Archivio Keystone
VALLESE
16.03.20 - 13:100

Anche il Vallese si ferma contro il coronavirus

Il Governo ha decretato ulteriori misure, tra cui la chiusura delle attività non essenziali

SION - Anche il Vallese attua ulteriori misure per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus. Il Consiglio di Stato ha decretato oggi lo stato di situazione straordinaria, annunciando la chiusura degli esercizi pubblici che non forniscono servizi essenziali.

In una nota pubblicata a fine mattinata, il governo ritiene che sia «necessario adottare misure aggiuntive e rapide per garantire la protezione della popolazione e ritardare il più possibile la diffusione del virus».

Concretamente, tutti i ristoranti, bar, mense e la maggior parte dei negozi saranno chiusi dalle 18.30 di questa sera. L'unica eccezione riguarda i commerci di alimentari o di generi di prima necessità.

Le manifestazioni e gli assembramenti pubblici o privati sono proibiti. Le lezioni pubbliche e private sono sospese fino a nuovo avviso, così come le attività relative ai servizi. Chiusi, da domani sera, anche gli hotel.

Vietate pure tutte le funzioni religiose. I funerali possono svolgersi solo nella più stretta intimità della famiglia tenendo conto delle norme igieniche in vigore (distanza sociale).

Queste decisioni completano quelle annunciate venerdì, tra cui la chiusura di scuole, asili nido e luoghi di svago. Le visite nelle strutture sanitarie e case di cura sono vietate, salvo eccezioni giustificate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
«Fate molta attenzione agli alberi»
È l'allarme lanciato dalla polizia sangallese
BERNA
4 ore
Da mezzanotte la Svizzera con misure più severe
Come noto i provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane.
SVIZZERA
5 ore
Ridurre le emissioni? Paga anche economicamente
I maggiori risparmi sono attuabili nel settore dei trasporti e del riscaldamento degli edifici.
SVIZZERA
5 ore
Il tasso di riproduzione è sceso allo 0,83
In Ticino la situazione è ancora migliore rispetto alla media svizzera: il 2 gennaio era dello 0,71.
SVIZZERA
7 ore
«I ragazzi a scuola sono più al sicuro che altrove»
Lo sostiene Stefan Wolter, da qualche settimana membro della task force della Confederazione.
BERNA
8 ore
Vaccino: «La Svizzera ha agito bene, le critiche sono inopportune»
Il responsabile di Moderna loda il lavoro del governo federale: «Ha puntato sui cavalli giusti»
GRIGIONI
9 ore
Due sciatori travolti da una valanga, uno di loro non ce l'ha fatta
L'uomo stava praticando fuoripista su un pendio del monte Casanna, sopra a Klosters.
SVIZZERA
9 ore
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
10 ore
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile