20 Minuten/Tobias Rösli
Tobias Rösli è in viaggio con sua moglie Sonja e i suoi figli Finn (1) e Taio (3)
+5
MONGOLIA / SVIZZERA
06.05.19 - 20:570

«I nostri parenti si sono preoccupati molto più di noi»

Un gruppo di viaggiatori svizzeri è stato messo in quarantena per sei giorni dopo che una coppia è morta di peste bubbonica

ÖLGII - Per sei giorni Sonja e Tobias Rösli, la loro famiglia e la loro associazione di scambio culturale non hanno potuto lasciato la città mongola di Ölgii. La ragione di ciò è la morte di una coppia che aveva contratto la peste bubbonica mangiando carne di marmotta. Obbligando le autorità a mettere il villaggio in quarantena.

«Siamo in viaggio con il nostro gruppo "East meets West – Brugge baue"», ha raccontato Tobias Rösli a 20 Minuten. Il gruppo musicale del Canton Lucerna viaggia in tutto il mondo per diffondere la cultura e le tradizioni svizzere e per incoraggiare le persone a fare altrettanto, preservando così la propria cultura.

«La situazione era piuttosto confusa» - Il 1° maggio gli è stato detto che a nessuno era permesso uscire o entrare dalla località mongola. «La situazione era inizialmente piuttosto confusa», afferma Rösli. Ben presto è diventato chiaro che si trattava di una quarantena a causa della pestilenza. «Volevamo sapere se la malattia fosse trasmissibile per via aerea», continua il lucernese, che era preoccupato per la salute della sua famiglia e dei suoi figli. «Ma ci hanno subito rassicurati».

Fine della quarantena - Nessuno era nel panico. «Puoi solo aspettare e sperare che la quarantena finisca presto. I nostri parenti in Svizzera e Germania erano molto più preoccupati di noi, perché quando sei lontano pensi sempre al peggio. Ciò che ci preoccupava di più invece era che non sapevamo per quanto tempo saremmo rimasti bloccati», racconta. La gente del posto si è mostrata sempre estremamente cordiale e il gruppo ha trascorso le giornate visitando famiglie povere e orfanotrofi.

Lunedì verso le 20:00 (ora locale), dopo sei giorni, la quarantena è stata finalmente stata rimossa. «Domani speriamo di volare su Ulan Bator», conclude Rösli. Il 15 maggio, il gruppo intende finalmente tornare in Svizzera.

20 Minuten/Tobias Rösli
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
«Chi è in quarantena dovrebbe poter fare jogging o camminare»
Avenir Suisse stima che negli ultimi mesi oltre 200.000 svizzeri siano stati costretti agli «arresti domiciliari».
ZURIGO
4 ore
Truffa del falso poliziotto, condannato un 34enne turco
Al termine della pena, l'uomo sarà espulso dalla Svizzera per sette anni
TURGOVIA
5 ore
Stadler firma un contratto in Portogallo, fornirà 22 treni
L'accordo siglato con la società di trasporti pubblici Comboios de Portugal ha un valore di 170 milioni di franchi
SVIZZERA
7 ore
Dow cancella più di 100 posti di lavoro a Horgen
A molti dipendenti verrà offerto il trasferimento in un'altra sede, ha fatto sapere il produttore chimico Usa
BERNA
7 ore
Trovato un altro corpo senza vita a Interlaken
Le circostanze che hanno portato alla morte dell'uomo non sono state del tutto chiarite
ZURIGO
7 ore
Quasi mille nuovi casi di coronavirus in 24 ore
Complessivamente sono 99 le persone ricoverate in ospedale.
VALLESE
8 ore
Trovato morto in fabbrica
È stata avviata un'inchiesta su un incidente sul lavoro avvenuto lunedì in un'azienda vallesana
SVIZZERA
9 ore
Cervi contro le auto: 50 milioni di danni
Gli incidenti con animali selvatici in Svizzera costano cari alle assicurazioni. I dati di Axa
SVIZZERA
9 ore
«Senza risultati, mercoledì prossimo misure ancora più severe»
«La situazione si sta degradando rapidamente e bisogna dirlo in modo chiaro», ha detto Alain Berset davanti alla stampa.
SVIZZERA
10 ore
Premi di cassa malati, il Governo presenta la sua soluzione
Per il Consiglio federale l'iniziativa "per premi meno onerosi" non tiene conto dei costi, ma solo dei sussidi.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile