione del 10% entro il 2020 non dovrebbe tuttavia essere raggiunto nemmeno in questo settore», sostiene l'UFAM. Dal primo gennaio 2019, tuttavia, il Protocollo di Montreal disciplina i 18 gas serra sintetici principali e la sua attuazione dovrebbe permettere nei prossimi anni una riduzione notevole delle emissioni.

Critiche dal WWF -I mancati obiettivi di riduzione da parte della Svizzera sono giudicati «inaccettabili» da parte del WWF, secondo cui la diminuzione delle emissioni avanza a ritmo di lumaca. Le emissioni, aggiungono, dovrebbero diminuire del 4% all'anno, mentre nel 2018 il dato si è attestato al 2%. «L'attuale legge sul CO2 non è stata sufficientemente attuata, il che ha contribuito al prevedibile mancato raggiungimento degli obiettivi», critica Patrick Hofstetter, specialista della protezione del clima presso il WWF, citato in una nota odierna dell'organizzazione. Secondo quest'ultima, la revisione totale della legge sul CO2 dovrebbe comprendere l'estensione della tassa sul CO2 a tutti i gas serra.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
46 min
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
3 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
4 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
5 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
7 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
8 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
8 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
9 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
11 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile