Immobili
Veicoli
Keystone
Stefan Meierhans, Mister Prezzi
SVIZZERA
02.03.20 - 10:300
Aggiornamento : 15:09

Mister Prezzi continua a far pressione sui trasporti pubblici

Concordato con le FFS un pacchetto di misure a favore dei clienti

BERNA - Trasporti pubblici, sanità e telecomunicazioni continuano ad essere troppo costosi in Svizzera. Lo ha affermato oggi a Berna Mister Prezzi presentano il rapporto annuale 2019 alla stampa. Stefan Meierhans ha sottolineato anche alcuni risultati positivi ottenuti lo scorso anno in materia di trasporti e servizi postali.

L'autorità di vigilanza sui prezzi ha concordato con le FFS un pacchetto di misure a favore dei clienti. I 2,6 milioni di titolari di un abbonamento a metà prezzo hanno infatti ricevuto tutti 15 franchi di rimborso. Secondo le FFS gli indennizzi ammontano globalmente a 230 milioni di franchi.

Le tariffe di tutti i trasporti pubblici sono aumentate costantemente in passato rispetto al prezzo del trasporto privato. Il sorvegliante dei prezzi ritiene necessarie riduzioni a partire dal dicembre 2020, vista anche la diminuzione del prezzi delle tracce. Inoltre i biglietti scontati non vengono ancora offerti dalle comunità tariffarie, con il risultato paradossale che i viaggi lunghi sono talvolta più economici di quelli brevi, ha fatto notare Meierhans.

Per quanto riguarda la Posta, Mister Prezzi ha raggiunto un accordo sulle tariffe di lettere e pacchi. Anche i clienti privati possono ora beneficiare di riduzioni, ad esempio utilizzando l'etichettatura online dei pacchi. PostFinance inoltre ha accettato di limitare l'aumento delle spese per i pagamenti allo sportello.

Nella sanità resta ancora molto da fare. Stefan Meierhans è soddisfatto della riduzione dei prezzi dei generici, stimata a 400 milioni di franchi l'anno, ma è amareggiato per «i dieci anni necessari per raggiungere questo risultato e i 4 miliardi di franchi che si sarebbero potuti risparmiare e investire altrove».

Per quanto riguarda le scuole speciali, i contributi versati dai genitori variano notevolmente a seconda del cantone (da 10 a 42 franchi al giorno). Tuttavia, la Costituzione prevede che l'istruzione di base sia gratuita, quindi i genitori dovrebbero versare solo le spese di vitto. Secondo il Sorvegliante dei prezzi il contributo non deve superare i 16 franchi al giorno. Quasi tutti i cantoni, compreso il Ticino, dovranno quindi abbassare le tariffe.

Lo scorso anno l'autorità di sorveglianza ha approfondito l'analisi delle tariffe per gas, elettricità e telecomunicazioni. In quest'ultimo ambito, la Commissione federale delle comunicazioni (ComCom) ha ridotto notevolmente i prezzi per l'accesso alla rete di Swisscom e questo dovrebbe portare a una riduzione dei prezzi per i consumatori.

Dopo gli annullamenti di varie tasse sull'acqua per mancata consultazione del Sorvegliante dei prezzi, le richieste di in questo ambito hanno registrato un record. Particolarmente numerose le richieste dal Ticino riguardanti le tasse sui rifiuti poiché il cantone ha ricordato ai comuni in una circolare che la consultazione del Sorvegliante dei prezzi è obbligatoria, spiega il rapporto annuale.

Globalmente le contestazioni dal parte del pubblico lo scorso anno sono state 1679 e riguardavano principalmente le tariffe nei settori del trasporto pubblico (19%), delle telecomunicazioni (13%) e della sanità (11%). Il sorvegliante dei prezzi ha ottenuto sette nuove soluzioni amichevoli.

Le autorità hanno presentato 608 bozze di modifiche tariffarie all'autorità di vigilanza. In 224 casi, il garante dei prezzi ha emesso una raccomandazione. Il maggior numero di raccomandazioni riguardava le tariffe dei rifiuti, dell'acqua e delle acque di scarico (114).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
14 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
14 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
18 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
19 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
19 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
20 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
22 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile