Archivio Keystone
SVIZZERA
10.03.20 - 13:430

Apple ha deciso di bloccare tutte le App che hanno a che fare con il coronavirus

L'azienda ha irrigidito le proprie linee guida nell'App Store, anche nel nostro Paese

Lo scopo è quello di prevenire la diffusione di notizie false e teorie cospirative

BERNA - Apple ha deciso di rendere più dure le direttive e le linee guida dell'App Store. Ora, tutte le applicazioni che hanno a che fare con il coronavirus verranno eliminate.

La misura coinvolge anche gli sviluppatori svizzeri. Tra di loro Natanael Wildermuth, che ha recentemente sviluppato l'App svizzera "Corona Saver". Si tratta di una mappa interattiva che mostra dove si verificano i casi di coronavirus, e dove ogni due o tre ore c'è un promemoria per ricordarsi di lavarsi le mani. 

Tuttavia, l'app di Wildermuth non vedrà la luce, e questo a causa dell'irrigidimento delle linee guida dell'App Store. «È un peccato che il progetto sia stato respinto - sarebbe stata un'applicazione molto utile» ha detto Wildermuth.

L'obiettivo principale dell'App sarebbe stato quello di sensibilizzare la popolazione: «Le istruzioni della Confederazione sarebbero state facilmente accessibili a tutti i cittadini svizzeri». 

Fortunatamente, Wildermuth non ha perso troppo tempo o denaro, e questo poiché Apple ha stroncato il progetto già sul nascere. «Ci stavamo lavorando da tre giorni, e abbiamo investito qualche migliaio di franchi» ha detto, visibilmente deluso.

Nonostante lo Store di Google avrebbe probabilmente approvato l'App, Wildermuth ha spiegato che non avrebbe comunque raggiunto molte persone. «D'altronde in Svizzera circa un terzo delle persone usa un iPhone». 

La decisione di Apple entra in un quadro che stabilisce che le applicazioni riguardanti aree sensibili e regolamentate, come il sistema sanitario, possano essere sviluppate solo dalle istituzioni, e non più dai singoli sviluppatori. Lo scopo di Apple è quello di prevenire la diffusione di notizie false e teorie cospirative, con un conseguente aumento della qualità delle App.

Perciò, solo gli organismi ufficiali potranno distribuire informazioni sul virus con le proprie app. 

L'esperto digitale dell'Università di Berna, Matthias Stürmer, ha consigliato agli sviluppatori di lavorare con le istituzioni e le agenzie governative per lanciare un'App. Ovviamente, ciò porterebbe ad una dilatazione dei tempi per sottostare alle dovute revisioni. Un'alternativa, spiega Stürmer, sarebbe quella di pubblicare i loro dati su un sito web mobile, dove non ci sono restrizioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 min
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
8 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
9 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
14 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
18 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
20 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
21 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
23 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
23 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
1 gior
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile