BERNA
14.02.19 - 13:470

Legge sulle armi: un "no" sarebbe pericoloso per la sicurezza

Consiglio federale e Parlamento raccomandano di approvare la revisione parziale che traspone nel diritto elvetico direttive emesse dall'Ue

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Lottare contro l'abuso di armi per scopi criminali e rimanere associati a Schengen e Dublino, aspetto di centrale importanza per la Svizzera. Per questi motivi, il Consiglio federale e il Parlamento raccomandano di approvare il prossimo 19 di maggio la revisione parziale della legge sulle armi che traspone nel diritto elvetico direttive emesse dall'Ue. Un "no" avrebbe conseguenze gravi sulla sicurezza del Paese.

In cosa consiste - La revisione della legge sulle armi si prefigge di limitare la diffusione di quelle semiautomatiche, come richiesto dalla direttiva Ue in materia decisa dopo gli attentati terroristici di Parigi. In futuro, in base al testo della normativa riveduta, nulla cambierà per i militari, i cacciatori e chi pratica il tiro sportivo.

Limitazioni sono state poste per quanto attiene ai caricatori, ora in vendita libera. In futuro, solo chi è autorizzato ad acquistare un'arma potrà anche procurarsi un caricatore di grande capacità (oltre 10 colpi per le armi semiautomatiche lunghe e oltre 20 colpi per quelle corte).

Obbligo di annunciarsi - Per chi possiede un'arma semiautomatica con un caricatore di grande capacità non iscritta in un registro cantonale delle armi, dovrà annunciarsi alle autorità preposte entro tre anni dall'entrata in vigore della legge.

«Nessun disarmo» - «Nessuno sarà disarmato e le nostre manifestazioni di tiro, come il tiro in campagna, il tiro obbligatorio, il 'Knabenschiessen' di Zurigo - gara di tiro riservata ai giovani - ma anche il tiro sportivo di competizione, non saranno messe in pericolo dalla revisione parziale», ha sostenuto oggi davanti ai media la consigliera federale Karin Keller-Sutter, eletta nel dicembre scorso al posto del dimissionario Johann Schneider-Ammann.

Le posizioni del mondo politico - Secondo la responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia, la Svizzera è riuscita a mitigare alcuni aspetti della direttiva europea e a preservare alcune sue peculiarità legate alle armi in quanto Stato membro di Schengen.

Nell'attuazione nel diritto svizzero il Consiglio federale e il Parlamento hanno sfruttato il margine di manovra concesso dalla direttiva salvaguardando in questo modo la tradizione svizzera del tiro.

La ministra sangallese ha sottolineato che un "no" alla revisione rischia di mettere in forse la cooperazione con gli Stati Schengen e Dublino. In caso di voto negativo, la cooperazione cessa automaticamente, a meno che la commissione UE e tutti gli Stati UE siano disposti a venire incontro alla Svizzera entro 90 giorni. Non occorre una disdetta. A suo dire, nessun aspetto della revisione giustifica che si rimetta in questione tale cooperazione.

Secondo René Bühler, direttore supplente dell'Ufficio federale di polizia (fedpol), questi accordi garantiscono l'accesso al sistema d'informazione di Schengen SIS, accesso che la Svizzera ha già da dieci anni. A suo parere, si tratta di uno strumento che ha rivoluzionato la cooperazione in materia di ricerca e a cui non si può più rinunciare.

«Ogni giorno vi sono più di 300 000 ricerche nel sistema da parte dei servizi di sicurezza e delle autorità in materia d'asilo e nel 2018 vi sono stati 19 000 riscontri positivi». In media, negli ultimi dieci anni, il SIS ha permesso un arresto al giorno. Per fedpol e gli altri servizi di sicurezza la situazione è chiara, secondo Bühler: «rinunciare a Schengen sarebbe una condanna alla cecità».

TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
36 min
Liberale, fidanzata e fan della fondue: ecco la consigliera agli Stati più giovane
Classe 1988, Johanna Gapany è stata eletta domenica al ballottaggio a Friburgo. Donne che si impegnano in politica, afferma, ce ne vorrebbero di più
ZURIGO
1 ora
5G: la maggioranza della popolazione vorrebbe fosse fermato
Secondo un sondaggio Tamedia, più della metà degli intervistati è contro una copertura a tappeto. A trarne vantaggio, sostengono, sarebbero le grandi aziende
VIDEO
ZURIGO
9 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
10 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
11 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
FRIBURGO
15 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
LUCERNA
17 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
BERNA
18 ore
L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay
Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"
SVIZZERA
19 ore
Banca ginevrina vuole attirare clienti svizzeri in Italia
Si tratta di Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, nata dall'acquisizione del gruppo elvetico Morval Vonwiller da parte del gigante italiano Intesa Sanpaolo
SVIZZERA
19 ore
Quella guerra allo scontrino fatta nel nome dell'ambiente
Coop l'ha lanciata, Lidl la fa già da anni e Migros... sta inseguendo. Ecco come sta cambiando il nostro modo di fare la spesa
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile