Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
BERNA
18.03.20 - 11:190

L'appello dei sindacalisti: «Fermare la produzione»

La richiesta, lanciata al Consiglio federale, per limitare il numero dei contagi

BERNA - Bisogna assolutamente fermare tutte le attività di produzione e servizi che non sono socialmente necessarie e urgenti, allo scopo di ridurre il numero di morti legati al coronavirus. È l'appello lanciato oggi al Consiglio federale da una sessantina di sindacalisti.

«A cosa serve vietare l'accesso ai parchi pubblici se centinaia di migliaia di dipendenti devono lavorare fianco a fianco nei cantieri, nelle industrie e persino negli uffici?», si chiedono i firmatari dell'appello, tra cui vari esponenti di Unia, del Sindacato svizzero dei servizi pubblici (SSP/VPOD) e di Syndicom. Insomma, per fermare la diffusione del coronavirus, e quindi ridurre il numero di morti, non è sufficiente chiudere ristoranti, saloni di parrucchiere e cinema.

I sindacalisti chiedono quindi al Consiglio federale di decretare lo stop a tutte le attività non socialmente necessarie e urgenti e di concedere a tutti gli interessati un congedo straordinario retribuito. Eventuali ore straordinarie da recuperare o giorni di ferie da prendere non vanno conteggiati. Tali misure devono restare in vigore fino alla fine dell'emergenza sanitaria.

Nel contempo, vanno prese misure per proteggere i lavoratori che operano in quelle attività ancora autorizzate. Controlli compresi.

I sindacalisti sostengono poi che i lavoratori dipendenti non devono pagare il prezzo del coronavirus. Viene pertanto chiesto un divieto di licenziamenti legati all'interruzione o riduzione della produzione, nonché un'estensione delle indennità di disoccupazione. Inoltre, tutti devono poter continuare a beneficiare del salario in caso di interruzione dell'attività, anche chi dispone di un contratto a tempo determinato, i lavoratori temporanei e quelli retribuiti all'ora.

La Svizzera è uno dei paesi più ricchi del mondo. È dunque perfettamente in grado di trovare finanziamenti per queste misure. In caso di bisogno si potrebbe immaginare di chiedere un «contributo di solidarietà» ai dirigenti d'impresa e agli azionisti. Insomma, per i sindacalisti «le nostre vite valgono più dei loro profitti».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
2 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
7 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
11 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
12 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
14 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
15 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
15 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
15 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
15 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile