Keystone
Il liceo tecnico di Bienne ha 45 studenti e 9 professori in quarantena.
SVIZZERA
01.03.20 - 20:310

Le autorità rassicurano sul coronavirus: «Nessun caso grave»

L'ufficio federale della sanità invita la popolazione alla calma: «Per ora nessuna misura restrittiva»

Le scuole e i confini resteranno quindi aperti, anche se la situazione italiana preoccupa. Sommaruga: «È importante sapere che abbiamo un buon sistema sanitario».

BERNA - Nel corso del week-end come da copione sono aumentati i casi di coronavirus registrati in Svizzera, tanto che quota trenta è ormai alle porte. Tuttavia, le autorità hanno invitato alla calma, annunciando che, almeno nell'immediato, misure restrittive come la chiusura dei confini o delle scuole restano fuori discussione.

Secondo quanto comunicato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), alle 17 di oggi i contagi ufficiali erano 24, sparsi in diversi cantoni elvetici, 11 per la precisione. Vi è però da considerare che altri campioni sono solo in attesa della conferma definitiva dal laboratorio di referenza di Ginevra in merito alla positività.

Nessun paziente è grave - Per quanto noto, nessuno dei pazienti si trova in condizioni di salute che destano preoccupazione. Il virus ha raggiunto, oltre al Ticino, Argovia, Berna, Basilea Città, Basilea Campagna, Friburgo, Ginevra, Grigioni, Vaud, Vallese e Zurigo. Più di 1300 persone si sono sottoposte al test, risultando non infettate dal virus.

I casi recenti - Tra i casi più recenti quello di un uomo sulla trentina del canton Friburgo, probabilmente infettato durante un viaggio in Lombardia, e quello di un 31enne maestro d'asilo a Spreitenbach (AG), che la scorsa settimana si era recato in Nord Italia per una visita famigliare. Si prospetta una quarantena per le 70 persone - fra cui 44 bambini dell'asilo e otto colleghi - con cui è entrato in contatto.

Scuole in quarantena - Lo stesso provvedimento è scattato per due classi della Scuola tecnica superiore di Bienne (BE) e i loro insegnanti. Si tratta dell'istituto dove studia una 21enne la cui positività è stata resa pubblica ieri. Il periodo d'isolamento durerà fino al prossimo 12 marzo e interessa 45 studenti e nove professori.

UFSP predica calma - Dopo l'annullamento deciso venerdì di ogni evento con almeno 1000 persone fino al 15 marzo, Berna ha voluto rassicurare la popolazione. Ieri davanti ai media, il capo della divisione malattie trasmissibili dell'UFSP Daniel Koch ha garantito che nessuna misura clamorosa è dietro l'angolo.

Chiudere le frontiere non è un'opzione - La chiusura delle frontiere non è un'opzione perché non sarebbe efficace e impedirebbe a molti frontalieri di raggiungere il posto di lavoro negli ospedali e negli studi medici, ha affermato il funzionario. Resteranno aperte pure le scuole: i bambini, al contrario degli over 60, non sono considerati né a rischio né come i principali portatori del virus.

«La situazione italiana preoccupa» - Koch ha predicato calma per non sovraccaricare i servizi di pronto soccorso degli ospedali con casi minori. Si è invece detto preoccupato della situazione in Italia. Il prossimo passo della Confederazione sarà una campagna d'informazione che comprenderà raccomandazioni scritte ai cittadini su cosa fare per proteggersi dall'infezione e dalla trasmissione del COVID-19.

«Buon sistema sanitario» - Da parte sua, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha approfittato della allocuzione per la Giornata del malato per ringraziare il personale curante che si sta facendo carico dell'emergenza. «È importante sapere che abbiamo un buon sistema sanitario», ha detto la consigliera federale, rivolgendo poi un pensiero a tutte le persone malate da tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
7 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
12 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
12 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
12 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
13 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
14 ore
È ufficiale: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
14 ore
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
15 ore
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
15 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile