Immobili
Veicoli
Archivio Depositphotos
SVIZZERA
05.01.20 - 13:210

Espulsi due mafiosi italiani: è la prima volta

La misura è stata ordinata lo scorso anno dall'Ufficio federale di polizia

di Redazione
ATS

BERNA - L'anno scorso l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha ordinato per la prima volta l'espulsione di due persone a causa dei loro presunti legami con la mafia italiana. Nel 2019 sono stati in totale quattro i casi di uomini che hanno subito questo provvedimento, volto a garantire la sicurezza interna ed esterna della Svizzera.

Le altre due persone sono sospettate di terrorismo. Un ricorso è comunque ancora possibile presso il Tribunale amministrativo federale (TAF), ha indicato oggi all'agenzia Keystone-ATS Anne-Florence Débois, portavoce di Fedpol, confermando informazioni della "NZZ am Sonntag".

La lotta contro la mafia italiana è un tema ricorrente che terrà occupate le autorità anche nel 2020, ha aggiunto l'addetta stampa. A novembre il Consiglio federale ha affermato che si tratta di uno dei pilastri della strategia quadriennale riguardante la battaglia contro la criminalità.

Oltre alle espulsioni, Fedpol ha pronunciato quindici divieti di entrata nel Paese nei confronti di persone condannate per la loro appartenenza alla mafia nella vicina Penisola. A essere presente in territorio elvetico è in particolare la 'ndrangheta calabrese, una cui cellula era stata smantellata a Frauenfeld nel 2016.

All'epoca, quindici italiani domiciliati in Svizzera erano finiti in manette nei cantoni di Turgovia, Zurigo e Vallese. Si trattava di individui attivi nel traffico di droga e armi.

In totale, dal 2016, Fedpol ha ordinato l'espulsione di 23 persone in virtù di un articolo della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione. Tali rinvii, non sempre possibili, sono decisi sulla base di sospetti e non è necessaria alcuna condanna precedente.

Di questi 23, sei si trovano ancora in Svizzera, fra cui cinque iracheni. Ciò perché non si può rispedire in patria qualcuno se rischia di subire torture oppure altri trattamenti o pene crudeli e disumani.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
anndo76 2 anni fa su tio
usciti da una porta ritorneranno da un portone ???
volabas 2 anni fa su tio
La mafia non esiste, Toto' Riina, Al Capone, Provenzano, lucky Luciano, Messina Denaro ecc, sono personaggi di fantasia; i veri delinquenti sono Topo Gigio, Lupo Lupone, Gamba di legno, che come la Svizzera ,pure loro sono inseriti nella blacklist del governo Italico
anndo76 2 anni fa su tio
@volabas i politici, anche quelli locali, non mi sembrano meglio....quelli elencati erano e rimangono criminali violenti, gli altri, sempre criminali, ma in giacca e cravatta...la differenza e' praticamente inesistente :-)
Bayron 2 anni fa su tio
Decisioni probabilmente che saranno annullate da eventuali ricorsi...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
11 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
12 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
14 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
16 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
16 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
17 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
17 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
18 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
21 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile