Immobili
Veicoli
Keystone
Confermati lunghi periodi di siccità, precipitazioni concentrate e intense, estati canicolari e inverni poveri di neve
GINEVRA / CANTONE
25.11.19 - 23:400
Aggiornamento : 26.11.19 - 06:46

Aumenta la concentrazione di CO2: «Il futuro è più un percorso a ostacoli che un precipizio»

Per Marco Gaia di MeteoSvizzera, i dati dell'OMM confermano scenari di cambiamento anche per la Svizzera: «I numeri sono numeri, sta a noi decidere cosa fare»

GINEVRA / LOCARNO - L'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ha diffuso lunedì il suo consueto bollettino annuale, che conferma il raggiungimento di un nuovo record delle concentrazioni di gas a effetto serra nell'atmosfera (leggi qui). Nel 2018, in particolare, l'anidride carbonica ha continuato ad aumentare a ritmo sostenuto toccando le 407,8 parti per milione, un livello raggiunto per l'ultima volta solo «3-5 milioni di anni fa».

Il trend di crescita registrato negli ultimi anni fa temere in particolare per «le future generazioni, che dovranno confrontarsi con le conseguenze sempre piu severe del cambiamento climatico». Ne abbiamo parlato con Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera.  

Signor Gaia, qual è secondo lei il dato più importante che emerge da questo rapporto?
«L’elemento principale è che anche nel 2018 le concentrazioni di gas a effetto serra e, in particolare, di anidride carbonica hanno continuato ad aumentare come negli anni precedenti. Non si intravede alcuna inversione di tendenza, che sarebbe assolutamente auspicabile per limitare l’impatto dei cambiamenti climatici.»  

Il pericolo di gravi conseguenze meteorologiche è aumentato?
«Confermando il trend di crescita, il dato pubblicato dall’Organizzazione meteorologica mondiale non modifica di una virgola la situazione già delineata l’anno scorso, ma la conferma. Per quanto riguarda la Svizzera, gli “Scenari climatici 2018” elaborati da MeteoSvizzera prevedono in particolare per la metà del secolo: (1.) l’aumento continuo delle temperature in tutte le stagioni, con estati sempre più canicolari; (2.) una tendenza alla concentrazione e all’intensificazione delle precipitazioni, che saranno inframmezzate da (3.) periodi particolarmente lunghi di siccità; (4.) inverni più poveri di neve.»      

Esiste un valore di concentrazione di CO2 nell’atmosfera oltre il quale gli effetti a livello climatico diverranno incontrollabili?
«Un tale valore di per sé non esiste. Se esistesse, dovremmo immaginarlo come una strada che, improvvisamente, finisce in un burrone. Per quello che sappiamo del funzionamento dell’atmosfera terrestre, invece, dobbiamo piuttosto pensare a una strada in cui ci sono degli ostacoli. Più il tempo passa, più questi ostacoli diventano grandi. Prima riduciamo le emissioni di gas a effetto serra, più facile sarà gestirli. Al contrario, più aspettiamo, più le temperature si alzeranno rendendo gli ostacoli sempre più difficili da gestire.»

Le emissioni di CO2 rallentano o addirittura diminuiscono in alcune aree del mondo come l’Europa, ma le concentrazioni di questo gas nell’atmosfera non smettono di crescere. Significa che gli sforzi che stiamo facendo sono inutili?
«Significa che non sono ancora sufficienti. Sono utilissimi, ma devono essere intensificati perché i gas a effetto serra, e in particolare l’anidride carbonica, sono dei gas che, una volta nell’atmosfera, ci rimangono per centinaia di anni e hanno tutto il tempo di diffondersi in tutto il mondo.» 

In concreto questo che cosa significa?
«Da un lato dobbiamo attivarci tutti assieme a livello planetario per ridurre le emissioni. Dall’altro dobbiamo fare attenzione che la riduzione delle emissioni in Europa non nasconda una delocalizzazione delle stesse in altre parti del mondo.»

C’è il rischio che ci limitiamo a "delocalizzare" le emissioni? Che cosa intende?
«Dai dati dell’Ufficio federale dell’ambiente emerge che lo svizzero medio emette circa 5.6 tonnellate di gas ad effetto serra l’anno. Tuttavia, ne emette almeno più di 8 in modo indiretto all’estero. Ogni qual volta acquistiamo un bene di consumo generiamo infatti delle emissioni laddove quest’ultimo è stato prodotto.» 

Che cosa risponde a chi accusa gli autori di questi rapporti di voler creare allarmismi?
«Un numero di per sé è un numero. Non è né buono né cattivo, né allarmante né rassicurante. Siamo noi a dargli un significato interpretandolo in funzione delle sue possibili conseguenze. Gli scienziati forniscono dati. Sta invece a noi fare una riflessione collettiva per decidere se quello che sta accadendo ci va bene o non ci va bene. Quelli a cui va bene sosterranno che il numero indicato va bene. Quelli che si preoccupano per il futuro dell’ambiente, invece, saranno allarmati da queste cifre.»

Qual è il contributo di MeteoSvizzera all’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM)?            
«La Svizzera è uno degli Stati membri dell’OMM. Nel giugno scorso, il direttore di MeteoSvizzera, Peter Binder, è stato addirittura eletto per quattro anni nel Consiglio esecutivo di questa organizzazione. Ci sono due elementi che caratterizzano la nostra attività al suo interno. Da un lato collaboriamo nelle attività di base volte a garantire lo scambio di dati e di esperienze a livello internazionale. Dall’altro prendiamo parte a programmi particolari come il “Global Atmosphere Watch”, la “Veglia meteorologica mondiale”, che è costituita da una serie di stazioni sparse nel mondo per monitorare la composizione chimica dell’atmosfera. A tal proposito MeteoSvizzera mette a disposizione dell’OMM delle stazioni su suolo elvetico. Un altro contributo è, infine, la consulenza a nazioni emergenti come il Kenya, dove si istruiscono i meteorologi locali sulle modalità di misure effettuate con i radiosondaggi.»   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ugobos 2 anni fa su tio
a me preoccupa di piu l inquinamento causato dalla auto e riscaldamenti a nafta. l aria fa schifo quando non ce un po di vento. Quando esci dalla morettina ti vien da dormire s epassi nelle ore di punta. chiaro che stanno sbagliando diverse cose. ma ora ci sono i verdi e socialisti non preoccupatevi con loro siamo in una botte di ferro
Bayron 2 anni fa su tio
Paranoie!
Bayron 2 anni fa su tio
Parano!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
2 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
3 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
5 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
9 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
10 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
12 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
14 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
14 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
16 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile