Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
SVIZZERA
18.03.20 - 17:430

Gli asili nido chiedono regole unitarie e garanzie

Dovendo restare aperti, sono confrontati a diverse incertezze

BERNA - Asili nido, famiglie diurne e altre strutture d'accoglienza per bambini - che a differenza delle scuole in linea di principio devono restare aperti - sono confrontate a grandi sfide e incertezze nell'attuale crisi del coronavirus. L'associazione del ramo Kibesuisse chiede pertanto soluzioni perché venga garantita la liquidità così come un'estensione degli accordi di prestazione.

Chiusure in seguito a casi di penuria di personale per malattia sono uno scenario possibile per il quale servono presto misure finanziarie, ad esempio forme estese di lavoro ridotto. Anche per le famiglie diurne la situazione attuale comporta drastiche riduzioni delle entrate, perciò la Federazione svizzera delle strutture d'accoglienza per l'infanzia Kibesuisse chiede la creazione di un fondo d'emergenza per evitare insolvenze.

In un comunicato l'organizzazione ricorda inoltre che l'applicazione delle disposizioni federali diverge molto tra i cantoni, e ciò suscita grande incertezza tra le istituzioni così come tra i genitori. Molti cantoni invitano questi ultimi ad accudire loro stessi i propri figli e a dare la precedenza a chi non può farlo così da sgravare le strutture d'accoglienza. Questo atto di solidarietà - viene messo in chiaro - non esonera i genitori dal pagamento dei contributi: è assolutamente necessario che le istituzioni siano a disposizione anche dopo la crisi del coronavirus.

Kibesuisse mette anche in guardia dalla creazione di strutture parallele, in quanto i bambini piccoli hanno bisogno del contesto e delle persone di riferimento cui sono abituati. Piuttosto sarebbe utile la creazione di enti di coordinamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
53 min
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
2 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
11 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
13 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
22 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
1 gior
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
1 gior
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
1 gior
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
1 gior
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile