Keystone
VALLESE
15.02.19 - 09:080

Mattatoio di Martigny: 6400 firme in 2 giorni

L'organizzazione animalista PEA chiede al veterinario cantonale di chiuderlo a causa delle sofferenze inflitte agli animali

MARTIGNY - L'organizzazione animalista PEA (Pour l'égalité animale) ha raccolto in due giorni oltre 6400 firme per chiedere al veterinario cantonale di far chiudere immediatamente il mattatoio di Martigny (VS) a causa delle sofferenze inflitte agli animali.

La petizione viene consegnata oggi a Sion. «È un segnale molto forte», ha affermato il portavoce dell'associazione Fabien Truffer, citato in un comunicato diffuso questa notte. «Se il veterinario cantonale prende sul serio la legislazione per la protezione degli animali, dovrà agire di conseguenza e chiudere il mattatoio», ha aggiunto.

Martedì PEA ha denunciato la struttura al ministero pubblico e al veterinario cantonale per maltrattamento di animali. All'esposto è stato allegato un video girato con telecamera nascosta, che mostra l'atteggiamento degli impiegati nei confronti degli animali, vittime di calci e stordimenti non andati a buon fine.

La direzione della struttura, contattata sempre martedì dalla RTS, ha affermato che «i rapporti ottenuti da diversi organi di controllo ufficiali, l'ultimo dei quali nell'ottobre 2018, ovvero tre mesi dopo il video, rivelano una conformità del processo generale d'abbattimento». I dirigenti valutano di sporgere denuncia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
56 min
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
1 ora
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
2 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
2 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
4 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
5 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
5 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
5 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
5 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
GINEVRA
6 ore
È il grande giorno del Léman Express
La rete - sulla quale circoleranno 240 treni al giorno - viene inaugurata oggi. Fra tre giorni sarà aperta al pubblico
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile