Keystone
SVIZZERA
06.02.19 - 14:240

Soldi tedeschi in Svizzera: tutto da rifare

Il Tribunale federale rimanda la causa a Zurigo sui milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati in Julius Bär

LOSANNA - Rischia di andare ancora per le lunghe l'annosa vertenza tra Julius Bär e le autorità tedesche nella causa legata alla scomparsa di somme milionarie dell'ex Germania orientale comunista. Il Tribunale federale (TF) ha annullato la sentenza della giustizia zurighese, che aveva deciso in favore della banca e che dovrà ora tornare ad occuparsi dell'intricato caso.

Il 18 aprile 2018 il tribunale superiore di Zurigo aveva respinto in seconda istanza un'azione legale contro Julius Bär avviata nel 2014 dall'Istituto federale tedesco per i compiti speciali legati alla riunificazione (Bundesanstalt für vereinigungsbedingte Sonderaufgaben, BvS), che esige dalla banca zurighese la restituzione di oltre 100 milioni di franchi più interessi. In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale accoglie tuttavia nei punti principali le argomentazioni di quest'ultimo e rimanda la causa a Zurigo per una nuova valutazione.

Da oltre due decenni la Germania è alla ricerca di milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati da membri del Partito di Unità socialista di Germania (SED, comunista), al potere dal 1949 al 1990. A quanto sembra una società della Repubblica democratica tedesca (RDT, o DDR nella sigla tedesca) attiva nel commercio estero avrebbe spostato grossi importi su conti di banche straniere perché non finissero nelle casse della Germania riunificata.

Si trattava di circa 97 milioni di franchi, cui si sono aggiunti gli interessi maturati dal 1994, per un totale che era stato calcolato in oltre 200 milioni di franchi. Il BvS è partito alla caccia di tali fondi. Il problema sta nel fatto che da tempo il denaro è stato rimosso dai conti in questione e che le tracce sono state cancellate. L'autorità tedesca vuole quindi rendere responsabili le banche che non hanno impedito i prelevamenti.

La disputa tra il BvS e Julius Bär riguarda l'ex banca Cantrade, che tra il 1989 e il 1992 non avrebbe bloccato numerosi ritiri di questo genere. Julius Bär aveva rilevato la Cantrade nel 2005 da UBS e quindi secondo l'autorità tedesca ha l'obbligo di restituire i milioni scomparsi. Ma Julius Bär si oppone con vigore, sostenendo che ai tempi in cui sono avvenuti i fatti l'istituto apparteneva a UBS.

Nella sentenza dell'aprile 2018, il Tribunale superiore di Zurigo aveva ritenuto la vertenza conclusa, essendo avvenuta nel 2009 una transazione tra il BvS e la direttrice della società della DDR, accordo in base al quale questa doveva versare al BvS 106 milioni di euro che teneva depositati su un conto della Banca cantonale di Zurigo. Il tribunale zurighese aveva dunque respinto le richieste dello stesso BvS nei confronti della banca Julius Bär.

Il Tribunale federale non è invece dello stesso avviso. I supremi giudici di Losanna rilevano che l'accordo è stato concluso tra la direttrice della società e il BvS, senza che la banca fosse coinvolta nella transazione. Le richieste nei suoi confronti da parte dell'autorità tedesca rimangono dunque legittime. Il TF rinvia così di nuovo il dossier al Tribunale superiore di Zurigo per un riesame.

TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
8 min
Pioggia di multe per i partecipanti al funerale: «È un'ingiustizia!»
Una ventina le persone sanzionate: «Quando uno è in lutto non pensa al disco orario». Il Comune di Spreitenbach: niente cassetta, «è partià di trattamento»
ZURIGO
2 ore
Denunciata perché su Google ha dato una sola stellina alla polizia
La recensione negativa di una 28enne zurighese era nata da uno screzio con l'agente alla ricezione, che l'ha presa male. Lei: «Non sono insulti, solo critiche»
BERNA
3 ore
Critiche per l'assoluzione degli ambientalisti: «È una sentenza politica»
I dodici attivisti avevano inscenato una protesta al Credit Suisse di Losanna. Hanno agito «in stato di necessità legale» per l'emergenza climatica, ha stabilito il tribunale
SAN GALLO
3 ore
Sospesi i rinvii verso l'Italia di richiedenti asilo malati o famiglie in fuga
La Segreteria di Stato della migrazione conferma lo stop, dovuto alle insoddisfacenti condizioni di accoglienza nella vicina penisola
SONDAGGIO
BASILEA CAMPAGNA
16 ore
«Dosi elevate possono mettere a rischio la vita»
I sedativi con ricetta medica vanno a gonfie vele tra gli adolescenti. Gli eccessi e i rischi sono dietro l'angolo
SAN GALLO
16 ore
Operaio schiacciato da una porta in cemento armato da 1,2 tonnellate
L'uomo era impegnato nei lavori di ristrutturazione di un'abitazione, non ha mai perso i sensi ed è stato ospedalizzato d'urgenza
FOTO
VAUD
18 ore
Per Greta a Losanna un mare di folla: «Questo è solo l'inizio»
L'attivista svedese non si è risparmiata nel suo discorso oggi a Losanna. C'erano 10'000 ragazzi: «Esperienza unica». Fermato un manipolo di black-bloc
SVIZZERA
18 ore
Boom di zucchero, 240mila tonnellate prodotte nel 2019
Gli stabilimenti di Aarberg e Frauenfeld hanno trattato 1,65 milioni di tonnellate di barbabietole, per la maggioranza raccolte in Svizzera
ITALIA
21 ore
Salma di una svizzera sparisce e poi riappare, un arresto a Palermo
Mistero attorno alla salma di una donna svizzera nel cimitero di Palermo. Gli inquirenti italiani hanno arrestato un giovane di 25 anni
SVIZZERA
21 ore
Questi bastoncini di mais non sono adatti ai celiaci
Il prodotto venduto da Aldi è stato dichiarato erroneamente senza glutine, sebbene lo contenga
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile