keystone
+ 3
BERNA
20.09.19 - 15:260

L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico

Il rompighiaccio di ricerca tedesco "Polarstern" partirà stasera da Tromsø, in Norvegia, e passerà un anno alla deriva

BERNA - Il rompighiaccio di ricerca tedesco "Polarstern" partirà stasera da Tromsø, in Norvegia, e passerà un anno alla deriva nel mare artico, raccogliendo dati che dovranno consentire una migliore comprensione del riscaldamento globale. A bordo dell'imbarcazione vi sono anche quattro scienziati svizzeri.

Fortemente colpito dal riscaldamento globale, il sistema climatico artico - particolarmente importante per l'intero emisfero settentrionale - continua a costituire un'incognita per i ricercatori.

La più grande spedizione scientifica della storia - L'istituto tedesco Alfred Wegener ha organizzato la più grande spedizione scientifica della storia: chiamata "Mosaic" (Multidisciplinary drifting Observatory for the Study of Arctic Climate, traducibile con "Osservatorio multidisciplinare alla deriva per lo studio del clima artico"), la missione si svolgerà principalmente durante l'inverno polare, stagione in cui la raccolta dei dati è finora stata scarsa.

Ancorati al ghiaccio - Tra un mese, il natante si ancorerà a un'enorme lastra di ghiaccio a nord della Siberia: verrà poi completamente intrappolato dalla banchisa e con essa andrà alla deriva per centinaia di chilometri. Solo la prossima estate il "pack" si scioglierà, lasciando libera l'imbarcazione probabilmente a nord-est della Groenlandia.

600 scienziati - Alla spedizione partecipano circa 600 scienziati provenienti da 19 paesi: la metà di essi sarà sulla nave solo temporaneamente. Infatti, la spedizione "Mosaic" è divisa in sei tappe: i ricercatori si alterneranno ad ogni tappa, grazie ad altri rompighiaccio che fungeranno da navette.

I 4 svizzeri - Quattro di questi ricercatori sono svizzeri. Vi è Julia Schmale, specialista dell'atmosfera presso l'Istituto Paul Scherrer, che intende studiare la formazione di nuvole da nuclei di condensazione naturale e artificiale (particelle fini).

Un altro scienziato elvetico è Martin Schneebeli, dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WLS), che si occupa degli scambi di energia tra l'atmosfera e l'oceano e dell'influsso di neve e ghiaccio su queste interazioni.

Un terzo ricercatore svizzero a bordo del rompighiaccio tedesco è Mike Schwank, sempre del WLS, che studierà microonde emanate dal ghiaccio marino. Infine Reza Naderpour (WLS) confronterà le misurazioni di apparecchiature installate attorno alla "Polarstern" con quelle dei satelliti.

keystone
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Economia
4 ore
Swiss riduce i voli verso l'italia
I passeggeri che hanno prenotato un volo cancellato potranno scegliere di venir trasferiti o di farsi rimborsare
SONDAGGIO
Cronaca
5 ore
Posso stare lontano dal lavoro a causa del virus?
Alcune compagnie proibiscono la stretta di mano. Gli assistenti di volo rifiutano i viaggi in Italia. Parla l'esperto
Cronaca
5 ore
Coronavirus: Coira vieta eventi a partire da 50 persone
L'obiettivo è quello di garantire la maggiore tracciabilità possibile delle persone infettate
Economia
7 ore
Coronavirus: la Borsa elvetica chiude in profondo rosso
Oggi è stato registrato un calo dello SMI pari al 3,67%. Ma per tutta la settimana si parla di un -12%
Attualita
8 ore
A Wuhan migliaia di contagi già prima della quarantena
È l'ipotesi avanzata da ricercatori del Politecnico di Zurigo: l'epidemia sarebbe partita già all'inizio di novembre
Attualita
9 ore
Brucia un negozio di animali, trenta sfollati
Il rogo è scoppiato stamani a Coira. I pompieri sono intervenuti con una settantina di uomini
Attualita
10 ore
Sciare costa di più col dynamic pricing
Le critiche dell'organizzazione dei consumatori SKS al modello tariffario introdotto in diversi comprensori invernali
Attualita
13 ore
Il coronavirus cancella il Salone dell'auto
Ma si parla anche del carnevale di Basilea e delle partite di calcio
Cronaca
16 ore
Coronavirus: 15 casi in Svizzera. Stop ai grandi eventi
Il provvedimento scatta immediatamente ed è valido almeno fino al prossimo 15 marzo. Berset: «È una situazione inedita»
Economia
16 ore
La borsa svizzera cala a picco
Tutti i principali mercati europei (ma non solo) hanno vissuto aperture da profondo rosso a causa dell'epidemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile