Keystone
SVIZZERA
12.07.19 - 10:340

Oltre 5000 tonnellate di plastica finiscono nell'ambiente ogni anno

Lo indica uno studio ordinato dall'Ufficio federale dell'ambiente: una quantità che equivale a 600 grammi per abitante

BERNA - Oltre 5000 tonnellate finiscono nell'ambiente in Svizzera ogni anno, ossia circa 600 grammi per abitante, neonati compresi. Lo indica uno studio effettuato dal Laboratorio federale di prova dei materiali Empa su incarico dell'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam).

Lo studio, si legge in una nota diramata oggi, si è concentrato sulle sette materie plastiche più utilizzate quali il polietilene (LD-PE e HD-PE), il polipropilene, il polistirolo e il polistirolo espanso, il PVC e il PET utilizzati in imballaggi, su tessuti, materiali isolanti e film plastici utilizzati in agricoltura. Non ha invece considerato altre materie plastiche, in particolare la gomma rilasciata nell'ambiente dall'abrasione dei pneumatici, che diversi studi scientifici considerano la maggiore fonte di microplastiche: uno studio ad hoc è attualmente in corso.

Complessivamente, l'immissione annua delle sette materie plastiche esaminate è di circa 5120 tonnellate, ovvero lo 0,7% circa della quantità totale consumata in Svizzera, pari a 710'000 tonnellate.

Secondo il modello dell'Empa, ogni anno si depositano sul suolo circa 4400 tonnellate di macroplastiche (superiori a 5 mm) e oltre 100 tonnellate finiscono nelle acque. Nei suoli finiscono inoltre 600 tonnellate di microplastiche (inferiori a 5 mm), e poco meno di 15 si disperdono nelle acque.

La quantità di microplastiche è quindi molto più ridotta di quella delle macroplastiche; tuttavia, il numero di particelle che potrebbero avere ripercussioni sugli organismi è molto più elevato, rileva l'Empa.

Littering e altre cause - Il fatto che la quantità di plastica che finisce nel suolo sia di circa 40 volte superiore a quella immessa nelle acque è dovuto principalmente al fenomeno del littering, ossia l'atto di gettare o abbandonare piccole quantità di rifiuti. Un'altra importante fonte di macroplastiche nei suoli è l'utilizzo ad esempio di pellicole plastiche in agricoltura. Inoltre, le macroplastiche finiscono sui e nei suoli attraverso il compostaggio di rifiuti organici che contengono ancora plastica.

Per quanto concerne le microplastiche nel suolo, le fonti principali sono l'agricoltura e l'edilizia, ad esempio attraverso la disintegrazione di pellicole e tubi e la posa e lo smantellamento dell'isolamento degli edifici. In misura minore, lo smaltimento dei rifiuti contribuisce all'inquinamento da microplastiche attraverso la triturazione dei rifiuti plastici per il riciclaggio.

Le principali fonti di microplastiche nelle acque - spiega ancora l'Empa - sono gli indumenti in fibre sintetiche o il loro lavaggio e i prodotti cosmetici. Tuttavia, aggiunge, misurate secondo il modello di inquinamento dei suoli queste fonti sono esigue. Inoltre, impianti efficienti di trattamento delle acque reflue filtrano gran parte delle microplastiche dalle acque di scarico. Uno studio dell'Empa, recentemente concluso, ha dimostrato che attualmente le microplastiche non rappresentano una minaccia per gli organismi acquatici in Europa.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
1 ora

Nel seminterrato con un'arma, parte il colpo e uccide un 14enne

I due ragazzini stavano maneggiando la pistola quando un proiettile è esploso ed è finito nel petto di uno di loro

SVIZZERA
4 ore

Misure concrete dopo il dramma: «Trovati 512 difetti, ma quasi tutti irrilevanti»

Le FFS vogliono «migliorare e modernizzare il sistema di chiusura delle porte» e «sottoporre a un'analisi esterna» il processo di segnalazione

ZURIGO
4 ore

Dal Politecnico i pannelli solari mobili

Vengono installati sulle facciate degli edifici e montati su cavi d'acciaio. Ognuno di essi può muoversi su un asse orizzontale e verticale

SVIZZERA / BRASILE
5 ore

Anche Berna guarda all'Amazzonia con preoccupazione

Il DFAE ha dichiarato che affronterà la questione con i paesi interessati. Bolsonaro pensa di ricorrere alle forze armate vista l'emergenza, il suo vice: «Incendi normali, è malafede»

SVIZZERA
6 ore

Tassi direttori, la BNS potrebbe abbassarli

Una decisione in merito è attesa per il prossimo 19 settembre

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile