Keystone
SVIZZERA
06.02.19 - 14:240

Soldi tedeschi in Svizzera: tutto da rifare

Il Tribunale federale rimanda la causa a Zurigo sui milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati in Julius Bär

LOSANNA - Rischia di andare ancora per le lunghe l'annosa vertenza tra Julius Bär e le autorità tedesche nella causa legata alla scomparsa di somme milionarie dell'ex Germania orientale comunista. Il Tribunale federale (TF) ha annullato la sentenza della giustizia zurighese, che aveva deciso in favore della banca e che dovrà ora tornare ad occuparsi dell'intricato caso.

Il 18 aprile 2018 il tribunale superiore di Zurigo aveva respinto in seconda istanza un'azione legale contro Julius Bär avviata nel 2014 dall'Istituto federale tedesco per i compiti speciali legati alla riunificazione (Bundesanstalt für vereinigungsbedingte Sonderaufgaben, BvS), che esige dalla banca zurighese la restituzione di oltre 100 milioni di franchi più interessi. In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale accoglie tuttavia nei punti principali le argomentazioni di quest'ultimo e rimanda la causa a Zurigo per una nuova valutazione.

Da oltre due decenni la Germania è alla ricerca di milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati da membri del Partito di Unità socialista di Germania (SED, comunista), al potere dal 1949 al 1990. A quanto sembra una società della Repubblica democratica tedesca (RDT, o DDR nella sigla tedesca) attiva nel commercio estero avrebbe spostato grossi importi su conti di banche straniere perché non finissero nelle casse della Germania riunificata.

Si trattava di circa 97 milioni di franchi, cui si sono aggiunti gli interessi maturati dal 1994, per un totale che era stato calcolato in oltre 200 milioni di franchi. Il BvS è partito alla caccia di tali fondi. Il problema sta nel fatto che da tempo il denaro è stato rimosso dai conti in questione e che le tracce sono state cancellate. L'autorità tedesca vuole quindi rendere responsabili le banche che non hanno impedito i prelevamenti.

La disputa tra il BvS e Julius Bär riguarda l'ex banca Cantrade, che tra il 1989 e il 1992 non avrebbe bloccato numerosi ritiri di questo genere. Julius Bär aveva rilevato la Cantrade nel 2005 da UBS e quindi secondo l'autorità tedesca ha l'obbligo di restituire i milioni scomparsi. Ma Julius Bär si oppone con vigore, sostenendo che ai tempi in cui sono avvenuti i fatti l'istituto apparteneva a UBS.

Nella sentenza dell'aprile 2018, il Tribunale superiore di Zurigo aveva ritenuto la vertenza conclusa, essendo avvenuta nel 2009 una transazione tra il BvS e la direttrice della società della DDR, accordo in base al quale questa doveva versare al BvS 106 milioni di euro che teneva depositati su un conto della Banca cantonale di Zurigo. Il tribunale zurighese aveva dunque respinto le richieste dello stesso BvS nei confronti della banca Julius Bär.

Il Tribunale federale non è invece dello stesso avviso. I supremi giudici di Losanna rilevano che l'accordo è stato concluso tra la direttrice della società e il BvS, senza che la banca fosse coinvolta nella transazione. Le richieste nei suoi confronti da parte dell'autorità tedesca rimangono dunque legittime. Il TF rinvia così di nuovo il dossier al Tribunale superiore di Zurigo per un riesame.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 ore
Quando i manifesti vengono vandalizzati dalle mucche
Da stanotte i cartelloni dei politici hanno cominciato a sparire per lasciare il posto ad altri prodotti. I danneggiamenti hanno interessato tutti i partiti
GRIGIONI
13 ore
Aggrediti alla festa della birra, feriti gravemente due ragazzi
Finita la festa uno dei due ventenni ha chiesto ad altre persone presenti in un piazzale una sigaretta, gesto che ha apparentemente portato alla colluttazione
BERNA
14 ore
Capitale blindata per la partita con il Feyenoord
La polizia cantonale bernese ha organizzato imponenti misure di sicurezza in vista dell'impegno di Europa League di giovedì dello Young Boys
SVIZZERA
14 ore
Boom di morbillo, oltre 200 casi nel 2019
La cifra riguarda il periodo fra gennaio e fine settembre. Lo scorso anno i casi furono 34
GIURA
15 ore
Scoperti due cadaveri in un appartamento
I due corpi senza vita sono stati trovati a Haute-Sorne
SVIZZERA
17 ore
Gli elettori UDC non sopportano Greta Thunberg
Nelle elezioni federali i Verdi hanno potuto contare sulle donne e sui giovani. Ecco i risultati dell’ultimo sondaggio Tamedia
SVIZZERA
18 ore
Per patrimonio pro capite gli svizzeri restano i più ricchi al mondo
Lo conferma l'annuale Global Wealth Report di Credit Suisse secondo il quale in media "valiamo" più di mezzo milione di franchi
VIDEO
TURGOVIA
18 ore
Ecco come non bisogna estrarre un dente
Un papà, maestro di scuola guida, ha tolto il dente da latte dondolante della figlia con l'aiuto della sua auto. Ma i dentisti sconsigliano questo metodo
ZURIGO
18 ore
Fumo in cabina, l'aereo Swiss fa "marcia indietro"
In volo per Roma ha fatto ritorno a Zurigo
FOTO
ZURIGO
19 ore
Ferrari unica al mondo in vendita su internet
Si tratta di un modello da collezione dedicato al pilota Kimi Räikkönen. Il suo valore? Oltre 1 milione di franchi. Sarà esposta dal 31 ottobre al 3 novembre al Salone dell'auto di Zurigo 2019
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile