Immobili
Veicoli
Deposit
SVIZZERA
06.08.19 - 06:370
Aggiornamento : 10:22

La tossicodipendenza è una malattia: l'Ai ora risponde

A seguito di una decisione del Tribunale federale, ora i tossicodipendenti possono richiedere una rendita AI. Prima non era possibile

ZURIGO - Il Tribunale federale ha modificato i propri parametri al fine di poter valutare il diritto di rendita AI in caso di dipendenza da stupefacenti, che ora viene considerata una malattia. In singoli casi occorre comunque chiarire, attraverso una procedura strutturata, se la dipendenza abbia o meno un effetto sulla capacità di lavorare dell’individuo. 

Tanja A. (*), trentacinquenne di Lucerna, ha iniziato ad assumere cocaina ed eroina in gioventù. Una dipendenza che l’ha portata ad interrompere l’apprendistato e da allora vive con l’assistenza sociale. «Ho inoltrato la richiesta per poter ottenere una rendita AI più volte, ma senza successo - spiega Tanja - Ora è in corso l’ennesimo tentativo, che spero possa finalmente andare in porto». E poi aggiunge: «Penso che la decisione del Tribunale federale sia ottima, poiché è in grado di dimostrare che una dipendenza è una malattia».

Secondo Manuel Herrmann di Fachverband Sucht - associazione di oltre 300 organizzazioni specializzate nella prevenzione e nell’assistenza -, «la decisione è un passo avanti»: per i tossicodipendenti abili al lavoro, una rendita Ai significa maggiori opportunità di integrazione professionale.

Non è della stessa opinione il consigliere nazionale Udc Thomas de Courten: «Se il Tribunale federale reputa una dipendenza di per sé praticamente incurabile, giustificando una richiesta AI, significa che non c'è più alcun incentivo a trovare una via d'uscita dalla stessa».

Secondo l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas), non è ancora chiaro quante persone abbiano diritto o meno a una rendita AI. «Non ci aspettiamo costi aggiuntivi sostanziali», spiega la portavoce Sabrina Gasser. Anche perché tutte non tutte le dipendenze portano ad ottenere una prestazione.

(*) nome noto alla redazione

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 2 anni fa su tio
La tossicodipendenza è una scelta. Chi vuole distruggere la sua vita si accomodi ma non la si sponsorizzi ! Quello che cade, lavorando, da un ponteggio e si rompe la schiena è da aiutare ;-((
Mat78 2 anni fa su tio
Il TF sta prendendo decisioni lesive per il paese e vergognose per il cittadino contribuente. Se a Mon-Repos tutelano così i cittadini stiamo freschi...garantismo da partito bolscevico e zelo autolesionista. I signori giudici farebbero bene a ricordarsi che devano comunque rendere conto al loro paese. Il loro ruolo non è autoreferenziale! VERGOGNATEVI!
Tato50 2 anni fa su tio
@Mat78 Vedi la recente sentenza per i nominativi di cittadini francesi che avevano o hanno conti in Banca in CH !! Adesso è arrivata l'Italia con la medesima richiesta, ma niente Blog, poi avanti gli altri................. ;-(
pulp 2 anni fa su tio
Mondo strano quello in cui viviamo.... la cicala viene premiata e la formica tartassata e depredata. Non mi metto nemmeno a valutare dal punto di vista medico se una dipendenza è malattia, ma parto da una valutazione più socio - culturale. Due ragazzi... uno gran lavoratore, risparmia e si compera la casa e poi anche un'altra di vacanza. L'altro fa feste, cattive compagnie, inizia a drogarsi ed entra nel tunnel della tossicodipendenza. Ebbene il primo paga le tasse e viene pure tassato anche su presunti redditi della sua casa e peggio ancora di quella di vacanza (e su 12 mesi... anche se è evidente che quando stà in una, non può stare nell'altra). Il secondo viene invece "finanziato" dallo stato..... A decidere il tribunale federale, quelli che da quasi 4 anni stanno ancora valutando il caso della tassa di collegamento (tassa che ancora una volta paga chi lavora...) vabbè adesso mi metto a lavorare... mi sento comunque migliore.
Tato50 2 anni fa su tio
@pulp E se quello cade dal tetto e ci rimedia qualche vertebra rotta, rimpiangerà di non essere andato ai festini invece di costruirsi due case. Perché ? Perché per lui ci vorranno anni prima di una decisione, mentre se vai direttamente in un ufficio AI con gli occhi fuori dalle orbite e la bava alla bocca ( magari schiuma da barba) timbro e firma e set a posct ;-))
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Chi va in assistenza per il troppo lavoro o perché fa un lavoro che per lui è troppo stressante é come un drogato... Chi glielo fa fare?... perché non hanno cambiato lavoro?... se manteniamo questi per par condicio dobbiamo mantenere i drogati...
Esse 2 anni fa su tio
Sé non lavorano li paghi comunque
miba 2 anni fa su tio
Purtroppo andiamo di male in peggio... I finanziamenti delle nostre assicurazioni sociali fanno acqua da tutte le parti ed invece di risanare si fa di tutto per scialacquare denaro ancora di più. Dove sono finiti la logica ed il buonsenso? Sono stati soppiantati in tutto e per tutto dagli azzeccagarbugli (alias avvocati, giudici e tribunali)?
limortaccituoi 2 anni fa su tio
Sul fatto che sia giusto percepire l'AI ci si potrebbe discutere, ed è giusto che lo si faccia. Ma tutta questa cattiveria nei confronti delle persone tossicodipendenti è davvero triste. Certo, non ti obbliga nessuno a farti né tantomeno a cominciare. Però essere tossicodipendenti non è una scelta. È un dramma per te, la famiglia, gli amici, chi ti vuole bene, che spesso colpisce i segmenti più fragili della nostra società. E la società è come una catena, la sua forza si misura dalla resistenza degli anelli più deboli.
Jenaplynski 2 anni fa su tio
????
Stranita 2 anni fa su tio
Che diciamo sulla dipendenza dai giochi di azzardo? Gli viene data una bella cifra a inizio mese per giocarseli?
Yoebar 2 anni fa su tio
Io ho in testa solo la moto, girare in pista e non riesco farne a meno, questa mia malattia ritengo che sia molto grave, ora che non ho più soldi sto male, non penso ad altro. Forse l’AI d’ora in avanti provvedere a pagarmi gomme, benzina e circuito e se piango bene forse mi danno un motore da MotoGP.
Gio65 2 anni fa su tio
Ma una dipendenza da sesso, è considerata alla stessa stragua? No perchè magari fanno un abbonamento a Castione...
occhiaperti 2 anni fa su tio
E cosi possono darsi l’overdose pagata della comunità e la criminalità dello spacciò degli stupefacenti ci ridono in faccia.
francox 2 anni fa su tio
L’alcol è una sostanza psicotropa, tossica, cancerogena e induttrice di dipendenza. Andranno in AI anche gli alcolisti?
occhiaperti 2 anni fa su tio
E cosi possono darsi la overdose pagato della communità e la criminalità dello spacciò dei stupefacenti ci ridono in faccia.
interceptors 2 anni fa su tio
Guarda che è a livello svizzero....
ctu67 2 anni fa su tio
e num a pagum... intanto le rendite AI di chi veramente ha bisogno sono continuamente decurtate !!
Loll 2 anni fa su tio
Secondo me andrà a finire che si riempe il cantone di tossici solo per poter beneficiare dell invalidità
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
9 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
11 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
12 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
13 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
15 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
18 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
18 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
19 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile