Keystone (archivio)
SVIZZERA
21.03.20 - 09:410

Il DFAE riporta a casa gli svizzeri bloccati in Perù e Colombia

I voli per il recupero dei 630 turisti elvetici sono previsti per martedì 24 e mercoledì 25 marzo

Il Dipartimento degli Affari Esteri calcola che ci sono ancora decine di migliaia di viaggiatori svizzeri sparsi per il mondo. «Tutti gli interessati devono registrarsi immediatamente nell'app Travel Admin».

BERNA - Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sta organizzando il rientro in Svizzera di circa 630 turisti elvetici bloccati in Perù e in Colombia in collaborazione con la compagnia aerea Edelweiss. Per martedì e mercoledì sono previsti due voli charter.

Giovedì il consigliere federale Ignazio Cassis aveva invitato tutti i viaggiatori svizzeri all'estero a tornare in patria immediatamente prima che la mobilità diventi ancora più difficile. In alcuni casi, tuttavia, a causa dell'evoluzione locale e dei trasporti non è più possibile organizzare il viaggio di ritorno in modo indipendente. «Ho quindi incaricato il nostro Centro di gestione delle crisi di occuparsi dell'organizzazione dei viaggi di ritorno», precisa Cassis.

Negli ultimi giorni il Dipartimento, in collaborazione con gli operatori turistici e le associazioni di viaggio, ha cercato intensamente di raggiungere i turisti bloccati per riportarli in Svizzera. «Grazie alla collaudata collaborazione con Swiss e Edelweiss, è stata trovata una prima soluzione per l'America Latina».

Il DFAE ha noleggiato due aerei. Questi voleranno verso Bogotà (Colombia) e Lima (Perù) martedì e mercoledì. «Il mio dipartimento è in procinto di ottenere i necessari permessi di atterraggio dalle autorità competenti. Questo ci permetterà di riportare, come previsto, i nostri cittadini che non sono stati in grado di organizzare il proprio viaggio di ritorno».

Già lunedì il DFAE creerà la capacità per il rientro di circa 100 turisti svizzeri dal Costa Rica. Ulteriori viaggi di ritorno organizzati saranno pianificati in seguito. Il Dipartimento sta inoltre esaminando la collaborazione con i paesi limitrofi per potersi offrire reciprocamente posti liberi. La Confederazione prefinanzierà questi voli charter, ma i turisti dovranno pagare il biglietto aereo e quindi sostenere una parte dei costi.

Il DFAE parte dal presupposto che attualmente vi siano ancora alcune decine di migliaia di viaggiatori svizzeri all'estero. Solo 7'710 persone si sono iscritte all'app Travel Admin del DFAE. «Per raggiungere tutti gli interessati, chiedo a chi è toccato di registrarsi immediatamente nell'app. Solo così possiamo avere un buon quadro della situazione nel mondo», aggiunge Cassis.

Il Dipartimento invita pertanto tutti i turisti a registrare il proprio nome, il numero di contatto e il luogo di soggiorno. Ciò consentirà di fornire il sostegno in modo più rapido e mirato. Il DFAE chiede inoltre a coloro che sono già rientrati in Svizzera di annullare la registrazione del loro viaggio.

Nelle ultime settimane - viene ricordato - la Svizzera ha già organizzato viaggi di ritorno. Ad esempio, i passeggeri di una nave da crociera sono stati riportati dagli Stati Uniti, in stretta collaborazione con la Germania. Mentre grazie alla collaborazione con la Francia, il DFAE ha rimpatriato cittadini svizzeri da Wuhan, in Cina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
VALLESE
2 ore
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
FOTO
BERNA
4 ore
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
VIDEO
ZUGO
5 ore
Attorno alla polizia che balla "Jerusalema" scoppia la querelle
C'è chi ha accusato la Cantonale di non avere i diritti per la clip diventata virale
SAN GALLO
8 ore
Sei anni di carcere al rapinatore mascherato
Tra il 2016 e il 2019, il 27enne aveva colpito nove volte in banche e distributori di benzina della Svizzera orientale.
SVIZZERA
8 ore
Quei giovani rampanti diventati milionari vendendo FFP2 (inutilizzabili) all'esercito
E facendole pagare anche 9.90 l'una. Le ultime novità da un caso di cui si parla poco e che imbarazza Berna
ZURIGO
8 ore
Beccato con un chilo e mezzo di coca nello zaino
Un 23enne lettone, giunto in Svizzera con un volo dal Brasile, è stato fermato all'aeroporto di Zurigo-Kloten.
ZURIGO
10 ore
«Per sostenere l'economia più aperture domenicali dei negozi»
Da farsi a ridosso di Natale 2021, è la proposta di recuperare quelle "saltate" l'anno scorso di Carmen Walker Späh
GRIGIONI
11 ore
Fra hotel e scuole di sci, a St. Moritz previsti nuovi tamponi a tappeto
A partire da lunedì prossimo, l'obiettivo è essere sicuri che la variante britannica non si sia diffusa nel comune.
SVIZZERA
12 ore
La pandemia pesa su AutoPostale che perde il 25% dei passeggeri
E circa 50 milioni di franchi nel solo 2020, i mesi più interessati dal calo sono quelli primaverili
VALLESE
12 ore
Tragedia fuori pista a Saxon, morto uno sciatore 23enne
Il ragazzo si trovava con un amico sui pendii questo venerdì ed è stato sorpreso dal crollo di un blocco nevoso
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile