Deposit
SVIZZERA
23.04.19 - 21:310
Aggiornamento : 23:06

Occhio ai profili Instagram clonati:«Ma perché mi chiede il numero?»

La truffa che già aveva imperversato su Facebook è sbarcata anche sul social fotografico, l'esperto: «I più giovani a rischio, ma si sgonfierà»

ZURIGO - «Ehi, ciao, mi daresti il tuo numero di cellulare?», un messaggio apparentemente normale quello arrivato via Instagram a una lettrice di 20 Minuten. Il mittente era una sua amica di lungo corso. Per la ragazza, però, da subito la faccenda puzzava di bruciato: «Perché mi chiede il mio numero se ce l'ha già?», si è domandata.

Allora ha controllato meglio il mittente. In realtà non era lei ma un profilo-clone e il nome aveva una lettera in più. La stessa cosa è successa a un altro lettore che, pensando che si trattasse di lavoro, ha inviato il suo recapito per vedersi arrivare un messaggino con un Pin. In quel momento anche lui ha mangiato la foglia: si trattava di una truffa.

Il meccanismo non è nuovo ed è già stato collaudato su Facebook dove, qualche tempo fa, era abbastanza comune: si hackera e si clona un profilo, ai contatti si mandano dei pin per “sbloccare” il conto della vittima. Dopo di che lo si utilizza per effettuare acquisti e ordini. 

Cosa si può fare? Segnalare alle vittime che il loro profilo è stato clonato e avvertire il servizio clienti. In questo modo gli account-truffa scompaiono in un paio di giorni. Stando a Instagram «si tratta di una violazione dei termini di utilizzo, per rilevare e bloccare queste pratiche investiamo molte risorse».

Secondo la Protezione dei consumatori è una pratica ormai arcinota: «Se sul web vi chiedono i vostri dati personali, il campanello d'allarme deve suonare subito», spiega Alex von Hettlingen.

Più o meno della stessa idea l'esperto di protezione dei dati Stefan Thöni: «Potrebbe darsi che gli utenti di Instagram, in quanto più giovani, possano cascarci». Secondo lui però la minaccia non durerà ancora a lungo: «A un certo punto abbiamo imparato anche a chiudere la porta di casa per non far entrare i ladri, anche con la cyber security la gente diventerà più scaltra».

Commenti
 
vulpus 4 sett fa su tio
L'inganno è dietro l'angolo. C'è pure l'invito da parte degli amici a partecipare al giochino di gruppo online, e poi ti ritrovi che qualcuno ha fatto acquisti in internet utilizzando il tuo collegamento. Le precauzioni non sono mai troppe.
Angy Ghisle 4 sett fa su fb
Emma D'Angelo
Veronica Raffaini 1 mese fa su fb
Daniele Mazidi
Daniele Mazidi 1 mese fa su fb
Veronica Raffaini eh sì..
seo56 1 mese fa su tio
Bisogna già essere tonti per cascarci...
miba 1 mese fa su tio
Niente di grave, i soliti problemi di "social", cioè quei pseudo-problemi che prima di fèss book, instagram, whatsapp, ecc. non esistevano. Certo che per chi non sa socializzare all'infuori dei "social" posso immaginare che questo non è un problema ma una tragedia apocalittica :):):)
Noe Torti 1 mese fa su fb
E ma che palle! Io non gliel’ho dato.... basta dire che: so che sei un profilo falso e poi ti bloccano subito!
albertolupo 1 mese fa su tio
a me, me pare na roba per polli. se il profilo “sembra” uguale e il nome è un po’ diverso, ci sarà sicuramente il tentativo di gabbare, ma arrischia di nemmeno essere penalmente rilevante...
Alessandra Lisciandrello 1 mese fa su fb
Melissa ...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
29 min

Oggi hai già raccolto punti Karma?

È facile aiutare gli altri: Sämi l’ha provato di persona per le strade di Zurigo, addolcendo la giornata di alcune persone. Fatti ispirare!

SVIZZERA
50 min

«Chi non ha previsto nulla di importante scenda dal treno»

I passeggeri di un Intercity che nell'ora di punta collega Bienne a Zurigo sono stati pregati di scendere. Le FFS si scusano ma motivano l'annuncio con ragioni di sicurezza

VIDEO
BERNA
9 ore

Una rotonda bernese fa impazzire i social

Tante le fotografie e i video apparsi sui social network che ne celebrano l'idea. Richieste sono arrivate anche dal Canada

BERNA
10 ore

Abusa della baby sitter 15enne: «Pratiche disgustose»

Un padre di famiglia è stato condannato a 33 mesi. La ragazzina ha ottenuto 15mila franchi di risarcimento

SVIZZERA
15 ore

Congedo paternità, il Governo respinge anche le due settimane

Per il Consiglio federale anche il controprogetto indiretto all'iniziativa che chiede quattro settimane è da bocciare

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report