Keystone - foto d'archivio
BERNA
27.06.19 - 14:580
Aggiornamento : 17:08

Stop al trasferimento degli studi radio SSR a Zurigo

La SSR ha varato una nuova strategia audio che consentirebbe la sopravvivenza dell'unità bernese

BERNA - Il previsto trasferimento degli studi radiofonici della SSR da Berna a Zurigo, che ha incontrato forte resistenza, è revocato. L'azienda ha infatti varato una nuova strategia audio che consentirebbe la sopravvivenza dell'unità bernese. Malgrado ciò i piani di risparmio per la redazione radio di Berna verranno mantenuti.

Secondo la nuova strategia, ancora in progettazione, i programmi radiofonici "Echo der Zeit" , "Tagesgespräch" e anche "Rendezvous" potrebbero continuare ad essere prodotti a Berna, ha comunicato oggi la SSR. La redazione in capo verrebbe invece suddivisa tra Zurigo e Berna.

La nuova strategia si basa tuttavia sul principio che "Radio SRF 4 News", vera e propria newsroom di SRF, si sposti da Berna a Zurigo, afferma la SSR. SRF 4 News potrebbe diventare un canale dedicato ai notiziari che a tratti trasmetterà in diretta e allo stesso tempo proporrà contenuti digitali on-demand.

È inoltre previsto che le notizie per la trasmissione mattutina di SRF 1 vengano prodotte a Zurigo. Infine verrà esaminata una ripartizione "ragionevole" dei compiti della redazione Notizie/Teletext tra Berna e Zurigo.

La sede bernese di SRF dovrà comunque risparmiare 3 milioni di franchi, come inizialmente previsto. La redazione in capo è responsabile dell'elaborazione di un catalogo di misure che sostituiscano il trasferimento.

La direttrice di SRF Nathalie Wappler ha annunciato il lancio della strategia nel bilancio dei suoi 100 primi giorni alla guida dell'azienda, in accordo con il consiglio d'amministrazione e la direzione generale della SSR. Il progetto sarà presentato in dettaglio a fine settembre e sostituisce quello denominato "Info 21", che prevedeva il trasferimento della redazione radiofonica da Berna a Zurigo.

La decisione di spostare gli studi radiofonici era stata annunciata nell'aprile 2018, poco dopo il "no" della popolazione all'iniziativa No Billag, e aveva immediatamente suscitato critiche e proteste anche nella politica nazionale. All'epoca l'azienda prevedeva un programma di risparmio di circa 100 milioni di franchi e la soppressione di posti di lavoro. A suo dire, la causa era il tetto massimo fissato dal Consiglio federale per i proventi del canone e il calo degli introiti pubblicitari.

La rinuncia al trasferimento arriva una settimana dopo che il Consiglio nazionale ha dato seguito a cinque iniziative parlamentari volte ad ancorare la ripartizione dei siti di produzione della SSR a Ginevra, Losanna, Berna e Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
ZUGO
2 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
12 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
17 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
19 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
20 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
22 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
23 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
1 gior
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile