tipress (archivio)
BERNA
18.03.20 - 11:190

L'appello dei sindacalisti: «Fermare la produzione»

La richiesta, lanciata al Consiglio federale, per limitare il numero dei contagi

BERNA - Bisogna assolutamente fermare tutte le attività di produzione e servizi che non sono socialmente necessarie e urgenti, allo scopo di ridurre il numero di morti legati al coronavirus. È l'appello lanciato oggi al Consiglio federale da una sessantina di sindacalisti.

«A cosa serve vietare l'accesso ai parchi pubblici se centinaia di migliaia di dipendenti devono lavorare fianco a fianco nei cantieri, nelle industrie e persino negli uffici?», si chiedono i firmatari dell'appello, tra cui vari esponenti di Unia, del Sindacato svizzero dei servizi pubblici (SSP/VPOD) e di Syndicom. Insomma, per fermare la diffusione del coronavirus, e quindi ridurre il numero di morti, non è sufficiente chiudere ristoranti, saloni di parrucchiere e cinema.

I sindacalisti chiedono quindi al Consiglio federale di decretare lo stop a tutte le attività non socialmente necessarie e urgenti e di concedere a tutti gli interessati un congedo straordinario retribuito. Eventuali ore straordinarie da recuperare o giorni di ferie da prendere non vanno conteggiati. Tali misure devono restare in vigore fino alla fine dell'emergenza sanitaria.

Nel contempo, vanno prese misure per proteggere i lavoratori che operano in quelle attività ancora autorizzate. Controlli compresi.

I sindacalisti sostengono poi che i lavoratori dipendenti non devono pagare il prezzo del coronavirus. Viene pertanto chiesto un divieto di licenziamenti legati all'interruzione o riduzione della produzione, nonché un'estensione delle indennità di disoccupazione. Inoltre, tutti devono poter continuare a beneficiare del salario in caso di interruzione dell'attività, anche chi dispone di un contratto a tempo determinato, i lavoratori temporanei e quelli retribuiti all'ora.

La Svizzera è uno dei paesi più ricchi del mondo. È dunque perfettamente in grado di trovare finanziamenti per queste misure. In caso di bisogno si potrebbe immaginare di chiedere un «contributo di solidarietà» ai dirigenti d'impresa e agli azionisti. Insomma, per i sindacalisti «le nostre vite valgono più dei loro profitti».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
«La popolazione è leggermente più propensa a farsi vaccinare»
È quanto emerge dal sondaggio condotto dall'istituto di ricerca Sotomo, come comunicato durante il Point de presse
SVIZZERA
19 min
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
36 min
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
54 min
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
2 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
BERNA
4 ore
Protezione contro il terrorismo, in attesa del referendum
Nel settembre 2020 il Parlamento ha adottato la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT).
FOTO E VIDEO
BASILEA CITTÀ
4 ore
«Ma quale Banksy, siamo stati noi»
Il movimento Sciopero per il clima rivendica l'apparizione del "Banker with Cigar" all'esposizione presso la Halle 5
SVIZZERA
6 ore
AI e reinserimento nel mondo del lavoro: troppe differenze tra cantoni
Nella Svizzera romanda e in Ticino la quota di rendite accordate supera di almeno il 27% la media nazionale.
SVIZZERA
6 ore
«La politica ordini subito il farmaco di Roche»
Berna sta attualmente negoziando una fornitura, mentre la Germania si è già assicurata l'accesso al medicamento.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile