Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
26.02.20 - 10:290

«La Svizzera sottovaluta il coronavirus»

L'epidemiologo Christian Althaus prevede «fino a 30'000 morti nel peggiore dei casi»

BASILEA - «La Svizzera si trova ad affrontare una delle emergenze sanitarie più grandi della sua storia recente». Lo sostiene l'epidemiologo Christian Althaus. «L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sottovaluta la pericolosità del coronavirus».

I dati che gli epidemiologi hanno sul virus mostrano che «c'è da attendersi una pandemia globale», ha detto Althaus in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. E il tasso di mortalità «è molto probabilmente più alto di quello di un'influenza stagionale». Non si tratta solo delle morti previste, ma anche del sovraccarico degli ospedali. La Svizzera deve quindi aspettarsi «notevoli conseguenze per la salute, l'economia, la mobilità e la vita sociale».

Nessuna immunità - Il pericolo del nuovo coronavirus sta nel fatto che «non c'è alcuna immunità» nella popolazione. Questo potrebbe comportare «il contagio del 30-40% o ancor più delle persone, ossia circa 3 milioni di infettati». Considerando un tasso di mortalità stimato all'1%, «nel peggiore dei casi ciò potrebbe significare 30'000 morti».

Althaus critica aspramente l'UFSP. «L'affermazione che la pericolosità del virus sia pari a quella di un'influenza stagionale è assurda. Non si basa su conoscenze scientifiche. Quasi tutti gli esperti internazionali, tra cui anche l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), sono di tutt'altro parere».

L'epidemiologo ha dichiarato di avere l'impressione che «in Svizzera si sia accettato il fatto che la diffusione non possa essere fermata. Questo sarebbe pericoloso. Con un rallentamento si guadagnerebbe infatti tempo per affrontare meglio l'aumento del numero dei pazienti negli ospedali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
59 min
Il reddito di base incondizionato per affrontare le sfide della società
La misura viene proposta da un comitato apartitico a Lucerna. Si tratterebbe di sperimentarla per tre anni
SVIZZERA
2 ore
Le polemiche sul nucleare agitano il PLR
I malumori andavano risolti “in casa”, secondo il presidente Thierry Burkart
SAN GALLO
2 ore
Un giovane ubriaco provoca la polizia
È stato fermato la scorsa notte a San Gallo. Aveva un tasso alcolemico dell'1,9 per mille
SVIZZERA
3 ore
Le parole di Berset dividono la popolazione
«Conosciamo troppo poco le conseguenze a lungo termine» ricorda Edith Leibundgut.
GINEVRA
11 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
14 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
15 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
17 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
20 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
20 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile