Archivio Ti-Press
BERNA
18.10.19 - 17:070
Aggiornamento : 17:47

Uccise il partner con una coltellata al petto, condannata una 28enne

La donna dovrà scontare cinque anni e tre mesi di carcere

BERNA - Una donna ungherese di 28 anni è stata condannata oggi dal Tribunale regionale di Berna a 5 anni e 3 mesi di carcere per aver ucciso il partner 55enne con una coltellata al petto nel corso di una lite scoppiata nell'ottobre dello scorso anno a Schwarzenburg (BE).

Dopo aver scontato la pena, la donna verrà rimpatriata e non potrà mettere piede in territorio elvetico per dodici anni. La corte ha anche concesso ai due figli della vittima un indennizzo di 15'000 franchi ciascuno.

I fatti risalgono a una sera di fine ottobre 2018: la coppia - che stava assieme da un paio di mesi - si trovava in un appartamento quando è scoppiata una lite. Dapprima sono solo volate male parole, poi i due sono venuti alle mani. Stando all'accusa, ad un certo punto la donna sarebbe corsa in cucina, avrebbe afferrato un coltello e colpito l'uomo al petto.

Il ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 9 anni: nella requisitoria aveva definito come poco credibili le dichiarazioni fatte della donna, che sosteneva di soffrire di vuoti di memoria e quindi di non sapere in quali circostanze il suo compagno fosse stato pugnalato.

La difesa ha dal canto suo ritenuto plausibile che la donna, ubriaca e sotto shock, abbia dimenticato i fatti. In ogni caso, quanto successo nei minuti decisivi che hanno portato al ferimento mortale dell'uomo resta "un mistero", hanno sottolineato i legali dell'imputata, secondo i quali le prove indiziarie presentate non sono sufficienti per una condanna.

La Corte ha oggi accolto gli argomenti dell'accusa, pur optando per una condanna inferiore a quanto richiesto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
56 min
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
2 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
14 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
14 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
18 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
18 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
20 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
20 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
21 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile