tipress
Coda fuori da un supermercato a Mendrisio
SVIZZERA
14.03.20 - 14:580

È corsa agli acquisti, ma «niente panico»

I grandi supermercati confermano il boom di vendite. Coop e Migros: «Non ci sarà penuria»

BERNA - In seguito alle misure adottate dal Consiglio federale per lottare contro il coronavirus, alcuni cittadini si sono fiondati nei negozi per fare scorte. In diverse città gli scaffali erano praticamente vuoti. Eppure, non c'è alcun motivo di lasciarsi prendere dal panico.

Sui social network sono numerose le fotografie di scaffali svuotati dai prodotti in supermercati di Zurigo e Basilea, ma anche della Svizzera romanda. Un portavoce di Migros ha confermato a Keystone-ATS che alcuni negozi hanno terminato determinati prodotti.

I collaboratori sono comunque al lavoro 24 ore su 24 per rifornire tutte le filiali della merce necessaria. I centri di distribuzione stanno lavorando con personale supplementare, ha precisato il portavoce.

Aldi ha dal canto suo riscontrato alcuni problemi di rifornimenti per prodotti provenienti dall'Italia. Nonostante questo e nonostante le persone che tendono a fare scorta, al momento i negozi sono riforniti del ventaglio completo dei prodotti.

Anche Coop conferma l'aumento della domanda iniziato ieri, dopo che già si era registrato un incremento da un paio di settimane. Secondo le catene di grande distribuzione, i clienti fanno soprattutto scorte di alimenti a lunga conservazione, prodotti surgelati, carta igienica, farina, zucchero e prodotti per lavarsi le mani.

In generale, tutti i rappresentanti del settore rassicurano che non sussiste alcun rischio di penuria generale e che stanno lavorando a pieno regime per garantire le forniture e per riempire gli scaffali dei negozi. I magazzini sono ben riforniti.

Ieri la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga aveva dal canto suo messo in guardia contro il panico, nonostante le nuove misure più restrittive. Chiusure generalizzate dei negozi non sono previste.

foto lettore
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
2 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
3 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
7 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
7 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
9 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
11 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
12 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
12 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
15 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
15 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile