Ti Press
SVIZZERA
25.09.19 - 18:010

In aumento i beneficiari del contributo per l'assistenza

Introdotto nel 2012 per promuovere l'autonomia e favorire l'integrazione sociale, nel 2018 ne hanno beneficiato in 2324

BERNA - Il contributo per l'assistenza, destinato alle persone che ricevono un assegno per grandi invalidi e vivono a casa propria, è giudicato positivamente dalla grande maggioranza dei beneficiari. Il numero di persone che ricorrono a questo aiuto è aumentato negli anni raggiungendo quota 2324 nel 2018, stando a un rapporto intermedio dell'istituto Bass, pubblicato oggi.

Il contributo, che ha lo scopo di promuovere l'autonomia e favorire l'integrazione sociale, è stato introdotto nel 2012 nell'ambito della sesta revisione dell'Assicurazione invalidità (AI). Questo sostegno mirato permette ai grandi invalidi che desiderano vivere a domicilio e necessitano di un aiuto regolare di assumere una persona che fornisca loro assistenza. L'assicurato AI diventa quindi datore di lavoro e l'assistente è un suo dipendente diretto.

A sette anni dall'introduzione del contributo, il tasso di soddisfazione fra le persone interrogate raggiunge l'85% (molto soddisfatti, soddisfatti, in parte soddisfatti). In occasione del precedente sondaggio, pubblicato due anni fa, il tasso era del 75%. Inoltre quasi tre quarti dei partecipanti ritiene che la loro situazione sia nettamente o leggermente migliorata grazie al contributo per l'assistenza, mentre solo il 4% considera che vi sia stato un peggioramento.

Il numero dei beneficiari è aumentato ulteriormente negli ultimi anni passando da 1930 persone nel 2016 a 2324 nel 2018, con un incremento del 20% circa. «A 7 anni dalla sua introduzione, il numero di beneficiari della nuova prestazione non ha ancora raggiunto le 3000 unità pronosticate in media per la fase preliminare», sottolinea il rapporto. Se la crescita delle nuove richieste rimane costante, questa soglia sarà superata nel 2020.

Vi sono anche persone che cessano di percepire il contributo per scelta personale. I principali motivi evocati per la rinuncia sono il mancato riconoscimento dei familiari quali assistenti, l'onere amministrativo, la difficoltà nel trovare personale adeguato e problemi di salute.

Dall'analisi delle fatture rimborsate risulta che la mediana dei contributi effettivamente percepiti ammonta a 1287 franchi mensili, un importo nettamente inferiore agli aiuti massimi disponibili. Circa un quinto dei beneficiari fattura meno del 50% del contributo a cui avrebbe diritto, spiegano gli autori del rapporto. In media vengono utilizzati meno di tre quarti della somma a disposizione.

Per quanto riguarda i costi, le spese complessive ammontano a 56 milioni di franchi nel 2018, contro 44 milioni nel 2016. Le previsioni fatte al momento dell'introduzione del contributo calcolavano che nei primi 15 anni i costi annui medi si sarebbero attestati attorno ai 47 milioni di franchi. Finora i costi medi all'anno si situano a 37,4 milioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Operazioni di volo: «Le tasse sono troppo elevate»
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha imposto una loro riduzione a partire dal 1° aprile 2020
SVIZZERA
2 ore
Christian Levrat non si ricandiderà
«Sono stato presidente per dodici anni, con molto piacere ed energia, ma è una funzione logorante, sia sul piano politico che personale» ha dichiarato il presidente del PS
FRIBURGO
3 ore
Liberale, fidanzata e fan della fondue: ecco la consigliera agli Stati più giovane
Classe 1988, Johanna Gapany è stata eletta domenica al ballottaggio a Friburgo. Donne che si impegnano in politica, afferma, ce ne vorrebbero di più
ZURIGO
3 ore
5G: la maggioranza della popolazione vorrebbe fosse fermato
Secondo un sondaggio Tamedia, più della metà degli intervistati è contro una copertura a tappeto. A trarne vantaggio, sostengono, sarebbero le grandi aziende
VIDEO
ZURIGO
11 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
13 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
14 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
FRIBURGO
17 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
LUCERNA
19 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
BERNA
21 ore
L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay
Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile