KEYSTONE/AP (Antonio Calanni)
BERNA
15.08.19 - 18:090

No all'obbligo di diffusione gratuita dei big match di calcio

Per il governo esistono già strumenti a tutela dello spettatore

BERNA - Le partite di calcio più importanti, come quelle dei Mondiali e degli Europei, non devono essere obbligatoriamente mandate in onda gratuitamente. È il parere del Consiglio federale, espresso rispondendo a una mozione del consigliere nazionale Luzi Stamm (UDC/AG). Per il governo esistono già strumenti a tutela dello spettatore.

Secondo Stamm, il diritto svizzero andrebbe adeguato in modo che le emittenti sportive siano forzate a mostrare gratis gli incontri di calcio ai più alti livelli, per esempio quelli della Coppa del Mondo o del massimo torneo continentale. Questo perché, stando al deputato, sempre più spesso parti della popolazione hanno accesso a determinati match soltanto pagando un prezzo supplementare.

Stamm intende obbligare il legislatore a "limitare e impedire sviluppi dannosi che portano a posizioni dominanti sul mercato", si legge nel testo depositato. FIFA e UEFA sarebbero così costrette a cedere una parte dei loro privilegi, perdendo il diritto di generare in Svizzera entrate per i diritti televisivi.

Stando all'argoviese inoltre, il libero accesso del pubblico a partite specifiche è più che giustificato. La collettività infatti sostiene costi esterni molto elevati per il calcio, ad esempio nell'ambito delle infrastrutture e della sicurezza.

Le sue argomentazioni non hanno però convinto il Consiglio federale, che propone di respingere la mozione. Nella sua replica, l'esecutivo sostiene che la legge federale sulla radiotelevisione prevede che almeno l'80% delle economie domestiche per ogni regione linguistica possa captare gratis avvenimenti di grande importanza. Fra questi rientrano anche le partite di pallone più rilevanti, come finale e semifinali di Mondiali ed Europei, oltre a tutte le sfide, qualificazioni incluse, della Nazionale rossocrociata. L'ultimo atto della Champions League va invece trasmesso in chiaro solo in caso di presenza di una squadra elvetica.

Per il governo dunque esistono già strumenti per garantire ai telespettatori svizzeri l'accesso gratuito ai match di cartello. Le prescrizioni legali sono state finora rispettate da organizzatori, titolari dei diritti ed emittenti. Il Consiglio federale non ritiene pertanto realistico introdurre l'obbligo chiesto da Stamm, che per di più non potrebbe essere imposto all'estero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
3 ore

«Quella bandiera deve rimanere al suo posto»

Il vessillo rossocrociato è appeso illegalmente a una roccia dello Schleifenberg da anni. Ora la sua posizione è stata regolarizzata dal Municipio di Liestal: «Non è in conflitto con la legge»

LUCERNA
7 ore

«Violenza per educare le donne», i sermoni in moschea verranno registrati

L'associazione "Dar Assalam" seguirà la raccomandazione. Quattro persone formate avranno inoltre il compito di assistere alle prediche e intervenire in caso di necessità

SVIZZERA
7 ore

Credit Suisse: più consulenti al servizio degli ultra-ricchi

Il nuovo responsabile del comparto gestione patrimoniale internazionale vuole ampliare le attività con i clienti definiti strategici

SVIZZERA
7 ore

Swiss, il mayday sembra essere già rientrato

12 aerei sono tornati in volo, gli altri dovrebbero essere presto operativi. Da domani i collegamenti aerei torneranno in gran parte regolari, assicura la compagnia aerea

SVIZZERA
8 ore

UBS, Axel Weber critica la Bce: «Draghi ha legato le mani a Lagarde»

Nel mirino di uno dei manager più pagati della storia svizzera è la decisione di allentare ulteriormente la politica monetaria

TURGOVIA
10 ore

Plastica nella salsa di pomodoro

Una mamma intenta a preparare un piatto di pasta al suo bambino ha avuto una brutta sorpresa

SVIZZERA
10 ore

Roche cresce più delle attese: alza le sue prospettive

Il fatturato è salito del 9% a 46,07 miliardi di franchi

VIDEO
ZURIGO
1 gior

Urla e insulti in autostrada, spunta il tesserino. Agente sospeso

L'uomo ha ripreso tutto con il cellulare, mentre sua figlia in macchina piangeva impaurita. L'altro si difende: «Dovevo identificarmi come ufficiale di polizia, guidava in modo pericoloso»

BERNA
1 gior

61 reati in due anni, giovane turco dovrà lasciare la Svizzera

Secondo i giudici la sua integrazione è fallita. Tra i reati vi sono lesioni personali, rapina e incendio intenzionale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile