keystone
BERNA
26.03.19 - 17:440
Aggiornamento : 19:42

Accordo quadro: «Il governo trovi soluzioni creative»

È quanto ha sostenuto oggi la Commissione della politica estera del Nazionale

BERNA - Il Consiglio federale deve lavorare per un accordo quadro con l'Unione europea (Ue) che sia in grado di ottenere la maggioranza. È quanto ha sostenuto oggi la Commissione della politica estera del Nazionale. Per le questioni in sospeso il governo dovrebbe trovare soluzioni creative.

Questa presa di posizione, che valuta il testo come sostanzialmente a favore degli interessi della Svizzera, è stato approvata per 16 voti contro 9, ma questo non deve essere visto come un invito a firmare subito l'intesta. L'esecutivo deve "continuare a lavorare", ha detto ai media a Berna la presidente della commissione Elisabeth Schneider-Schneiter (PPD/BL).

Ulteriori trattative sono state escluse dall'Ue. La commissione vede però margine di manovra, almeno per quel che riguarda spiegazioni e precisazioni. Diverse questioni vanno chiarite in modo che il testo possa avere una possibilità di essere approvato dal popolo. In particolare, non si può permettere che la protezione dei salari venga indebolita.

Una proposta di respingere l'accordo è stata bocciata con 17 voti contro 8. La commissione ha così voluto schierarsi con il Consiglio federale, sostenendolo in questo modo in vista delle trattative, ha spiegato Schneider-Schneiter.

«Sono cadute le maschere» - Sull'esito della riunione della Commissione ha preso posizione l'UDC ticinese. «Le maschere sono immediatamente cadute. PLR, PPD, PS e Verdi, tutti insieme appassionatamente, hanno chiesto al Consiglio federale di concludere l’accordo quadro entro al massimo un anno», si legge in un comunicato.

«Evidentemente coloro che vogliono svendere il Paese usando la calcolatrice dell’economia d’esportazione sono ben rappresentati in Parlamento. Con l’accordo istituzionale cediamo la nostra sovranità. Questo è chiaro. Diamo una spallata alla nostra democrazia diretta e ci mettiamo alla mercee di giudici stranieri e delle loro sentenze» hanno affermato i democentristi ticinesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
ZURIGO
1 ora

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
3 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
4 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

SVIZZERA
5 ore

Implenia: interrotti i colloqui fra Cda e azionisti attivisti

Si sta trattando la possibile scissione fra le varie attività del conglomerato

SVIZZERA
5 ore

Alle FFS mancano ancora macchinisti

Dei bus sostitutivi sono stati impiegati per il trasporto dei passeggeri sulla linea fra Olten (SO) e Sissach (BL)

SVIZZERA
7 ore

Quei clienti insoddisfatti che sul web insultano le prostitute

E lo fanno nel peggior modo possibile: in anonimato e su un forum online, rovinando le loro carriere e mettendole realmente in pericolo

ZURIGO
8 ore

Recensioni fake nello shopping online, è iniziata la guerra

Amazon investe 400 milioni di dollari per «proteggere i clienti dalle recensioni fake e dalle frodi». Perchè ormai è un dato di fatto: i feedback dei clienti determinano l’acquisto di un prodotto

SVIZZERA
9 ore

Candidature senza risposta: «È un comportamento sfacciato»

In un caso su due le aziende non si fanno più vive, spesso nemmeno dopo un colloquio. Lo rivela uno studio di Jobcloud

GRIGIONI
17 ore

Quando la selvaggina è contaminata ma il cacciatore non te lo dice

E te la vende. Si sbagliano in molti, come confermano le autorità grigionesi, ma non per malizia: «Spesso hanno dubbi o sono troppo orgogliosi»

VALLESE
17 ore

Ritrovata la carcassa di un'auto nel Rodano: è quella del dramma di Chamoson?

Le lamiere rinvenute nei pressi di Leytron potrebbero appartenere al veicolo travolto dalla piena di un ruscello più di due mesi fa. A bordo vi erano un uomo di 37 anni e una bimba di 6

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile