Deposit
SVIZZERA
24.07.19 - 06:050
Aggiornamento : 09:53

«Cani e gatti compromettono il clima»

Per molte persone gli animali domestici sono indispensabili. Ma possono causare grosse emissioni di CO2

ZURIGO. Un gatto può influire negativamente sul clima? Sì, secondo un articolo della rivista tedesca Sozialistische Tageszeitung. 

In riferimento al riscaldamento globale, si legge: «Se vuoi fare qualcosa di buono per il clima non devi comprare né un cane né un gatto». 

Per cui, a lungo termine, l’allevamento di animali domestici potrebbe essere proibito. 

Niels Jungbluth, esperto in valutazioni del ciclo di vita, sostiene che l’allevamento di amici a quattro zampe dovrebbe essere esaminato attentamente. 

Egli ha calcolato l'impronta ecologica degli animali domestici per il territorio elvetico: in un anno, l’allevamento di un gatto, ad esempio, causa emissioni di CO2 pari a un aereo su una tratta di 1311 chilometri, un cane pari a 3291 e un cavallo a 8229. 

A seconda del tipo di carne contenuta nel cibo e del tipo di allevamento, un animale domestico ha «un’influenza piuttosto massiccia» sul bilancio delle emissioni complessive di CO2 del suo proprietario. Un cavallo copre già un terzo di tali emissioni per persona, un cane il 6% e un gatto il 2%. 

«In particolare, l’allevamento di animali di grossa taglia non è compatibile con gli obiettivi nella protezione del clima», prosegue Jungbluth.

«Vietare l’allevamento del “cane di famiglia” non ha in ogni caso alcuna priorità nella lotta contro il cambiamento climatico», afferma intanto Luzian Franzini, co-presidente dei Giovani Verdi Svizzeri. 

Urs Weiss dell’associazione Piccoli Animali Svizzera, dal canto suo, reputa tale approccio completamente sbagliato, visto che «gli animali domestici danno una mano ai loro proprietari nell’affrontare la solitudine e, nel contempo, sono molto importanti per la psiche umana». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
«In una crisi, i ricchi non valgono di più»
Immunizzato nonostante non soddisfacesse i criteri: fa discutere il caso del miliardario Johann Rupert
VAUD
8 ore
Focolaio in un albergo vodese
È stato scoperto in una struttura di Villars-Gryon: tredici dipendenti sono risultati positivi al coronavirus
SVIZZERA
9 ore
Scuola reclute azzoppata dall'obbligo di telelavoro
I problemi riscontrati questa settimana sarebbero dovuti al sovraccarico del sistema informatico gestito da Ruag.
SVIZZERA
9 ore
FFP2, chirurgiche, in tessuto: quale scegliere?
Come indossare correttamente la mascherina? E per quanto tempo? Qual è la più efficace?
SVIZZERA
10 ore
Da domani i dati cantonali sul numero di vaccinati
Dovevano già essere disponibili da qualche giorno, ma ci sono stati alcuni problemi tecnici
ZURIGO
11 ore
A Zurigo mascherine obbligatorie dalla quarta elementare
Nelle scuole secondarie, il numero di allievi presenti in aula sarà inoltre dimezzato.
SVIZZERA
11 ore
Le conseguenze della seconda ondata: depressione raddoppiata
La Task Force Covid-19 parla di sintomi depressivi gravi nel 18% degli intervistati e cerca soluzioni
SVIZZERA
14 ore
Dieci giorni di quarantena sono troppi: ecco le tre proposte
Le misure sono in consultazione presso i Cantoni fino a venerdì
SVIZZERA
14 ore
Chi esporta è un po' più ottimista, ora
Le piccole e medie imprese orientate verso l'estero guardano con moderata fiducia a questo primo semestre
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera i nuovi casi sono 2'205, i decessi 47
Nelle ultime 24 ore 28'094 persone si sono sottoposte al tampone: il 7,8% è risultato positivo al Covid-19.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile