Deposit
ZURIGO
24.06.19 - 06:010

Arriva l'estate e gli scolari con problemi comportamentali finiscono in clinica

Nel canton Zurigo molti genitori si sentono abbandonati. E per inserire i figli in una scuola speciale dovranno attendere

ZURIGO - Le vacanze sono ancora un miraggio per gli scolari del canton Zurigo, dove la pausa estiva non comincerà prima del 15 luglio prossimo. I genitori degli allievi con problemi comportamentali, però, vivono già con particolare apprensione la fine delle lezioni. I loro figli, infatti, sono spesso già stati allontanati dal loro istituto perché non più gestibili e in molti casi non potranno accedere a una scuola speciale prima dell'inizio del nuovo anno.

«Sempre più genitori non sanno come andare avanti e portano i figli con problemi comportamentali da noi», rivela a 20 Minuten Fana Asefaw, la direttrice di una clinica di Winterthur specializzata in psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, la Clienia. «Molti sono a casa senza la disponibilità di una struttura giornaliera o in malattia - continua -. I genitori si sentono abbandonati e, dopo che la situazione è degenerata a scuola, arrivano al limite anche a casa, fino anche al burnout».

Il servizio psicologico scolastico è a conoscenza di questa problematica: «Con l'arrivo delle vacanze estive è difficile trovare posto per gli allievi con problemi comportamentali», spiega la co-presidente degli psicologi scolastici del Canton Zurigo, Bigna Bernet. «I docenti delle scuole pubbliche - dal canto loro - hanno spesso risorse limitate a disposizione» e l'integrazione di scolari difficili non è sempre possibile.

Un sondaggio condotto dall'Alta scuola pedagogica di Zurigo tra gli insegnanti rivela che nella città sulla Limmat e a Winterthur circa il 20% degli allievi della scuola dell'obbligo ha problemi comportamentali. Il fenomeno interessa tutta la Svizzera, conferma il presidente dell'Associazione mantello delle docenti e dei docenti Svizzera (LCH), Beat W. Zemp. 

      

Commenti
 
Angela Giuliani 4 mesi fa su fb
Esatto ragazzi speciali che gli adulti non comprendono
Angela Giuliani 4 mesi fa su fb
Scusate ,ma piantatela di dare la colpa hai genitori,ci sono madri da sole ad affrontare i figli la vita le bollette le rotture che arrivano tutti i giorni ,ma sapete cosa vuoldire ,non parlate a vanvera ,qui Ticino se un ragazzo è strano Lo portano dai dottori dal psicologo alla neuro ma basta
Klodijan Troci 4 mesi fa su fb
Mandarli a lavorare in estate nel Edilizia........ vedrete che capiranno bene il significato della scuola.
Stefy La Bernese 4 mesi fa su fb
io la vedo come troppi figli messi al mondo con superficialità..
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
Quale clinica ???? ... 😡 fuori di testa la direzione delle scuole ! Non vogliamo aiutare i ragazzi speciali ? Datevi da fare e trovate una soluzione . Chiudete subito semmai è rimandate all’autunno . Non si può arrivare a dover rivolgersi ad una clinica per un fatto che si può risolvere umanamente ! Oppure è caldo solo per gli adulti ed a loro si concedono tutti gli sbalzi di umore ????
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
Elena Maretti il figlio della mia amica é stato bocciato ogni anno proprio x dargli la possibilità di frequentare il più a lungo possibile. Ora a 22 anni non va più a scuola. Sabato scorso c'è stato un evento x lui in una scuola, beh lui si è accorto di essere tornato a scuola e sorrideva.... Questo la dice lunga su cosa prova anche una persona in condizioni cerebrali e fisiche gravi. Un raro caso di sopravvivenza alla pess ❤️
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
Elena Maretti sono tanti anche in Italia, ma almeno in Italia vengono considerati esseri umani. Tutti i disabili di qualsiasi grado frequentano le scuole pubbliche. É molto importante sia x il disabile, sia x gli altri alunni... Un accrescimento per entrambi
Lo Rena 4 mesi fa su fb
Qualche domanda me la farei!!
Alessandro Ale Marra 4 mesi fa su fb
meglio di no, le mie figlie sono nate ed andate alle elementari su, ed in classe c'era un bambino che molto vivace, si arrampicava sugli alberi durante la ricreazione, e la maestra prima lo ha indirizzato dallo psicologo, e di conseguenza gli voleva prescrivere questo medicamento, che io non avevo mai sentito, poi ho scoperto, che lo avevano cambiato di classe, e nella nuova erano tutti un po vivaci e tenuti lontani dagli alberi😏, e gli somministravano questa merda
Alessandro Ale Marra 4 mesi fa su fb
ritalin e passa tutto, da quelle parti é di moda darlo ai bambini che respirano troppo :-(
moma 4 mesi fa su tio
Se togliessimo il problema genitori incapaci e lassativi, perché questo purtroppo è reale, ci sarebbero meno della metà di queste situazioni. In sintonia con che l'ha già sottolineato. Pazzesco vedere bambini delle elementari con già in mano telefonini.
curzio 4 mesi fa su tio
@moma Hahaha... lassativi? Immagino volessi dire "lassisti". :-D
Katia De Lucia 4 mesi fa su fb
Gli svizzeri hanno un modo di pensare tutto contorto
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
Katia De Lucia concordo
Katia De Lucia 4 mesi fa su fb
Dany Pellegrini 😊
Claudia Pizzi 4 mesi fa su fb
Qui se uno é un po' esuberante é un problema !? Ma i geni e gli artisti spesso hanno questa caratteristica. Dei grandi intellettuali e artisti infatti non ce ne sono . Mandatemi in Vacanza a Parigi Firenze Venezia Roma e fategli apprezzare l'arte e la diversità.
Alessandro Ale Marra 4 mesi fa su fb
Claudia Pizzi infatti da qui artisti non ne vengono fuori, ne pittori o poeti, solo strade si fanno e si disfano strade tutto l'anno,
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
bravo ! ... però i prof no non lo meritano ! Ma stiamo scherzando ? Messi per strada perché speciali delicati e sensibili . Bell’esempio dall’ “alto” 😔
Leila Bianchi 4 mesi fa su fb
Nella prossima vita sposo un miliardario. Scuole private o insegnanti a casa! Confermo che nelle scuole dell’obbligo si sta rasentando la fantascienza! Quando i miei figli le hanno finite abbiamo fatto una festa! Avevo amiche ( con maschietti) tempestate di telefonate. Una era addirittura chiamata a colloquio quasi tutte le settimane. Motivo? Quando si faceva una passeggiata il bambino si fermava spesso a guardarsi intorno, doveva cambiare le pantofole perché quando lo chiamava alla lavagna le ciabatte gli facevano perdere tempo perché, sedendosi con i talloni appoggiati alle gambe della sedia, scivolano via e doveva reinfilare i piedi. Chiedeva troppe volte di ripetere perché non capiva. Insomma a metà della 4 elementare la mamma non ha retto più e l’ha messo in una scuola privata ( non è stata l’unica). Di mia figlia, la stessa maestra di e a che aveva in modo di esprimersi infantile ( giudizi di 2 e 3 elementare). Non potendomi permettere la scuola privata, ho chiesto io un colloquio e ho detto a lei e al direttore che purtroppo avrebbero dovuto trovare un modo per andare d’accordo. È triste pensare che la scuola, il primo luogo dove socializzano come piccoli adulti, li tratti semplicemente come dei randagi indisciplinati. Guai a muoversi sulla sedia, guai a scatenarsi a ricreazione, ....se non sono tutti piccoli robot, diventano bambini problematici. Le vere problematiche sono certificate, ma quel tipo di bimbo non ha ancora un posto idoneo o insegnanti adeguati. I bambini con dislessia, iperattività, deficit di attenzione, sono bombati si di pastiglie ma, non basta, gli insegnanti non sono preparati adeguatamente per affrontare la cosa. Alcuni non vogliono, nonostante abbiano le direttive su come procedere non lo fanno.
Kyem Molteni 4 mesi fa su fb
Nei commenti vedo Tutti genitori modello con figli modello! Beati voi! Manca chi scrive che servono solo più schiaffoni...
Cristina Decarli Ex Wartenweiler 4 mesi fa su fb
Magari anche togliere un po il telefonino dalle mani e, andare a giocare con gli amici , questo fa tanto ....
Mary Schmitz 4 mesi fa su fb
Piu regole e Falle osservare sicuro ci vuole. LA scuola ha Maestri Che si impegnano e vivono la professione come vocazione altri Che Hanno scelto LA professione per guadagnare per avere una professione ammirata. MA poi essere genitori non e facile. Vedo Che ci so o alcuni Che Si ritengono esperti. Una porzione di collaborazione tra le parti familiari e una porzione di severita' mischiata con tanto amore perche senza quello non si fa niente. Buona Fortuna a tutti I genitori io ho avuto 3 figli ho avuto Fortuna pur lavorando non posso lamentarmi e 8 nipoti Che spero e cerco di aiutare con amore empatia e pazienza. Meno stress aiuta a volte siamo tutti molto impegnati .
Stefano Saggion 4 mesi fa su fb
Problemi anche in CH...
Francesca Deluca 4 mesi fa su fb
Poveri ragazzi...ormai abbandonati a loro stessi...io mi ricordo ke finita la scuola andavamo in colonia...giorni indimenticabili tra scherzi risate balli canti oggi invece in clinica...poveri figli!!!! Teneteli stretti al vostro cuore solo li riusciranno a superare i problemi..amateli e dategli le carezze ogni tanto sentiranno l' affetto di cui hanno bisogno!!!...a ke societa' povera ormai questa!!!! Li kiudono e pensano di risolvere i problemi!
Grace Rota 4 mesi fa su fb
Il problema primordiale sono gli adulti incapaci a gesti ragazzi e ragazze di oggi, genitori incapaci ad educare figli, perché sono loro che hanno problemi in primis, una grande percentuale di docente che esercitano il mestiere solo per lo stipendio, sono rari quelli che lo fanno veramente per passione, svegliatevi problemi partono dalla radice 🤗
Luca Gilardi 4 mesi fa su fb
Roba da matti. Un business tra i peggiori.
DeNise OrlaNdo 4 mesi fa su fb
Partorire son capaci cani e porci... è educare che nn fa x tutti. Meglio affidarli alle play station e agli mec donald's... più facile.
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
DeNise OrlaNdo brava hai capito tutto 😂😂😂👌👌👌
Fernanda Barloggio Minenna 4 mesi fa su fb
Pure se un bimbo mette le dita nel naso deve andare dallo psicologo! E mi fermo qui🤐
Silvana Fantacone 4 mesi fa su fb
Fernanda Barloggio Minenna ben detto .... a noi hanno fatto passare cinque anni di inferno solo perché nostro figlio è un bambino iperattivo .... frantumato perché dovevamo portarlo dallo psicologo non contenti volevano lo portassimo a ergoterapia ecc... ecc... che poi non è altro che un bambino che impara in fretta quindi sta nell’abilità del docente a fare in modo di non fargli fare ore la stessa cosa e dargli dopo un tot stimoli nuovi altri compiti da eseguire così che non si annoia ... e questo emerso anche non solo da me ma da tutti i test svolti da un neurologo e psicologa .... perché purtroppo oggi come oggi se non sono bambini ragazzi che vanno a comando tutto il resto sono elementi problematici da emarginare 😤
Sofia Sadiki 4 mesi fa su fb
Silvana conosci il gruppo" ADHD : questo sconosciuto ? " Danno un sacco di consigli su come comportarsi con i professori quando un bimbo è iperattivo, a me ha aiutato un sacco. 🌱
Fernanda Barloggio Minenna 4 mesi fa su fb
Silvana Fantacone ci sono più psicologi e tutto il resto che allievi! Meglio che mi fermo perché andrei avanti per ore😱
Silvana Fantacone 4 mesi fa su fb
Fernanda Barloggio Minenna vedo che assieme potremmo aprire un capitolo infinito in merito 😏
Silvana Fantacone 4 mesi fa su fb
Sofia Sadiki a me erano arrivati a dirmi che dovevo farmi prescrivere dal pediatra il Retalin cosa che ovviamente ho rifiutato visto che di certo non è mio figlio ad avere problemi ma loro ... mi informeró su questo gruppo Grazie
Massimo Walter Antonio Canonica 4 mesi fa su fb
Non ho parole
Shankara Passarella 4 mesi fa su fb
2020 ecco come la regressione va avanti... poi facciamogli pure la lobotomia gia che ci siamo... non mi stupirei se tra qualche anno raggiungiamo l ignoranza dei cinesi.
Elena Rusconi 4 mesi fa su fb
Ma state scherzando spero sti giovani di oggi pffffff!
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
Elena Rusconi spero tanto stia scherzando lei. E sarebbe già una cosa orribile! Articolo letto? .... mai sentito parlare di ragazzi con problemi che non vuol dire lazzaroni o viziati ? Tanto sensibili e delicato d’animo non è accettabile ? Che ne sa di che problemi si tratta ? Lei dirà : che ne sai tu ... stando vicino a ragazzi con problematiche dell’umore ecc ... non vuol dire : gettiamoli nel pattume ! 😡
Elena Rusconi 4 mesi fa su fb
Nicoletta Ceronetti io avevo risposto a un'altro link non a questo non so cosa sia successo non mi permetterei mai di esprimermi cosi su ragazzi con problemi mi scuso
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
Elena Rusconi ... 🤷‍♀️ FB avrà scambiato i link ...
Elena Rusconi 4 mesi fa su fb
Nicoletta Ceronetti no probabilmente io ho risposto a questo pensando fosse un'altro capita l'inportante e sapersi correggere e scusarsi
Vania Bettosini 4 mesi fa su fb
I problemi di questi ragazzi sono i genitori. Sarebbero da curare o educare loro prima di tutto
Fernanda Barloggio Minenna 4 mesi fa su fb
Vania Bettosini non in tutti i casi 😊
Liana Agnese 4 mesi fa su fb
Vania Bettosini medesimo pensiero...
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
Vania Bettosini fortunata lei (se fortunata si può dire) se non toccata da questi problemi. Qui non si tratta di “colpe” dei genitori . Mai sentito parlare di ragazzi con disturbi del comportamento ? Al di là delle responsabilità dei genitori? Vogliamo magari ghettizzarli ? Questi ragazzi possono essere ingegneri, biologi, avvocati, scienziati per il futuro . Sono delicati !!!!!!!!!!! e non è una colpa nè loro tantomeno dei propri genitori !
Vania Bettosini 4 mesi fa su fb
Nicoletta Ceronetti di certo non bisogna generalizzare. Ci sono ragazzi con delle patologie tipo autismo... E non è colpa di nessuno. Ma si vedono sempre più ragazzi con disturbi comportamentali e spesso si va ad analizzare i casi e dietro questi disturbi ci sono problemi famigliari sottovalutati. In quante famiglie si vedono bambini lasciati a sé stessi con un cellulare in mano, o giochini vari senza essere minimamente seguiti. È facile così i genitori sono liberi di fare altro e non se ne devono occupare. Poi ci si lamenta che sono schizzati, iperattivi, disturbi del comportamento. E di che ci si meraviglia? Non gli si insegna nemmeno più a comunicare e socializzare.. Altro che non essere disturbati 🤔🙄
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
Glieli darei io i problemi comportamentali e le cliniche subito messi a disposizione pur di approfittare per mangiare la loro quota. 4 pedate nel posteriore e con me una settimana a lavorare vedrete come gli passerebbe il problema comportamentale.
Nicoletta Ceronetti 4 mesi fa su fb
Sandrini Sirio vergognati !
Sandrini Sirio 4 mesi fa su fb
Nicoletta Ceronetti ma va a cag....
Elena Maretti 4 mesi fa su fb
Carlo Tomasini
Elena Maretti 4 mesi fa su fb
Il 20% ha problemi comportamentali tali da dover essere “piazzato” in una scuola “speciale”? No ma vi rendete conto della % sparata?
Lisa Reggiani 4 mesi fa su fb
Elena Maretti purtroppo te lo confermo, basta che un bambino sia minimamente vivace o fuori dalle righe che lo segnano come bambino con problemi comportamentali per allontanarlo dalla scuola o fare in modo che sia messo in una classe speciale. Non accettano il diverso e ho tantissime amiche ( soprattutto espatriate) i cui figli sono sottoposti a test psicologici e cognitivi estenuanti per trovare a tutti i costi qualcosa.
Beti Beti 4 mesi fa su fb
Lisa Reggiani condivido La stessa cosa che fanno a mio figlio di 6 anni, roba da matti, la scuola vuole bambini perfetti, se un bambino e vivace subito dal psicologo Da sano lo fanno diventare matto
Maria Teresa Balice 4 mesi fa su fb
Elena Maretti i miei invece hanno sempre avuto compagni con problemi o disagi evidenti in classe anche se credo fossero seguiti dal supporto pedagogico scolastico e psicologico. Credo questa scelta fosse fatta nell’esclusivo interesse del bambino disagiato. Non nascondo che il disagio è in parte ricaduto sulla classe e gli insegnanti (qualche bimbo senza colpa è finito anche al pronto soccorso purtroppo...)
Elena Maretti 4 mesi fa su fb
Lisa Reggiani bella roba......
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
Elena Maretti sono tanti anche in Italia, ma almeno in Italia vengono considerati esseri umani. Tutti i disabili di qualsiasi grado frequentano le scuole pubbliche. É molto importante sia x il disabile, sia x gli altri alunni... Un accrescimento per entrambi
Dany Pellegrini 4 mesi fa su fb
Elena Maretti il figlio della mia amica é stato bocciato ogni anno proprio x dargli la possibilità di frequentare il più a lungo possibile. Ora a 22 anni non va più a scuola. Sabato scorso c'è stato un evento x lui in una scuola, beh lui si è accorto di essere tornato a scuola e sorrideva.... Questo la dice lunga su cosa prova anche una persona in condizioni cerebrali e fisiche gravi. Un raro caso di sopravvivenza alla pess ❤️
Lisa Reggiani 4 mesi fa su fb
Beti Beti anche col mio hanno provato, ma ho cambiato prontamente scuola mettendolo in una bilingue e guarda a caso lui è rinato, ha ritrovato la serenità e le nuove maestre sono molto contente di lui
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 min
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
2 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
3 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
4 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
SVIZZERA / SUDAFRICA
6 ore
Incidente con una giraffa, il turista svizzero è morto
L'uomo si era gravemente ferito domenica nel Parco Nazionale Kruger, una riserva grande circa la metà della Svizzera
ITALIA / ZURIGO
6 ore
Eutanasia a Zurigo, rinvio a giudizio per il presidente di Exit-Italia
Le indagini sono state avviate su denunce dei familiari della donna, che soffriva di depressione
SVIZZERA
17 ore
Lo screening costa troppo e la gente vi rinuncia
Altra vicenda controversa sul tema dei costi della salute. Per l’esame della clamidia qui vengono addebitati 95 franchi, contro i 26 francesi e i 18 austriaci
SVIZZERA
18 ore
Lotto svizzero: un fortunato vince 1 milione di franchi
Il prossimo montepremi ammonterà a 20,3 milioni di franchi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile