Keystone
SVIZZERA
04.04.20 - 10:010

Losanna pronta alla crisi, il garage delle ambulanze è ora un ospedale

La struttura all'Ospedale universitario (CHUV) è pronta per accogliere fino a 18 pazienti malati di Covid-19 e non solo

LOSANNA - L'Ospedale universitario di Losanna (CHUV) si sta adattando per accogliere un'eventuale ondata di pazienti affetti da Covid-19, ampliando il proprio pronto soccorso. A subire una metamorfosi è stato il garage delle ambulanze che, svuotato dai veicoli, è ora diventato uno spazio in grado di assistere 18 persone.

«Cerchiamo sempre di essere due passi avanti», ha affermato al quotidiano vodese 24 heures il professor Pierre-Nicolas Carron, capo del servizio emergenze della struttura. «In questi giorni si è lavorato per aumentare la capacità d'accoglienza, che è raddoppiata», ha aggiunto.

Il garage ospita un'infrastruttura, completata all'esterno da un grande tendone, «degna di un ospedale svizzero», ha sottolineato lo specialista. Essa è equipaggiata con riscaldamento, mezzi informatici e ossigeno.

Questo e gli altri nuovi spazi non sono tuttavia pensati per ospitare i malati per un lungo periodo di tempo. Sono infatti stati ideati per liberare e sgravare gli altri settori del pronto soccorso. Stando a Carron infatti, nonostante siano state ricreate le condizioni di vere e proprie camere, le persone vi resteranno solo qualche ora, il tempo di decidere il da farsi.

Il professore ha inoltre ricordato che la presa a carico riguarda ogni malato o ferito, non solo chi è stato contagiato dal coronavirus. Globalmente però, i casi quotidiani trattati dal pronto soccorso del CHUV sono scesi da 150-200 a 80-100. «Forse la gente pensa che siamo sovraccaricati e non vuole disturbare, oppure ha paura di farsi infettare. Ma ci sono anche nettamente meno attività professionali e sportive rispetto al solito», ha fatto notare Carron. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
6 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
6 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
8 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
10 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
11 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
11 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
12 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
12 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
12 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile