Keystone
SVIZZERA
19.01.19 - 09:180
Aggiornamento : 13:08

Problemi tecnici e ritardi «sono imputabili a Bombardier»

Andreas Meyer critica il produttore canadese con cui le FFS hanno stipulato un contratto da 1.9 miliardi per l'acquisto di 62 treni. Per ora solo dodici sono attivi. La consegna era prevista nel 2013

BERNA - La libertà di acquisto delle FFS è già molto limitata, secondo Andreas Meyer, CEO dell'azienda, che si dichiara contrario ad altre richieste politiche in questo senso. Le critiche emerse negli ultimi tempi riguardano i problemi «persistenti» del nuovo treno a due piani "FV-Dosto".

Le interruzioni e i ritardi legati alla messa in servizio dei treni canadesi a due piani di Bombardier sono recentemente diventati una questione politica. La Commissione dei trasporti del Consiglio Nazionale martedì si è dichiarata «estremamente preoccupata» per i numerosi problemi riscontrati dai nuovi treni e ha chiesto risposte chiare da parte dei responsabili a febbraio.

«Abbiamo già un corsetto legale molto severo per gli acquisti, tutto è regolato fino all'ultimo dettaglio e questo comporta un pesante carico di lavoro amministrativo», anticipa Andreas Meyer in un'intervista ai giornali di "CH Media". Inoltre, non vede come la libertà di acquisto delle FFS possa essere ulteriormente limitata.

Nell'intervista, il CEO ribadisce anche le critiche a Bombardier. I problemi tecnici e i ritardi sono imputabili al produttore canadese che si è impegnato a fornire il materiale, ha detto. Meyer non è in grado di dire quando i 62 treni ordinati saranno operativi. Originariamente la messa in servizio era prevista per il 2013.

Il contratto - la più importante commessa nella storia delle FFS - ha un valore di 1,9 miliardi di franchi. Un terzo della somma è stata pagata e assicurata con garanzie bancarie. Un'eventuale richiesta di risarcimento non è «per il momento» all'ordine del giorno, ma «il contratto che abbiamo firmato con Bombardier è un contratto rigoroso con multe che vanno oltre l'ordinario», ha aggiunto il CEO senza fornire maggiori dettagli.

Interrogato venerdì dai giornali del gruppo CH-Media, Stéphane Wettstein, amministratore delegato di Bombardier Svizzera, difende il "FV-Dosto". Nell'intervista riconosce che i problemi legati principalmente alle porte e ai gradini elettrici scorrevoli sono «fastidiosi», ma precisa che non influiscono sulla sicurezza. Wettstein non ritiene che Bombardier sia responsabile di tutti i problemi: a suo dire, alcune pecche sono dovute al materiale rotabile, altre alla rete ferroviaria. «Tutti questi problemi possono essere risolti, ma ci vuole tempo», spiega. Alcune modifiche possono essere apportate solo dopo l'introduzione del treno nella rete, ha detto.

Le FFS avevano ordinato 62 "FV-Dosto" a Bombardier nel 2010. La consegna avrebbe dovuto essere effettuata già nel 2013. Al momento, sono in servizio solo dodici treni sulla linea InterRegio Basilea-Zurigo-San Gallo-Coira. Secondo le FFS, i disguidi hanno causato ripetutamente cancellazioni e ritardi dei treni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dragon76 2 anni fa su tio
Ma fino in Canada bisognava andare? Poi Bombardier ha iniziato con gli aerei, ne sanno poco di treni.. bohhh
Viperus 2 anni fa su tio
Facile dare la colpa sempre agli altri care FFS...perchè non avete acquistato treni svizzeri della Stadler? Sarebbero costati magari qualcosa in più ma almeno sarebbero stati forniti puntualmente....e nümm a pagum....
fakocer 2 anni fa su tio
@Viperus Infatti da Stadler si servono Stati Uniti Svezia Italia Grecia ( Kalavrita -Diakofto, tutto dire...) e altri. Che smiling Andy non si serve in casa probabilmente è per evitare che sulla stessa immagine Peter lo eclissa totalmente.
Danny50 2 anni fa su tio
Allora la Stadler non sarebbe in grado di fornire, anche se parzialmente, 60 treni, con 7’000 operai e oktre 2 miliardi di CA annui ? Se ho capito bene dall’articolo, ci si stà trascinando con ritardi di 5-6 anni con Bombardier.
vulpus 2 anni fa su tio
Doveva evitare di andare fare comande da questo produttore che non è nuovo a inadempienze: In primis comande di questo volume sarebbero giustificate su reti che vengono create ex novo: da noi il rinnovamento può essere benissimo pianificato, e procedere con quantitativi contenuti, che in caso di grossi problemi come il DOSTO, si può ovviare con velocità.Ma quale ente pubblico o privato che ha dei termini di consegna per il 2013, e che non sono rispettati, dopo ben 5 anni non ha ancora rescisso il contratto e applicato penalità degne di tale nome? Come mai le banche svizzere che hanno sgarrato in poco tempo hanno dovuto pagare penali fuori di teschio e qui che si parla di contratti di 2 milioni, si continua come se nulla fosse? Quando saranno consegnati saranno oramai vecchi e superati. Ha ragione chi ha scritto che si possono costruire in Svizzera: chiaramente che le nostre aziende non ricevono le comande poi sono obbligate a vendersi all'estero.Una vergogna nazionale come le FFS si gestiscono.
comp61 2 anni fa su tio
Bastava una penale per la consegna. Pure un bimbo ci arriverebbe. Se poi non vanno....
Thor61 2 anni fa su tio
@comp61 Probabilmente c'è, ma ho idea che sia a SFAVORE di FFS, che "giustamente" avranno firmato il solito accordo in cui poi in caso di problemi l'UNICO che pagherà il conto saranno sempre e solo i cittadini/ne di questa nazione. Accordi di questo tipo probabilmente servono solo a far girare i soldi tra i soliti amici, un'economia alla maniera dei titoli derivati, che nessuno sa cosa siano realmente, che che tutti hanno comprato, tanto il denaro mica esce dalle loro tasche!!!
comp61 2 anni fa su tio
@Thor61 si sente il tanfo di marcio lontano un miglio….
TI.CH 2 anni fa su tio
ci saranno anche ragioni politiche commerciali dietro questi contratti (io compro questo da te e tu compri questo da me), ma possibile che le ferrovie debbano non poter scegliere dove comprare i treni; noi in Svizzera costruiamo treni da molto tempo e apprezzati all'estero . Poi quando Wettstein parla di problemi alle porte che non in fluiscono sulla sicurezza a me pare sbagliato le porte devono funzionare in ogni modo correttamente altrimenti non sono sicure. Poi parlano di multe e penalità anche questa affermazione lascia adito a pregiudizi, possibile che con un ritardo di anni si continui con questo contratto? Penso proprio che se non vengono date informazioni chiare qui qualcuno ci guadagna.
Thor61 2 anni fa su tio
@TI.CH Ho idea che le penali siano a SFAVORE di FFS.
francox 2 anni fa su tio
Un altro affarone! Chissà se chi gestisce il contratto si porta a casa i bonus....
Danny50 2 anni fa su tio
Gli Stati esteri comprano i treni fabbricati in Svizzera, noi andiamo a comprare i rottami in Canada. Questa è la globalizzazione.
Pepperos 2 anni fa su tio
@Danny50 L'industria attualmente Svizzera non è in grado di fornire questo tipo d'equipaggio! Se si riferisce ai nostri prodotti? Piccole cose di nicchia! Ma non può misurarsi con aziende: bombardier, Alstom, Siemens, prodotti Cinesi o giapponesi di alta qualità e tecnologia.
Summerer 2 anni fa su tio
@Pepperos Io non so su che isola fuori dal mondo lei viva, ma i prodotti svizzeri non sono assolutamente di nicchia. Stalder Rail è uno dei piu' grandi produttori di treni al mondo... Si informi almeno prima di scrivere.
casi89 2 anni fa su tio
@Pepperos e dove vivi.sicuramente stadler rail e in grado di costruire questi treni.guarda in norvegia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Più tasse sulle sigarette? I fumatori diminuiscono
La Svizzera ha attualmente la più bassa pressione fiscale in Europa e ciò deve cambiare, secondo due associazioni
SVIZZERA
48 min
Dopo 24 anni tocca a un ticinese
Ignazio Cassis è stato eletto alla presidenza della Confederazione con 156 voti. Il suo vice sarà Alain Berset.
SVIZZERA
56 min
Sospetto islamista: «In Svizzera non può entrare»
Il Tribunale Amministrativo Federale ha respinto il ricorso di un cittadino francese, oggetto di un divieto di 5 anni
GRIGIONI
2 ore
Hotel a cinque stelle vittima di un attacco hacker
I criminali informatici hanno colpito il Waldhaus di Flims, rubando dati di dipendenti e ospiti.
GRIGIONI
4 ore
Il lupo come "vicino" durante l'inverno
Gli avvistamenti possono essere più frequenti durante la stagione fredda ma «non c'è un pericolo maggiore per l'uomo»
BERNA
4 ore
È il giorno di Cassis presidente
L'elezione da parte delle Camere federali avverrà verso le 12. L'ultimo ticinese a ricoprire la carica fu Flavio Cotti
SVIZZERA
4 ore
Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense
Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare
SONDAGGIO ELETTORALE TAMEDIA
6 ore
Quale partito intendete votare?
L'appuntamento con le prossime elezioni federali è previsto il 22 ottobre 2023. Oggi chi votereste?
Berna
12 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
16 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile