tipress
Coda fuori da un supermercato a Mendrisio
SVIZZERA
14.03.20 - 14:580

È corsa agli acquisti, ma «niente panico»

I grandi supermercati confermano il boom di vendite. Coop e Migros: «Non ci sarà penuria»

BERNA - In seguito alle misure adottate dal Consiglio federale per lottare contro il coronavirus, alcuni cittadini si sono fiondati nei negozi per fare scorte. In diverse città gli scaffali erano praticamente vuoti. Eppure, non c'è alcun motivo di lasciarsi prendere dal panico.

Sui social network sono numerose le fotografie di scaffali svuotati dai prodotti in supermercati di Zurigo e Basilea, ma anche della Svizzera romanda. Un portavoce di Migros ha confermato a Keystone-ATS che alcuni negozi hanno terminato determinati prodotti.

I collaboratori sono comunque al lavoro 24 ore su 24 per rifornire tutte le filiali della merce necessaria. I centri di distribuzione stanno lavorando con personale supplementare, ha precisato il portavoce.

Aldi ha dal canto suo riscontrato alcuni problemi di rifornimenti per prodotti provenienti dall'Italia. Nonostante questo e nonostante le persone che tendono a fare scorta, al momento i negozi sono riforniti del ventaglio completo dei prodotti.

Anche Coop conferma l'aumento della domanda iniziato ieri, dopo che già si era registrato un incremento da un paio di settimane. Secondo le catene di grande distribuzione, i clienti fanno soprattutto scorte di alimenti a lunga conservazione, prodotti surgelati, carta igienica, farina, zucchero e prodotti per lavarsi le mani.

In generale, tutti i rappresentanti del settore rassicurano che non sussiste alcun rischio di penuria generale e che stanno lavorando a pieno regime per garantire le forniture e per riempire gli scaffali dei negozi. I magazzini sono ben riforniti.

Ieri la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga aveva dal canto suo messo in guardia contro il panico, nonostante le nuove misure più restrittive. Chiusure generalizzate dei negozi non sono previste.

foto lettore
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
7 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
13 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
14 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
15 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
15 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
16 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
17 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
18 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
19 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
GRIGIONI
19 ore
«Il booster per salvare la stagione»
Il governo grigionese si gioca il tutto per tutto con la terza dose. Intervista al consigliere di Stato Peter Peyer
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile